Il rischio di guerra nucleare è altissimo

| La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale

+ Miei preferiti
I responsabili dell’UN Institute for Disarmament Research hanno lanciato l’allarme: il mondo deve prendere più seriamente il rischio di una possibile guerra nucleare, giunto al massimo dai tempi del secondo conflitto mondiale.

Renata Dwan, direttrice dell’Istituto, davanti a una platea di giornalisti riuniti a Ginevra ha svelato che il panorama del controllo degli armamenti sta cambiando in modo radicale e veloce, in parte a causa della concorrenza strategica tra Stati Uniti e Cina. 

“La situazione finora è stata poco considerata dai media mondiali, ma è serissima: penso che sia necessario svelare che i rischi di guerra nucleare sono particolarmente elevati, e quelli sull’uso di armi nucleari sono più alti che in qualsiasi momento dopo la seconda guerra mondiale”.

La responsabile delle Nazioni Unite ha definito la questione “urgente” ed esortato perché il mondo sia messo al corrente che tutti i paesi dotati di arsenali nucleari hanno in corso programmi di modernizzazione e aggiornamento. Gli accordi internazionali di controllo sono stati erosi anche dall’emergere di nuovi tipi di guerra, con una crescente prevalenza di gruppi armati e forze del settore privato e di nuove tecnologie che offuscano il confine tra attacco e difesa.

Con i colloqui sul disarmo bloccati negli ultimi due decenni, 122 paesi hanno firmato un trattato per vietare le armi nucleari, in parte per frustrazione e in parte per il riconoscimento dei rischi, ha aggiunto Renata Dwan.

Il trattato di interdizione nucleare è stato sostenuto dalla campagna internazionale “Abolish Nuclear Weapons” che ha vinto il Premio Nobel per la Pace nel 2017. Il trattato ha finora raccolto 23 delle 50 ratifiche necessarie per la sua entrata in vigore, ed è sottoscritto da paesi come Sudafrica, Austria, Tailandia, Vietnam e Messico, ma fortemente osteggiata da Stati Uniti, Russia e da altri Paesi dotati di armi nucleari.

Anche Cuba ha ratificato il trattato nel 2018, 56 anni dopo la crisi missilistica della “Baia dei Porci”, il drammatico braccio di ferro durato 13 giorni, punto massimo della guerra fredda in atto fra Mosca e Washington, ma soprattutto un momento in cui il mondo ha sfiorato di un soffio una guerra nucleare.

Galleria fotografica
Il rischio di guerra nucleare è altissimo - immagine 1
Il rischio di guerra nucleare è altissimo - immagine 2
Mondo
Hong Kong, teorie e poche verità
sulla morte di un’adolescente
Hong Kong, teorie e poche verità<br>sulla morte di un’adolescente
La tragica fine di Chan Yin-lam è diventata una calamita per le cospirazioni, ma ha messo a nudo i profondi problemi del funzionamento della metropoli cinese teatro di scontri violenti, in cui i giovani pagano il prezzo più alto
La Thailandia è stanca di re Rama X
La Thailandia è stanca di re Rama X
Capriccioso, accentratore, ricchissimo, il sovrano vive stabilmente in Germania ma ha ampliato i possedimenti diventando uno degli uomini più ricchi del mondo. Ma a Bangkok la gente sta per scendere in piazza per dire basta
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Nathaniel Julius stava andando a comprare dei biscotti quando si è imbattuto in una pattuglia. Per la famiglia è stata un’esecuzione, perché il ragazzino non rispondeva alle loro domande. E Johannesburg esplode di rabbia
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Piegato da problemi di salute e con la popolarità ai minimi storici per la gestione della pandemia, il premier più longevo della storia nipponica annuncerà a breve la propria rinuncia
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Una modifica al “Judicial Proceedings Reports Act” impedisce a chiunque, vittime comprese, di rendere identificabili le vittime di reati sessuali, a meno di non usare uno pseudonimo
Navalny è stato avvelenato
Navalny è stato avvelenato
Il sospetto è che si tratti di gas nervino, una sorta di firma dei servizi segreti russi. Il dissidente non sarebbe più in pericolo di vita ma per i medici i danni sul sistema nervoso potrebbero essere permanenti
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Al momento è solo un’indiscrezione giornalistica, senza conferme e smentite, ma si rincorrono nuovamente le voci sulla salute del leader nordcoreano