Il trucco della coppia di miliardari per ricevere il vaccino

| Si sono finti umili dipendenti di un motel di una zona considerata a rischio dalle autorità canadesi, ma sono stati fermati dalla polizia e multati con una cifra alta ma per loro irrisoria. E ora in tanti chiedono una condanna esemplare

+ Miei preferiti
Nello scandalo dei ricchi e potenti americani – star di Hollywood in testa - disposti a tutto pur di saltare la fila e ricevere il vaccino, spicca una vicenda che ha come protagonista una coppia di miliardari canadesi, convinti di essere più furbi degli altri.

Rodney Baker, proprietario di numerosi ippodromi e casinò in Canada, e sua moglie, l’attrice Ekaterina, con all’attivo piccoli ruoli in alcuni film, avevano studiato alla perfezione un piano sventato solo per caso. I due, che secondo le stime della “Globe and Mail” avrebbero incassato 45,9 milioni di dollari negli ultimi 13 mesi sulle stock options,  hanno noleggiato un aereo privato, fingendosi dipendenti di un motel pur di ricevere una dose a testa dei vaccini “Moderna” destinati alla “White River First Nation”, una remota comunità indigena di Beaver Creek, nello Yukon, composta da 100 persone e considerata dalle autorità sanitarie come prioritaria per via della scarsità di strutture mediche della zona.

La coppia si è finta dipendente del motel ricevendo la dose di vaccino, ma una volta raggiunto l’obiettivo, nel viaggio di ritorno hanno commesso l’errore di non rispettare le più banali norme anti-contagio. Un atteggiamento che ha insospettito la polizia, che dopo averli fermati è riuscita a ricostruire l’accaduto. Rodney ed Ekaterina Baker se la sono cavata con una multa pari a 2.300 dollari canadesi, più o meno 1.600 euro, che per loro è una bazzecola. Ma la vicenda ha alzato le proteste di chi chiede una pena ben più severa per i due: fra le prime conseguenze, le dimissioni di Rodney dalla sua società, la “Great Canadian Gaming Corporation”.

Il problema, per i coniugi Baker, resta la seconda dose del vaccino: vista la facilità con cui erano riusciti a farsi beffa di tutti, pensavano di ripetere semplicemente il blitz, ma così non sarà: il ministero della saluta canadese ha precisato che i due riceveranno la seconda dose quando sarà il turno delle loro rispettive fasce di età.

Durissime le parole del portavoce del ministero: “Nel nostro piano di immunizzazione non c’è spazio per chi mette deliberatamente a rischio le popolazioni vulnerabili per ricevere il vaccino prima del previsto”. E ancora più pesanti le parole di Kluane Adamek, capo regionale dell’AFN dello Yukon: “Un atto di vigliaccheria che non dovrebbe rimanere impunito: è necessario che le autorità mandino un messaggio chiaro e forte verso chi pensa di contare più degli altri”.

Mondo
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Uno studio ha evidenziato quanto gli uomini imbarcati sulla flotta sottomarina cinese, costretti per lunghi mesi ad ambienti ristretti e rumorosi, sviluppano pericolose ossessioni