Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi

| Ben 95 morti per un insieme di leggerezze, incompetenze e noncuranza: l’inchiesta sul naufragio dello scorso anno in Micronesia si è conclusa con pesanti accuse per il comandante e l’equipaggio

+ Miei preferiti
Il 18 gennaio dello scorso anno, il traghetto “MV Butiraoi”, un catamarano di legno lungo 17,5 metri, lascia l’isola di Nonouti con a bordo 89 passeggeri, 13 membri di equipaggio e 35 tonnellate di noci di cocco nascosti nelle stive, per un peso complessivo superiore alla portata. Era diretto a Betio Tarawa, dov’era atteso dopo due giorni di navigazione. Entrando in mare aperto, il vecchio catamarano deve però vedersela con onde alte fino a 2,5 metri: dopo 30 minuti, le traverse strutturali dell’imbarcazione iniziano a collassare. Neanche due ore dopo, l’imbarcazione si spezza in due e affonda.

Il Butiraoi era dotato di due zattere di salvataggio da 25 persone e altre due barche in alluminio: ambedue le zattere sono state semi-distrutte dal relitto. Dopo tre giorni alla deriva, una delle barche in alluminio si è capovolta ed è affondata. Su quella rimanente non ci sono né cibo né acqua, e i pochi sopravvissuti muoiono uno dopo l’altro.

Il 26 gennaio successivo, le autorità di Kiribati, arcipelago della Micronesia a cavallo dell’Equatore, lanciano l’allarme: del Butiraoi non c’è più traccia. Partono le operazioni di ricerca e soccorso, a cui qualche giorno dopo si uniscono mezzi aerei degli Stati Uniti e dell’Australia. A due giorni di distanza, un aereo di pattuglia della “Royal New Zealand Air Force” individua un gommone con a bordo sette passeggeri del Butiraoi che vengono salvati poco dopo da un peschereccio: affermano che il traghetto, sovraccarico, si era spezzato in due affondando.

Le ricerche aeree proseguono fino al 1° febbraio, senza mai trovare altri passeggeri. Fra i sette superstiti, tutti allo stremo delle forze, due membri dell’equipaggio e una ragazza di 14 anni.

Dopo mesi di lavoro, sono stati resi noti i risultati dell’inchiesta, che raccontano una vicenda agghiacciante: la maggior parte delle 95 vittime morirono di fame, disidratazione e ipotermia grazie alla noncuranza dei membri dell’equipaggio, completamente ubriachi fin dal momento della partenza, e di un comandante incompetente che finì per condannare i passeggeri ad una morte atroce.

La commissione ha accertato che preoccupazioni sull’integrità dell’imbarcazione erano emerse ben prima che la Butiraoi lasciasse il porto. Il traghetto aveva subito due fermi, era stato danneggiato da “sovraccarico eccessivo e ripetitivo” e classificato a rischio per una “manutenzione molto scarsa”. La licenza radio era scaduta il 1° gennaio, mentre l’idoneità a prendere il mare sarebbe giunta al termine due giorni dopo la partenza, il 20 gennaio. In sostanza, la barca non era idonea alla navigazione.

Il rapporto accusa pesantemente il capitano, colpevole di non aver ascoltato gli allarmi lanciati dal servizio meteo, proseguendo nella navigazione nonostante le mareggiate. Si sarebbe anche rifiutato di rallentare quando forti e preoccupanti rumori di cedimento avevano iniziato a provenire dall’interno della barca, e – per finire – “non ha svolto il suo ruolo quando la tragedia era in atto. È stato visto su uno scafo capovolto con alcuni passeggeri, stordito e in preda al panico”.

Quando la barca è affondata, nessuno sulla terraferma sapeva cos’era successo. Il capitano non ha avvisato la guardia costiera della partenza del traghetto, non ha inviato messaggi di soccorso prima che fosse troppo tardi e non ha attivato il radiofaro che avrebbe mostrato la posizione favorendo le operazioni di salvataggio. Una mastodontica impreparazione che ha causato un’enorme perdita di vite umane.

In generale, la competenza e l’inesperienza di tutto l’equipaggio era evidente, rileva il dossier, che parla anche di abuso di alcolici durante la navigazione.

Galleria fotografica
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi - immagine 1
Mondo
Corea del Nord:
“In arrivo un regalo di Natale”
Corea del Nord:<br>“In arrivo un regalo di Natale”
Un messaggio inviato agli Stati Uniti sta mettendo in allarme le difese e le intelligence di mezzo mondo. Si teme il lancio di un satellite, con la stessa tecnologia delle testate nucleari a lunga gittata: un avvertimento chiaro
La parabola di Aung San Suu Kyi
La parabola di Aung San Suu Kyi
Dal Nobel per la Pace alle accuse di genocidio: l’ex attivista per i diritti umani della Birmania è accusata di non aver fatto nulla per impedire il massacro del popolo Rohingya
White Island, ricerche ancora ferme
White Island, ricerche ancora ferme
I parenti delle vittime e la popolazione locale accusa la polizia di troppa prudenza: l’isola è stata sorvolata da un drone, ma le operazioni di recupero sono ferme fino a data da destinarsi
Vulcano Whakaari: è una strage
Vulcano Whakaari: è una strage
Non ci sono più speranze di ritrovare ancora in vita gli otto dispersi, quasi tutti turisti in visita sull’isola neozelandese. Cinque le vittime accertate, più diversi feriti ricoverati in gravi condizioni. Le loro storie
“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”
“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”
La folle teoria di un giovane regista indiano, autore di un post su Facebook in cui giustifica le violenze invitando le donne ad accettarle e ad attrezzarsi di conseguenza. Ha rimediato una valanga di insulti e minacce da tutto il mondo
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
È successo in India, dove Abhijit e Srilakshmi volevano sposarsi ma la differenza di casta ha fatto scattare il divieto delle famiglie. Dopo essere scomparsi per settimane, i corpi dei due giovani sono stati ritrovati in un bosco
Un badge per i giorni del ciclo
Un badge per i giorni del ciclo
È bufera su una catena di grandi magazzini giapponesi, che ha chiesto alle proprie commesse di indossare un badge nei giorni del ciclo mestruale. Un’idea che voleva avere finalità sociali, ma che si è trasformata in un caso internazionale
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Pinkie, una giovane thailandese, si è gettata dal balcone di casa dopo l’ennesimo litigio con la madre. Era reduce da una devastante violenza sessuale di gruppo
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Dopo lunghi mesi di studi, è arrivata la conferma: impossibile recuperare i corpi di Daniele Nardi e Tom Ballard, morti sull’8000 himalayano 8 mesi fa
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Come nel film con Leonardo DiCaprio, un indiano di 48 anni indossava una divisa da pilota per sfruttare le agevolazioni aeroportuali riservate ai piloti e viaggiare gratis