Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti

| Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes, 5 anni, è stata colpita sulla bici della mamma, mentre andava a scuola. La polizia ha arrestato un narcotrafficante che era ricercato per altri due omicidi

+ Miei preferiti
Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes aveva 5 anni e tanti sogni: è la sesta bimba dell’anno uccisa da proiettili vaganti a Rio de Janeiro, vittima di una guerra che ormai non conosce pietà, in una città fra le più pericolose del mondo, dove le statistiche parlano di una donna uccisa ogni due ore.

È stata colpita sul seggiolino della bicicletta su cui la mamma la stava accompagnando a scuola. Secondo la polizia, il sospetto, identificato come Thiago Porto, fa parte di una gang che opera nel quartiere, in guerra con un’altra per il controllo dello spaccio: sulla sua testa c’erano due mandati di cattura per omicidio, ma andava in giro come nulla fosse, armato e tranquillo.

Porto è uno dei tre uomini che sono scesi da un’auto e hanno aperto il fuoco verso il diciassettenne Davi Gabriel do Nascimento, colpito a morte. Ketellen passava di lì, e uno dei proiettili l’ha colpita alla gamba, tranciandole di netto l’arteria femorale. Secondo quanto riferiscono i media locali, la bimba avrebbe ancora avuto la forza di dire alla mamma di non piangere.

La madre di Ketellen, illesa malgrado altri proiettili l’abbiano sfiorata, ha immediatamente portato la figlia al pronto soccorso di Jardim Novo, a Realengo: a metà pomeriggio la bambina è stata trasferita all’ospedale comunale Albert Schweitzer, dove è stata operata. Ma al termine dell’intervento le sue condizioni sono peggiorate, e Ketellen è morta senza mai riprendere conoscenza.

Il padre e la madre di Ketellen sono separati e la famiglia si è affidata all’aiuto di amici e parenti per poter dare una sepoltura alla bimba.

Il governatore di Rio, Wilson Witzel, ha tuonato contro il governo federale accusandolo di essere complice della morte di Ketellen per non aver impedito il passaggio di armi e droga attraverso i confini brasiliani: “La mancanza di qualsiasi controllo finisce per alimentare questa guerra folle”.

Ketellen è il sesto bambino ucciso da un proiettile vagante quest’anno nell’area metropolitana di Rio: le altre vittime sono Ágatha Félix, 8 anni, in un complesso popolare di Alemão, Kauê dos Santos, 12 anni, colpito per errore durante un’operazione di polizia, Kauê Rozário, 11 anni, bersaglio di un proiettile vagante a Vila Aliança, Kauan Peixoto, 12 anni, ucciso nella favela Chatuba di Mesquita, e Jenifer Gomes, 11 anni, morta a Triagem per un colpo di fucile che non era diretto a lei.

Mondo
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Un mese dopo la terribile eruzione del vulcano che ha ucciso 17 persone, negli ospedali neozelandesi sono ancora ricoverati 13 feriti gravi. A fine gennaio l’inizio dei trasferimenti verso le proprie abitazioni
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
La fretta nel fornire spiegazioni, il silenzio sui nomi di due misteriosi passeggeri e l’intenzione di non consegnare le scatole nere a nessuno, aumentano i sospetti degli esperti
La misteriosa epidemia che allarma Hong Kong
La misteriosa epidemia che allarma Hong Kong
La metropoli cinese teme il ripetersi del devastante impatto della Sars: il livello di allarme alzato di grado, con controlli e disinfezioni a tappeto. Quasi 50 i casi accertati finora
Lancia delle monete verso il motore di un aereo, condannato
Lancia delle monete verso il motore di un aereo, condannato
Un cinese di 28 anni ha pensato fosse beneaugurante lanciare monete verso il rotore dell’aereo su cui si stava imbarcando. È stato bloccato, arrestato e condannato a pagare i danni
Australia, la catastrofe del secolo
Australia, la catastrofe del secolo
Il Nuovo Galles del Sud dichiara lo stato di emergenza per 7 giorni, ma sono ormai decine i micidiali incendi boschivi che stanno mettendo in ginocchio il Paese