Il rischio di guerra nucleare è altissimo

| La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale

+ Miei preferiti
I responsabili dell’UN Institute for Disarmament Research hanno lanciato l’allarme: il mondo deve prendere più seriamente il rischio di una possibile guerra nucleare, giunto al massimo dai tempi del secondo conflitto mondiale.

Renata Dwan, direttrice dell’Istituto, davanti a una platea di giornalisti riuniti a Ginevra ha svelato che il panorama del controllo degli armamenti sta cambiando in modo radicale e veloce, in parte a causa della concorrenza strategica tra Stati Uniti e Cina. 

“La situazione finora è stata poco considerata dai media mondiali, ma è serissima: penso che sia necessario svelare che i rischi di guerra nucleare sono particolarmente elevati, e quelli sull’uso di armi nucleari sono più alti che in qualsiasi momento dopo la seconda guerra mondiale”.

La responsabile delle Nazioni Unite ha definito la questione “urgente” ed esortato perché il mondo sia messo al corrente che tutti i paesi dotati di arsenali nucleari hanno in corso programmi di modernizzazione e aggiornamento. Gli accordi internazionali di controllo sono stati erosi anche dall’emergere di nuovi tipi di guerra, con una crescente prevalenza di gruppi armati e forze del settore privato e di nuove tecnologie che offuscano il confine tra attacco e difesa.

Con i colloqui sul disarmo bloccati negli ultimi due decenni, 122 paesi hanno firmato un trattato per vietare le armi nucleari, in parte per frustrazione e in parte per il riconoscimento dei rischi, ha aggiunto Renata Dwan.

Il trattato di interdizione nucleare è stato sostenuto dalla campagna internazionale “Abolish Nuclear Weapons” che ha vinto il Premio Nobel per la Pace nel 2017. Il trattato ha finora raccolto 23 delle 50 ratifiche necessarie per la sua entrata in vigore, ed è sottoscritto da paesi come Sudafrica, Austria, Tailandia, Vietnam e Messico, ma fortemente osteggiata da Stati Uniti, Russia e da altri Paesi dotati di armi nucleari.

Anche Cuba ha ratificato il trattato nel 2018, 56 anni dopo la crisi missilistica della “Baia dei Porci”, il drammatico braccio di ferro durato 13 giorni, punto massimo della guerra fredda in atto fra Mosca e Washington, ma soprattutto un momento in cui il mondo ha sfiorato di un soffio una guerra nucleare.

Galleria fotografica
Il rischio di guerra nucleare è altissimo - immagine 1
Il rischio di guerra nucleare è altissimo - immagine 2
Mondo
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Ben 95 morti per un insieme di leggerezze, incompetenze e noncuranza: l’inchiesta sul naufragio dello scorso anno in Micronesia si è conclusa con pesanti accuse per il comandante e l’equipaggio
Famiglia indiana muore per un selfie
Famiglia indiana muore per un selfie
Quattro persone, tutte giovanissime, cadono una dopo l’altra nelle acque della diga del fiume Pambar. L’India è il Paese al mondo con più vittime per selfie
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
La disgustosa vicenda di Jennifer, una donna inglese che in un’intervista ha raccontato la terribile esperienza vissuta quando aveva solo 11 anni
Decapitata e gettata dal balcone
Decapitata e gettata dal balcone
Orrore a Chita, in Russia: una 19enne è stata fatta a pezzi da un uomo che ha gettato i resti dall’appartamento in cui viveva insieme alla ragazza
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
È successo in Thailandia, al tribunale di Yala: il giudice Khanakorn Pianchana si è sparato al petto per denunciare le pressioni subite da numerosi colleghi perché mandasse sul patibolo degli innocenti
NBP, il formicaio umano
NBP, il formicaio umano
La media di morti fra i detenuti della New Bilibid Prison delle Filippine è di 5.000 persone ogni anno. Una realtà in cui sopravvive soltanto chi ha i soldi per pagarsi la libertà anticipata o una detenzione a cinque stelle
La seconda isola harem di Epstein
La seconda isola harem di Epstein
Tra i suoi numerosi possedimenti, il miliardario pedofilo morto suicida aveva voluto aggiungere ad ogni costo Great St. James Cay. Una trattativa complicata risolta con l’inganno
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Un milione di dollari ad un uomo che a 9 anni era stato violentato nel confessionale da padre Gerald Ridsdale, un sacerdote reo confesso di violenza sessuale su decine di bambini
Joshua for president
Joshua for president
Il giovane leader del Movimento degli Ombrelli che da settimane mette a ferro e fuoco Hong Kong lancia la propria candidatura alle elezioni locali del prossimo novembre
La morte di una modella mina le notti thailandesi
La morte di una modella mina le notti thailandesi
Mentre prove ed esami sembrano incastrare il principale sospettato, il paese si interroga su un universo parallelo senza regole, fatto di alcol, droga e violenza