Il rapporto finale sulla strage di Christchurch

| In circa 800 pagine emerge che polizia e intelligence erano troppo occupati a prevenire il terrorismo islamico. Ma le condizioni in cui si è sviluppata l’idea del massacro di Brenton Tarrant non sarebbero state comunque prevedibili

+ Miei preferiti
Il rapporto finale di un’inchiesta sull’attacco terroristico alla moschea di Christchurch dello scorso anno ha rilevato che le agenzie di sicurezza e controspionaggio neozelandesi erano “quasi esclusivamente” concentrate sulla minaccia del terrorismo islamico, e la polizia – dal canto suo - non è riuscita a far rispettare i controlli sulle licenze per le armi da fuoco.

Tuttavia, la Commissione d’inchiesta afferma che non ci siano state vere mancanze all’interno delle agenzie governative riferite all’attacco di Brenton Tarrant, il suprematista bianco che il 15 marzo 2019 ha ucciso 51 musulmani in due moschee della città. Secondo la commissione, nulla avrebbe potuto fermare e far prevedere la strage. “Ma queste sono comunque mancanze di cui mi scuso personalmente”, ha commentato il premier Jacinda Ardern dopo la pubblicazione del rapporto.

La premier, amatissima, era stata elogiata a livello mondiale per la ferma e immediata risposta all’attacco vietando la vendita di armi semiautomatiche ad alta capacità.

Tuttavia, le autorità sono state criticate per aver ignorato i ripetuti avvertimenti lanciati dalla comunità musulmana verso i segnali di odio nei loro confronti che si stavano intensificando.

Il rapporto di 800 pagine si concentra su un’inopportuna concentrazione di risorse sulla minaccia del terrorismo islamico, a discapito di altre minacce, tra cui quella degli ambienti di suprematismo bianco. Il governo ha fatto proprie tutte le 44 raccomandazioni del rapporto, compresa la creazione di una nuova agenzia nazionale di intelligence e sicurezza, e la nomina di un ministro per coordinare la risposta del governo. La premier ha aggiunto che, su proposta della polizia, si procederà a identificare, registrare e monitorare i soggetti considerati a rischio. Ma la replica della comunità musulmana è di non sentirsi ancora al sicuro.

Il rapporto rivela che Tarrant è stato curato dai medici della città di Dunedin nei mesi precedenti l’attacco, dopo essersi sparato accidentalmente, ma il personale non ha mai avvertito la polizia delle sue ferite. Il rapporto raccomanda anche l’introduzione dell’obbligo di denuncia delle ferite da arma da fuoco alla polizia da parte di professionisti del settore sanitario. “In definitiva, il rapporto può essere distillato in una semplice premessa: i musulmani neozelandesi hanno bisogno di maggiore sicurezza - ha aggiunto la Ardern - chiunque chiami la Nuova Zelanda casa, indipendentemente da razza, religione, sesso o orientamento sessuale, ha il diritto di sentirsi al sicuro”.

Mondo
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Uno studio ha evidenziato quanto gli uomini imbarcati sulla flotta sottomarina cinese, costretti per lunghi mesi ad ambienti ristretti e rumorosi, sviluppano pericolose ossessioni