Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati

| In Ucraina, uno dei pochi Paesi in cui la pratica dell’utero in affitto a scopo economico è permesso, decine di bambini restano in attesa delle famiglie adottive, che non possono viaggiare per andare a prenderli

+ Miei preferiti
Non hanno voce e non possono protestare, sono troppo piccoli per farlo, ma il loro è uno dei tanti drammi dimenticati di questi mesi assurdi. Succede a Boston negli Stati Uniti, dove alcune coppie sono rimasti bloccate prima della chiusura dei confini, ma anche in Cambogia, in India e soprattutto in Ucraina, dove centinaia di bambini nati da madri surrogate sono sospesi, nel limbo dell’isolamento e non possono raggiungere i loro genitori adottivi all’estero, perché i confini del Paese rimangono chiusi.

La denuncia arriva da Lyudmila Denisova, attivista per i diritti umani del parlamento ucraino, che ha dichiarato in un briefing di essere al lavoro con il Ministero degli Esteri per aiutare i loro genitori ad ottenere i permessi necessari per entrare nel paese, i cui confini sono chiusi a causa della pandemia.

Alla “BioTexCom”, una clinica specializzata nella medicina riproduttiva e nella sostituzione mitocondriale, 46 bambini sono attualmente in cura presso l’Hotel Venice, una struttura di Kiev che i loro genitori, provenienti da Stati Uniti, Regno Unito, Spagna e altri paesi sperano di poter raggiungere per portare a casa i loro bimbi, nati da madri surrogate mentre il mondo era fermo. “Chiediamo ai Paesi di fare un’eccezione umanitaria al divieto di viaggio e di permettere ai loro cittadini di unirsi ai figli”, ha commentato l’avvocato della BioTexCom Denis Herman in un video diventato virale. In totale, secondo la Denisova che ha visitato il centro, circa 1000 bambini sono bloccati in cliniche specializzate di tutto il paese. 

Il Ministero degli Affari Esteri ucraino ha confermato che le frontiere del Paese rimangono chiuse in conformità con la legge, ma che i cittadini stranieri possono inviare una richiesta attraverso le ambasciate per cercare una soluzione. Il filmato ha rilanciato anche il dibattito in Ucraina sull’etica della maternità surrogata a scopo economico, con alcuni funzionari e attivisti per i diritti umani che rinnovano gli inviti al governo a vietare la pratica. L’Ucraina è uno dei paesi al mondo che non ha vietato la maternità surrogata a pagamento, e le sue cliniche offrono prezzi competitivi rispetto ad altri paesi. A partire dal 2015 il Paese ha anche assistito ad un’impennata della domanda, dopo che diversi paesi asiatici hanno vietato la pratica.

Lyudmila Denisova è sempre stata una voce critica, affermando che il video della BioTexCom pubblicizza i bambini come “un prodotto di alta qualità” per i futuri genitori. Sul sito della clinica, il “pacchetto standard” di maternità surrogata costa 39mila euro, 64.900 per il pacchetto “Vip”. In alternativa, un trattamento con un tentativo (compreso il check-up), costa 4.900 euro, due salgono a 6.900 e arrivare fino a 5 tentativi di donazione degli ovociti costa 11.900 euro con i pacchetti “Premium”.

“I bambini non devono essere soggetti al traffico di esseri umani: mi sto battendo per modificare le leggi e consentire solo agli ucraini di utilizzare questo genere di servizi”.

BioTexCom, uno dei centri più conosciuti in Ucraina, è stato oggetto di notizie di polemiche e inchieste su presunti maltrattamenti verso le madri surrogate. 

Galleria fotografica
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati - immagine 1
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati - immagine 2
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati - immagine 3
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati - immagine 4
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati - immagine 5
Mondo
Le ultime ore di Hong Kong
Le ultime ore di Hong Kong
La decisione sembra presa: Pechino pronta a emanare la legge sulla sicurezza nazionale per la città. La reazione degli Stati Uniti, che a Hong Kong hanno sempre applicato tariffe e controlli diversi rispetto al resto della Cina
Hong Kong torna in piazza
Hong Kong torna in piazza
La città di nuovo invasa dalle proteste, ma ad attendere i manifestanti massicci spiegamenti di polizia ed esercito: segno che Pechino non ha intenzione di tollerare ancora per molto
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La strategia sempre più caotica e rabbiosa di Trump sta accelerando il divario con gli alleati. E con un’America sempre più isolata, la Cina ha tutto da guadagnare
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
La proposta della premier Jacinda Ardern per permettere ai cittadini di riprendersi dal duro lockdown e ridare fiato al turismo, un settore fondamentale per l’economia
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
Ampham, con venti ad oltre 40 km/h, è atteso per mercoledì in zone già duramente colpite dalla pandemia. È il secondo per intensità dopo quello di più di 10 anni fa, che fece oltre 10mila vittime
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Il successo dell’isola nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la posizione globale e l’immagine internazionale di Taipei. E questo sta facendo infuriare Pechino
La Francia entra nella Fase 2
La Francia entra nella Fase 2
Con molta cautela e con il Paese diviso in due: zone rosse e verdi. Qualche concessione in più ai cittadini dopo 8 settimane di lockdown
Il virus oltre cortina
Il virus oltre cortina
Ufficialmente la COVID-19 non è entrata in Corea del Nord, anche se non si ha certezza di quanto affermato dal governo con voci di numerosi casi e centinaia di morti. La strategia di lockdown anticipato ed estremo sembra abbia funzionato
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Al di là della retorica trionfalistica di Pechino, la città epicentro del Covid-19 stenta a riprendersi: negozi chiusi, poca gente per strada e la sensazione che tutto si ripeterà presto con una seconda ondata
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Voci e notizie danno il leader nordcoreano ancora ricoverato e nelle mani di un team medico cinese, mentre il suo treno privato è stato avvistato in una località di villeggiatura