Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi

| Ben 95 morti per un insieme di leggerezze, incompetenze e noncuranza: l’inchiesta sul naufragio dello scorso anno in Micronesia si è conclusa con pesanti accuse per il comandante e l’equipaggio

+ Miei preferiti
Il 18 gennaio dello scorso anno, il traghetto “MV Butiraoi”, un catamarano di legno lungo 17,5 metri, lascia l’isola di Nonouti con a bordo 89 passeggeri, 13 membri di equipaggio e 35 tonnellate di noci di cocco nascosti nelle stive, per un peso complessivo superiore alla portata. Era diretto a Betio Tarawa, dov’era atteso dopo due giorni di navigazione. Entrando in mare aperto, il vecchio catamarano deve però vedersela con onde alte fino a 2,5 metri: dopo 30 minuti, le traverse strutturali dell’imbarcazione iniziano a collassare. Neanche due ore dopo, l’imbarcazione si spezza in due e affonda.

Il Butiraoi era dotato di due zattere di salvataggio da 25 persone e altre due barche in alluminio: ambedue le zattere sono state semi-distrutte dal relitto. Dopo tre giorni alla deriva, una delle barche in alluminio si è capovolta ed è affondata. Su quella rimanente non ci sono né cibo né acqua, e i pochi sopravvissuti muoiono uno dopo l’altro.

Il 26 gennaio successivo, le autorità di Kiribati, arcipelago della Micronesia a cavallo dell’Equatore, lanciano l’allarme: del Butiraoi non c’è più traccia. Partono le operazioni di ricerca e soccorso, a cui qualche giorno dopo si uniscono mezzi aerei degli Stati Uniti e dell’Australia. A due giorni di distanza, un aereo di pattuglia della “Royal New Zealand Air Force” individua un gommone con a bordo sette passeggeri del Butiraoi che vengono salvati poco dopo da un peschereccio: affermano che il traghetto, sovraccarico, si era spezzato in due affondando.

Le ricerche aeree proseguono fino al 1° febbraio, senza mai trovare altri passeggeri. Fra i sette superstiti, tutti allo stremo delle forze, due membri dell’equipaggio e una ragazza di 14 anni.

Dopo mesi di lavoro, sono stati resi noti i risultati dell’inchiesta, che raccontano una vicenda agghiacciante: la maggior parte delle 95 vittime morirono di fame, disidratazione e ipotermia grazie alla noncuranza dei membri dell’equipaggio, completamente ubriachi fin dal momento della partenza, e di un comandante incompetente che finì per condannare i passeggeri ad una morte atroce.

La commissione ha accertato che preoccupazioni sull’integrità dell’imbarcazione erano emerse ben prima che la Butiraoi lasciasse il porto. Il traghetto aveva subito due fermi, era stato danneggiato da “sovraccarico eccessivo e ripetitivo” e classificato a rischio per una “manutenzione molto scarsa”. La licenza radio era scaduta il 1° gennaio, mentre l’idoneità a prendere il mare sarebbe giunta al termine due giorni dopo la partenza, il 20 gennaio. In sostanza, la barca non era idonea alla navigazione.

Il rapporto accusa pesantemente il capitano, colpevole di non aver ascoltato gli allarmi lanciati dal servizio meteo, proseguendo nella navigazione nonostante le mareggiate. Si sarebbe anche rifiutato di rallentare quando forti e preoccupanti rumori di cedimento avevano iniziato a provenire dall’interno della barca, e – per finire – “non ha svolto il suo ruolo quando la tragedia era in atto. È stato visto su uno scafo capovolto con alcuni passeggeri, stordito e in preda al panico”.

Quando la barca è affondata, nessuno sulla terraferma sapeva cos’era successo. Il capitano non ha avvisato la guardia costiera della partenza del traghetto, non ha inviato messaggi di soccorso prima che fosse troppo tardi e non ha attivato il radiofaro che avrebbe mostrato la posizione favorendo le operazioni di salvataggio. Una mastodontica impreparazione che ha causato un’enorme perdita di vite umane.

In generale, la competenza e l’inesperienza di tutto l’equipaggio era evidente, rileva il dossier, che parla anche di abuso di alcolici durante la navigazione.

Galleria fotografica
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi - immagine 1
Mondo
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Uno studio ha evidenziato quanto gli uomini imbarcati sulla flotta sottomarina cinese, costretti per lunghi mesi ad ambienti ristretti e rumorosi, sviluppano pericolose ossessioni