Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi

| Ben 95 morti per un insieme di leggerezze, incompetenze e noncuranza: l’inchiesta sul naufragio dello scorso anno in Micronesia si è conclusa con pesanti accuse per il comandante e l’equipaggio

+ Miei preferiti
Il 18 gennaio dello scorso anno, il traghetto “MV Butiraoi”, un catamarano di legno lungo 17,5 metri, lascia l’isola di Nonouti con a bordo 89 passeggeri, 13 membri di equipaggio e 35 tonnellate di noci di cocco nascosti nelle stive, per un peso complessivo superiore alla portata. Era diretto a Betio Tarawa, dov’era atteso dopo due giorni di navigazione. Entrando in mare aperto, il vecchio catamarano deve però vedersela con onde alte fino a 2,5 metri: dopo 30 minuti, le traverse strutturali dell’imbarcazione iniziano a collassare. Neanche due ore dopo, l’imbarcazione si spezza in due e affonda.

Il Butiraoi era dotato di due zattere di salvataggio da 25 persone e altre due barche in alluminio: ambedue le zattere sono state semi-distrutte dal relitto. Dopo tre giorni alla deriva, una delle barche in alluminio si è capovolta ed è affondata. Su quella rimanente non ci sono né cibo né acqua, e i pochi sopravvissuti muoiono uno dopo l’altro.

Il 26 gennaio successivo, le autorità di Kiribati, arcipelago della Micronesia a cavallo dell’Equatore, lanciano l’allarme: del Butiraoi non c’è più traccia. Partono le operazioni di ricerca e soccorso, a cui qualche giorno dopo si uniscono mezzi aerei degli Stati Uniti e dell’Australia. A due giorni di distanza, un aereo di pattuglia della “Royal New Zealand Air Force” individua un gommone con a bordo sette passeggeri del Butiraoi che vengono salvati poco dopo da un peschereccio: affermano che il traghetto, sovraccarico, si era spezzato in due affondando.

Le ricerche aeree proseguono fino al 1° febbraio, senza mai trovare altri passeggeri. Fra i sette superstiti, tutti allo stremo delle forze, due membri dell’equipaggio e una ragazza di 14 anni.

Dopo mesi di lavoro, sono stati resi noti i risultati dell’inchiesta, che raccontano una vicenda agghiacciante: la maggior parte delle 95 vittime morirono di fame, disidratazione e ipotermia grazie alla noncuranza dei membri dell’equipaggio, completamente ubriachi fin dal momento della partenza, e di un comandante incompetente che finì per condannare i passeggeri ad una morte atroce.

La commissione ha accertato che preoccupazioni sull’integrità dell’imbarcazione erano emerse ben prima che la Butiraoi lasciasse il porto. Il traghetto aveva subito due fermi, era stato danneggiato da “sovraccarico eccessivo e ripetitivo” e classificato a rischio per una “manutenzione molto scarsa”. La licenza radio era scaduta il 1° gennaio, mentre l’idoneità a prendere il mare sarebbe giunta al termine due giorni dopo la partenza, il 20 gennaio. In sostanza, la barca non era idonea alla navigazione.

Il rapporto accusa pesantemente il capitano, colpevole di non aver ascoltato gli allarmi lanciati dal servizio meteo, proseguendo nella navigazione nonostante le mareggiate. Si sarebbe anche rifiutato di rallentare quando forti e preoccupanti rumori di cedimento avevano iniziato a provenire dall’interno della barca, e – per finire – “non ha svolto il suo ruolo quando la tragedia era in atto. È stato visto su uno scafo capovolto con alcuni passeggeri, stordito e in preda al panico”.

Quando la barca è affondata, nessuno sulla terraferma sapeva cos’era successo. Il capitano non ha avvisato la guardia costiera della partenza del traghetto, non ha inviato messaggi di soccorso prima che fosse troppo tardi e non ha attivato il radiofaro che avrebbe mostrato la posizione favorendo le operazioni di salvataggio. Una mastodontica impreparazione che ha causato un’enorme perdita di vite umane.

In generale, la competenza e l’inesperienza di tutto l’equipaggio era evidente, rileva il dossier, che parla anche di abuso di alcolici durante la navigazione.

Galleria fotografica
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi - immagine 1
Mondo
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale