Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti

| Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes, 5 anni, è stata colpita sulla bici della mamma, mentre andava a scuola. La polizia ha arrestato un narcotrafficante che era ricercato per altri due omicidi

+ Miei preferiti
Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes aveva 5 anni e tanti sogni: è la sesta bimba dell’anno uccisa da proiettili vaganti a Rio de Janeiro, vittima di una guerra che ormai non conosce pietà, in una città fra le più pericolose del mondo, dove le statistiche parlano di una donna uccisa ogni due ore.

È stata colpita sul seggiolino della bicicletta su cui la mamma la stava accompagnando a scuola. Secondo la polizia, il sospetto, identificato come Thiago Porto, fa parte di una gang che opera nel quartiere, in guerra con un’altra per il controllo dello spaccio: sulla sua testa c’erano due mandati di cattura per omicidio, ma andava in giro come nulla fosse, armato e tranquillo.

Porto è uno dei tre uomini che sono scesi da un’auto e hanno aperto il fuoco verso il diciassettenne Davi Gabriel do Nascimento, colpito a morte. Ketellen passava di lì, e uno dei proiettili l’ha colpita alla gamba, tranciandole di netto l’arteria femorale. Secondo quanto riferiscono i media locali, la bimba avrebbe ancora avuto la forza di dire alla mamma di non piangere.

La madre di Ketellen, illesa malgrado altri proiettili l’abbiano sfiorata, ha immediatamente portato la figlia al pronto soccorso di Jardim Novo, a Realengo: a metà pomeriggio la bambina è stata trasferita all’ospedale comunale Albert Schweitzer, dove è stata operata. Ma al termine dell’intervento le sue condizioni sono peggiorate, e Ketellen è morta senza mai riprendere conoscenza.

Il padre e la madre di Ketellen sono separati e la famiglia si è affidata all’aiuto di amici e parenti per poter dare una sepoltura alla bimba.

Il governatore di Rio, Wilson Witzel, ha tuonato contro il governo federale accusandolo di essere complice della morte di Ketellen per non aver impedito il passaggio di armi e droga attraverso i confini brasiliani: “La mancanza di qualsiasi controllo finisce per alimentare questa guerra folle”.

Ketellen è il sesto bambino ucciso da un proiettile vagante quest’anno nell’area metropolitana di Rio: le altre vittime sono Ágatha Félix, 8 anni, in un complesso popolare di Alemão, Kauê dos Santos, 12 anni, colpito per errore durante un’operazione di polizia, Kauê Rozário, 11 anni, bersaglio di un proiettile vagante a Vila Aliança, Kauan Peixoto, 12 anni, ucciso nella favela Chatuba di Mesquita, e Jenifer Gomes, 11 anni, morta a Triagem per un colpo di fucile che non era diretto a lei.

Mondo
Aleksej Navalnj sta morendo
Aleksej Navalnj sta morendo
La denuncia del suo staff: ha un livello di potassio nel sangue che nel giro di qualche giorno può portare ad un arresto cardiaco. Il Cremlino nega trattamenti di favore e tenta di dichiarare il suo movimento “organizzazione estremista”
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
In un insolito bagno di umiltà pubblica, il capo del centro per il controllo e la prevenzione delle malattie ha ammesso la scarsa efficacia della profilassi cinese rispetto agli altri vaccini
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’alto Commissario per i Diritti Umani ha chiesto un incontro con il nuovo ambasciatore di Dubai all’ONU. Chiederanno la prova in vita e di poter parlare con Latifa e Shamsa, di cui si è persa ogni traccia
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
La vincitrice dell’edizione 2019 ha strappato la corona dalla testa della neo eletta accusandola di essere divorziata. Il tutto in diretta televisiva
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Almeno 40 gli arresti, mentre monta l’indignazione degli Emirati Arabi Uniti, dove le leggi sull’oscenità sono assai rigorose. Il servizio fotografico era destinato ad un sito per adulti (foto: Daily Mail)
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Un tribunale li ha ritenuti colpevoli di aver organizzato la grande protesta di piazza del 2019: rischiano fino a cinque anni di reclusione
Myanmar, l’ecatombe
che non interessa a nessuno
Myanmar, l’ecatombe<br>che non interessa a nessuno
L’Occidente si limita a condannare, mentre dall’ex Birmania giungono notizie di massacri quotidiani e di una situazione sanitaria pronta ad esplodere. Iniziano a mancare cibo, acqua e generi di prima necessità
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le autorità del Canale di Suez autorizzano la rimozione di 20.000 metri cubi di sabbia dal fondale per liberare l’enorme portacontainer. Un blocco che può avere conseguenze pesanti
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Giorni di intense precipitazioni hanno causato un’alluvione che ha costretto le autorità a sfollare 18mila persone. La situazione è complicata da un’invasione di topi, attirati dall’eccezionale raccolto di grano
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Dopo 18 mesi di reclusione in una località segreta, iniziano i due processi a carico di Michael Kovrig e Michael Spavor, due canadesi arrestati come ripercussione per l’arresto della top manager Huawei