Il medico che aveva dato l’allarme colpito dal coronavirus

| Li Wenliang, l’oculista di Wuhan che per primo aveva intuito l’arrivo e la potenzialità del virus, era stato arrestato per procurato allarme e poi riabilitato. Ma ora il suo nome è fra i contagiati

+ Miei preferiti
La vicenda del dottor Li Wenliang aveva fatto il giro del mondo: il 30 dicembre scorso, era stato il primo a dare l’allarme, avvisando amici e parenti di  virus che si stava diffondendo velocemente nella zona di Wuhan. Avvisi che erano diventati virali anche se lui, un oculista, pensava si trattasse di un ritorno della Sars. La notizia diffusa da Wenliang era arrivata anche alle autorità cinesi, ma era rimasto inascoltato per giorni, quando basta perché succedesse quello che quotidianamente è sotto gli occhi del mondo intero. Ma non basta, perché giorni dopo Wenliang era stato addirittura arrestato insieme a sette colleghi per “procurato allarme”, salvo poi essere riabilitato e considerato un eroe nazionale.

Dopo l’arresto e la censura, l’oculista era tornato al lavoro all’ospedale centrale di Wuhan sentendosi impotente: “Non c’era niente che potessi fare. Tutto deve rispettare la linea ufficiale”.

Ora, per un ingrato e fetido gioco del destino, Li Wenliang è in un letto d’ospedale, e deve vedersela anche lui con il coronavirus che avrebbe voluto fermare. Una notizia che ha suscitato indignazione in tutta la Cina, dove cresce l’insofferenza contro la censura applicata dallo Stato sulla malattia, un ritardo colpevole che è già costato la vita a centinaia di persone.

Il 10 gennaio, dopo aver curato un paziente affetto da coronavirus, Li Wenliang ha iniziato a tossire e il giorno dopo aveva la febbre: due giorni dopo è stato ricoverato in ospedale e nei giorni successivi le sue condizioni hanno iniziato a peggiorare, così tanto da richiedere il trasferimento nel reparto di terapia intensiva. Il 1° febbraio è risultato positivo al coronavirus.

L’epidemia, intanto, non accenna a rallentare: secondo i dati diffusi dalla Commissione sanitaria cinese il numero di morti è salito a 425, con un picco di 64 decessi in un solo giorno, e più di 20mila contagi. Per contro, aumenta anche il numero di persone guarite e dimesse, salito a 635, mentre sono 152 i contagi al di fuori della Cina.

Secondo alcuni modelli predittivi, il picco dell’epidemia sarà raggiunto la prossima settimana.

Mondo
Giappone, più suicidi
che vittime del Covid
Giappone, più suicidi<br>che vittime del Covid
Il mese scorso si sono tolte la vita più persone di quante ne abbia uccise il virus. E le donne sono state le più colpite
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT