Il nonno operaio e il nipotino, la postina, l'ingegnere, il tecnico, il bambino, la cameriera, la pensionata, il manager in viaggio di nozze, l'informatico

| Chi erano alcune delle 14 vittime (due non ancora identificate) del folle commando omicida di Ripoll

+ Miei preferiti
Tutto si è detto sulla cellula di assassini, rinnegati anche dalla comunità islamica spagnola ("l'Islam non uccide"), sconfessati persino dai genitori che invitano l'ultimo del gruppo, l'autista del Van che ha fatto strage sulla Rambla, Younes Abouyaaqoub, 22 anni, a costituirsi "sanza uccidere altre persone". Il fratello minore è morto a Cambrils, ucciso dalla polizia. Lui dopo la strage era fuggito a piedi verso la zona universitraria e se ne sono perse le tracce. Delle vittime sono rimaste solo le foto di persone sorridenti prelevate dai profili di Facebook o dai documenti di identificazione. Sappiamo tutto dei nostri morti, Bruno Gulotta, 35 anni, informatico, sposato con Marina e padre di due figli piccoli; di Luca Russo, 25 anni, ingegnere di Bassano del Grappa, un ragazzo che aveva davanti a sè una carriera, con un brillante curriculum universitario. La fidanzata è ancora ricoverata in un ospedale della Catalogna. Ha riportato fratture e lesioni interne. Sono ancora 82 i feriti in cura, 79 a Barcellona, 2 a Cambrils; 51 sono gravi, 47 a Barcellona e 4 a Terragona.

Poi Carmela Lopardo, 80 anni, emigrata 40 anni fa in Argentina, originaria di Potenza. Aspettava l'arrivo di alcuni faimiliari per trasccorrere poi la serata sulla Rambla. Tra i primi ad essere falciata. All'elenco va aggiunto Pao Jerez, 34 anni, ucciso dal terrorista in fuga per impadronirsi della sua auto con un fendente alla gola. 

Tutte le 15 vittime sono state identificate con certezza e le autorità catalane non hanno diffuso ancora dati ufficiali. I medici legali che hanno effettuate le autopsie, non hanno potuto far altro che stilare uno dopo l'altro referti di morte uno eguale all'altro, per il tipo di lesioni prodotte dall'investimento del Van lanciato a folle velocità per 600 mettri, prima di schiantarsi contro un'edicola della Rambla.

Le altre vittime sono il bimbo australiano Julian Alessandro Cadman, 7 anni, morto in ospedale, la mamma Jumarie, di origine filippine, è agra gravissima in ospedale e non sa che il figlio non ce l'ha fatta a sopravvivere; Jared Tucker, 42 anni, cittadino Usa residente in California, nella San Francisco Area. Era in viaggio di nozze con la moglie Heidi. Lei s'è salvata, nonostante le ferite, ma s'è ritrovata sola in ospedale non appena s'è ripresa. Del neo marito nessuna traccia per giorni. Poi lo hanno identificato già all'obitorio; Elke Vanbockrijck, 44 anni, postina belga che passeggiava con il marito militare e due figli di 11 e 14 anni, rimasti illesi; Francisco Lopez Rodriguez, 57 anni, di Grenada, operaio specializzato. Era con la figlia e altri familiari. Con lui è morto anche il nipotino Javi Martinez, di 3 anni. Alejandra Pereira, 40 anni, argentina emigrata in Spagna 5 anni fa, faceva la cameriera in un locale delle Ramblas, stava rientrando al lavoro dopo una pausa. Seguono tre cittadini tedeschi di cui, per ragioni di privacy, si sa poco.

Ventotto i feriti francesi, di cui quattro gravissimi. Tre i bambini ancora in ospedale. Le vittime appartengono a 35 nazionalità diverse

Mondo
Gli ebrei protestano per il segno del naso
Gli ebrei protestano per il segno del naso
Il “naso ebreo”, una diceria che si trascina da secoli, è entrata nel linguaggio dei segni di un dizionario online diffuso in Belgio, ma la comunità ebrea ha chiesto di rimuoverlo
Incidente nel laboratorio dei virus mortali
Incidente nel laboratorio dei virus mortali
A Vektor, in Siberia, un incendio sarebbe scoppiato in un’ala di uno dei soli due centri di ricerca dove si custodiscono i virus più letali della storia
Il massacro che ha sconvolto le Fiji
Il massacro che ha sconvolto le Fiji
Un uomo neozelandese è accusato di stregoneria: insieme alla moglie, durante un rituale esoterico avrebbe ucciso la famiglia della figlia
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Le lamentele e la tensione della chief executive di Hong Kong registrate in un audio diffuso dai media. Mentre cresce il malumore di Pechino
Australia: due fantine morte in due giorni
Australia: due fantine morte in due giorni
Melanie Tyndall travolta in gara dal cavallo di un avversario: due giorni prima Mikaela Claridge è stata disarcionata e non si è più rialzata
La battaglia di Saba Kord Afshari
La battaglia di Saba Kord Afshari
La giovane attivista iraniana condannata a 25 anni di carcere per essersi tolta il velo durante le manifestazioni di protesta del “Mercoledì bianco”. Al suo fianco intellettuali e organizzazioni umanitare
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
È crollata per un attacco cardiaco mentre faceva jogging: secondo i media era sotto pressione da tempo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro