Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi

| Ben 95 morti per un insieme di leggerezze, incompetenze e noncuranza: l’inchiesta sul naufragio dello scorso anno in Micronesia si è conclusa con pesanti accuse per il comandante e l’equipaggio

+ Miei preferiti
Il 18 gennaio dello scorso anno, il traghetto “MV Butiraoi”, un catamarano di legno lungo 17,5 metri, lascia l’isola di Nonouti con a bordo 89 passeggeri, 13 membri di equipaggio e 35 tonnellate di noci di cocco nascosti nelle stive, per un peso complessivo superiore alla portata. Era diretto a Betio Tarawa, dov’era atteso dopo due giorni di navigazione. Entrando in mare aperto, il vecchio catamarano deve però vedersela con onde alte fino a 2,5 metri: dopo 30 minuti, le traverse strutturali dell’imbarcazione iniziano a collassare. Neanche due ore dopo, l’imbarcazione si spezza in due e affonda.

Il Butiraoi era dotato di due zattere di salvataggio da 25 persone e altre due barche in alluminio: ambedue le zattere sono state semi-distrutte dal relitto. Dopo tre giorni alla deriva, una delle barche in alluminio si è capovolta ed è affondata. Su quella rimanente non ci sono né cibo né acqua, e i pochi sopravvissuti muoiono uno dopo l’altro.

Il 26 gennaio successivo, le autorità di Kiribati, arcipelago della Micronesia a cavallo dell’Equatore, lanciano l’allarme: del Butiraoi non c’è più traccia. Partono le operazioni di ricerca e soccorso, a cui qualche giorno dopo si uniscono mezzi aerei degli Stati Uniti e dell’Australia. A due giorni di distanza, un aereo di pattuglia della “Royal New Zealand Air Force” individua un gommone con a bordo sette passeggeri del Butiraoi che vengono salvati poco dopo da un peschereccio: affermano che il traghetto, sovraccarico, si era spezzato in due affondando.

Le ricerche aeree proseguono fino al 1° febbraio, senza mai trovare altri passeggeri. Fra i sette superstiti, tutti allo stremo delle forze, due membri dell’equipaggio e una ragazza di 14 anni.

Dopo mesi di lavoro, sono stati resi noti i risultati dell’inchiesta, che raccontano una vicenda agghiacciante: la maggior parte delle 95 vittime morirono di fame, disidratazione e ipotermia grazie alla noncuranza dei membri dell’equipaggio, completamente ubriachi fin dal momento della partenza, e di un comandante incompetente che finì per condannare i passeggeri ad una morte atroce.

La commissione ha accertato che preoccupazioni sull’integrità dell’imbarcazione erano emerse ben prima che la Butiraoi lasciasse il porto. Il traghetto aveva subito due fermi, era stato danneggiato da “sovraccarico eccessivo e ripetitivo” e classificato a rischio per una “manutenzione molto scarsa”. La licenza radio era scaduta il 1° gennaio, mentre l’idoneità a prendere il mare sarebbe giunta al termine due giorni dopo la partenza, il 20 gennaio. In sostanza, la barca non era idonea alla navigazione.

Il rapporto accusa pesantemente il capitano, colpevole di non aver ascoltato gli allarmi lanciati dal servizio meteo, proseguendo nella navigazione nonostante le mareggiate. Si sarebbe anche rifiutato di rallentare quando forti e preoccupanti rumori di cedimento avevano iniziato a provenire dall’interno della barca, e – per finire – “non ha svolto il suo ruolo quando la tragedia era in atto. È stato visto su uno scafo capovolto con alcuni passeggeri, stordito e in preda al panico”.

Quando la barca è affondata, nessuno sulla terraferma sapeva cos’era successo. Il capitano non ha avvisato la guardia costiera della partenza del traghetto, non ha inviato messaggi di soccorso prima che fosse troppo tardi e non ha attivato il radiofaro che avrebbe mostrato la posizione favorendo le operazioni di salvataggio. Una mastodontica impreparazione che ha causato un’enorme perdita di vite umane.

In generale, la competenza e l’inesperienza di tutto l’equipaggio era evidente, rileva il dossier, che parla anche di abuso di alcolici durante la navigazione.

Galleria fotografica
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi - immagine 1
Mondo
Famiglia indiana muore per un selfie
Famiglia indiana muore per un selfie
Quattro persone, tutte giovanissime, cadono una dopo l’altra nelle acque della diga del fiume Pambar. L’India è il Paese al mondo con più vittime per selfie
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
La disgustosa vicenda di Jennifer, una donna inglese che in un’intervista ha raccontato la terribile esperienza vissuta quando aveva solo 11 anni
Decapitata e gettata dal balcone
Decapitata e gettata dal balcone
Orrore a Chita, in Russia: una 19enne è stata fatta a pezzi da un uomo che ha gettato i resti dall’appartamento in cui viveva insieme alla ragazza
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
È successo in Thailandia, al tribunale di Yala: il giudice Khanakorn Pianchana si è sparato al petto per denunciare le pressioni subite da numerosi colleghi perché mandasse sul patibolo degli innocenti
NBP, il formicaio umano
NBP, il formicaio umano
La media di morti fra i detenuti della New Bilibid Prison delle Filippine è di 5.000 persone ogni anno. Una realtà in cui sopravvive soltanto chi ha i soldi per pagarsi la libertà anticipata o una detenzione a cinque stelle
La seconda isola harem di Epstein
La seconda isola harem di Epstein
Tra i suoi numerosi possedimenti, il miliardario pedofilo morto suicida aveva voluto aggiungere ad ogni costo Great St. James Cay. Una trattativa complicata risolta con l’inganno
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Un milione di dollari ad un uomo che a 9 anni era stato violentato nel confessionale da padre Gerald Ridsdale, un sacerdote reo confesso di violenza sessuale su decine di bambini
Joshua for president
Joshua for president
Il giovane leader del Movimento degli Ombrelli che da settimane mette a ferro e fuoco Hong Kong lancia la propria candidatura alle elezioni locali del prossimo novembre
La morte di una modella mina le notti thailandesi
La morte di una modella mina le notti thailandesi
Mentre prove ed esami sembrano incastrare il principale sospettato, il paese si interroga su un universo parallelo senza regole, fatto di alcol, droga e violenza
Chiuse le indagini dei killer del Canada
Chiuse le indagini dei killer del Canada
La polizia ha divulgato i risultati dell’inchiesta sui tre omicidi commessi da Kam McLeod e Bryer Schmegelsky, due adolescenti che avevano scelto di uccidere senza motivo. Trovati diversi video "agghiaccianti"