Il peso specifico degli Omarosa tapes

| La nuova tegola sulla testa di Trump sono le rivelazioni dell’ex responsabile delle relazioni pubbliche della White House. A dare forza alle sue accusa alcune registrazioni segrete

+ Miei preferiti
I 513 mq della “Situation Room” sono uno degli angoli della Casa Bianca più inaccessibili al mondo esterno: lì dentro si gestiscono le più delicate operazioni di intelligence, un luogo ultrasicuro in cui è rigorosamente vietato introdurre qualsiasi tipo di apparecchio elettronico. È la stanza, per capirci, da cui Obama e il suo staff seguirono in diretta le fasi dell’attacco sferrato dai Navy Seal al rifugio segreto di Osama Bin Laden.

È proprio lì che Omarosa Manigault Newman, ormai ex consigliera della “White House”, ha registrato di nascosto le fasi del suo licenziamento dall’ufficio relazioni pubbliche dello staff presidenziale. Una vistosa violazione dei protocolli di sicurezza, da cui lei si difende affermando di non essere la sola: “Alla Casa Bianca tutti mentono su tutto. Mente Trump al popolo americano e mente la sua portavoce Sarah Sanders quando si presenta davanti al paese. Bisogna imparare in fretta a difendersi da soli, altrimenti si rischiano decine di pugnalate alle spalle”.

Due registrazioni che suonano come una sonora vendetta, diffuse dalla “NBC” e diventate l’ennesima grana a pesare sulle spalle di Donald Trump, ancora alle prese con i nastri sequestrati negli uffici del suo avvocato, in cui si sente il presidente discutere come e con quanto denaro assicurarsi il silenzio di Karen McDougal, l’ex coniglietta di “Playboy” compagna di giochi proibiti mentre Melania era a casa con il figlio nato da poco.

Nel primo audio di Omarosa, ex concorrente del programma “The Apprentice”, classe 1974, assunta nello staff elettorale di Trump per fare breccia nell’elettorato afroamericano, il capo di gabinetto John Kelly parla di “importanti problemi di integrità”, e la invita alle dimissioni “per evitare conseguenze legali che potrebbero incuriosire la corte marziale”. La donna ha raccontato di essere stata condotta nella Situation Room: “Hanno bloccato le porte e iniziato subito dopo a minacciarmi e intimorirmi”. Un tentativo di intimidazione pubblicato con dovizia di particolari in “Unhinged: an insider’s account of the Trump White House”, il libro in cui Omarosa racconta la sua esperienza alla Casa Bianca, definendo se stessa “complice involontaria di un presidente razzista, bigotto e misogino, le cui facoltà mentali si stanno deteriorando velocemente”. Uno che più volte l’ha definita “N-world”, definizione dell’impronunciabile “Nigger”, oltre ad aggettivi come “una piccola donna spregevole, perdente, poco intelligente, antipatica a tutti, assenteista e perennemente scontenta”.

Nel secondo audio, ancora una volta diffuso dalla NBC, si sente la voce di Omarosa minacciare Trump di “vuotare il sacco”. E non è finita: nelle mani di Omarosa ci sarebbe anche una telefonata con Ivanka e Jared Kusher, rispettivamente la figlia prediletta del tycoon e suo marito.

Galleria fotografica
Il peso specifico degli Omarosa tapes - immagine 1
Il peso specifico degli Omarosa tapes - immagine 2
Il peso specifico degli Omarosa tapes - immagine 3
Mondo
Star della TV russa si massacra un occhio
Star della TV russa si massacra un occhio
Valeria Khusnutdinova, giovanissima star di un reality di grande successo, è tornata a casa ubriaca e ha tentato di togliersi la lente a contatto, provocandosi dei danni seri
Dove si muore di più
Dove si muore di più
Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise
Massacro in Papua Nuova Guinea
Massacro in Papua Nuova Guinea
Almeno 24 persone barbaramente uccise in scontri tribali che infiammano una delle regioni più remote del paese. Il premier promette giustizia
Canada: assolto per due stupri
Canada: assolto per due stupri
L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale