Il virus oltre cortina

| Ufficialmente la COVID-19 non è entrata in Corea del Nord, anche se non si ha certezza di quanto affermato dal governo con voci di numerosi casi e centinaia di morti. La strategia di lockdown anticipato ed estremo sembra abbia funzionato

+ Miei preferiti
Di Marco Belletti
Era il 23 gennaio 2020 quando il governo di Pechino mise in quarantena circa 60 milioni di persone nella regione intorno a Wuhan, ma già tre giorni prima la Corea del Nord aveva cancellato tutti i voli da e per la Cina e nel giro di pochi giorni avrebbe chiuso tutti i confini mettendo in quarantena gli stranieri e i cittadini nordcoreani che tornavano dall’estero. Durante un’epidemia, ritardare anche di pochi giorni il blocco (come quello effettuato dalla Corea del Nord) potrebbe significare l’aumento massiccio del numero di contagi. Naturalmente non dev’essere la sola misura di difesa, visto che il secondo Paese a sospendere i voli con la Cina è stata l’Italia, il 9 marzo, quando erano già morte parecchie persone e molte altre vittime sarebbero arrivate in seguito.

La nazione guidata dal “redivivo” Kim Jong-Un non ha atteso i primi casi di coronavirus per prendere provvedimenti, e vista l’assenza di casi sembra che i funzionari della sanità pubblica nordcoreana abbiano adottato la strategia più efficace per prevenire la crescita incontrollata dell’epidemia, appiattendo per quanto possibile la curva gaussiana dei contagi, riducendo il picco di domanda di servizi sanitari.

Robert Abrams è uno dei più importanti generali statunitensi di stanza in Corea del Sud, esperto conoscitore dello scomodo vicino. “38 North” è il sito web dedicato all’analisi della Corea del Nord il cui nome fa riferimento al 38° parallelo nord che attraversa la penisola coreana e che, fino alla guerra degli anni Cinquanta, divideva le due Coree. In un articolo pubblicato dal sito il generale ha spiegato che dichiarare nessun paziente affetto da coronovirus è un’affermazione impossibile da fare, contraria a quasi tutte le analisi e le informazioni in possesso degli esperti, sia medici sia militari.

Ma a quanto pare, contrariamente a quanto scritto su 38 North, oltre al blocco verso l’estero, la Corea del Nord ha anche messo in atto severi interventi di salute pubblica con campagne informative ed educative, con una massiccia mobilitazione di operatori sanitari. 

Le organizzazioni umanitarie e mediche internazionali ritengono che il governo nordcoreano sia stato molto efficiente nell’attuare interventi di salute pubblica e i cittadini e nell’informare in modo tempestivo e corretto dei pericoli e delle responsabilità personali nel prevenire l’ingresso del virus nella nazione e la sua successiva diffusione.

Secondo il “Johns Hopkins Coronavirus Resource Center”, le due province cinesi confinanti con la Corea del Nord (Liaoning e Jilin) hanno registrato circa 250 casi con tre morti, ma siccome il governo di Pechino ha deciso per entrambe un semi-blocco, è riuscito a contenere i casi e quindi le possibilità che il coronavirus sia passato in Corea del Nord attraverso il confine lungo quasi 1.500 chilometri sono molto basse.

Un altro punto a favore dell’efficacia degli interventi nordcoreani è il fatto che la nazione ha già affrontato con la stessa metodologia la SARS nel 2003 e l’Ebola nel 2014, impedendone con successo l’ingresso: sembra che quest’anno la strategia messa in atto attingendo alle esperienze contro quei virus stia funzionando.

In realtà la voce del generale Abrams non è la sola ad affermare che questa efficacia sia del tutto fittizia e anche negli ambienti medici c’è chi ritiene che da novembre – quando probabilmente sono comparsi i primi casi di COVID-19 in Cina – fino alla fine di gennaio (quando il confine nordcoreano è stato chiuso) il virus potrebbe essere tranquillamente entrato.

Il “Daily NK” è un magazine online focalizzato su notizie inerenti la Corea del Nord, ha sede in Corea del Sud e pubblica news e storie presumibilmente ottenute grazie a una rete di informatori sul territorio. Alcune settimane fa ha diffuso la notizia secondo cui il governo di Pyongyang avrebbe nascosto migliaia di morti, tra cui 200 vittime nell’esercito, ma queste informazioni non sono avallate da nessuna fonte e nessuna verifica.

In ogni caso, pur non avendo certezze, sembra proprio che la Corea del Nord si stia comportando come se avesse evitato, almeno per il momento, un’epidemia di COVID-19. Naturalmente a lungo termine la pandemia proseguirà e certamente il coronavirus finirà per entrare ne Paese, non appena il lockdown totale terminerà. Il governo di Kim Jong-Un lo sa e calibrerà le strategie di prevenzione secondo le necessità, prendendo – è stato dichiarato ufficialmente – “severe contromisure nazionali per controllare a fondo la penetrazione del virus alla luce della costante diffusione della malattia epidemica mondiale”.

Inoltre, nel Paese stanno iniziando ad arrivare da parte delle organizzazioni umanitarie numerose forniture diagnostiche e terapeutiche mentre Kim Jong-Un pare abbia deciso di investire risorse pubbliche per realizzare un nuovo ospedale a Pyongyang e un impianto di produzione di ossigeno nella provincia di Hamgyong.

Sembrerebbe quindi che finora la Corea del Nord sia riuscita a evitare conseguenze drammatiche mettendo efficacemente in atto interventi di contenimento anticipati e molto efficaci. Il fatto che il coronavirus non sia presente all’interno dei confini del Paese è quasi sicuramente un’affermazione falsa, ma è quasi certo che governo, istituzioni e strutture mediche e sociali dovrebbero essere dell’idea di allentare le drastiche misure finora attuate, con una moderata fiducia nelle misure di contenimento per un eventuale futuro arrivo della pandemia.

Non è naturalmente chiaro come i nordcoreani riusciranno a gestire una presenza massiccia del virus ma – conclude 38 North – se quanto visto finora è un’indicazione, allora conviene attendere ancora qualche mese per giudicare la loro strategia di contenimento.

Mondo
Le ultime ore di Hong Kong
Le ultime ore di Hong Kong
La decisione sembra presa: Pechino pronta a emanare la legge sulla sicurezza nazionale per la città. La reazione degli Stati Uniti, che a Hong Kong hanno sempre applicato tariffe e controlli diversi rispetto al resto della Cina
Hong Kong torna in piazza
Hong Kong torna in piazza
La città di nuovo invasa dalle proteste, ma ad attendere i manifestanti massicci spiegamenti di polizia ed esercito: segno che Pechino non ha intenzione di tollerare ancora per molto
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La strategia sempre più caotica e rabbiosa di Trump sta accelerando il divario con gli alleati. E con un’America sempre più isolata, la Cina ha tutto da guadagnare
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
La proposta della premier Jacinda Ardern per permettere ai cittadini di riprendersi dal duro lockdown e ridare fiato al turismo, un settore fondamentale per l’economia
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
Ampham, con venti ad oltre 40 km/h, è atteso per mercoledì in zone già duramente colpite dalla pandemia. È il secondo per intensità dopo quello di più di 10 anni fa, che fece oltre 10mila vittime
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Il successo dell’isola nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la posizione globale e l’immagine internazionale di Taipei. E questo sta facendo infuriare Pechino
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
In Ucraina, uno dei pochi Paesi in cui la pratica dell’utero in affitto a scopo economico è permesso, decine di bambini restano in attesa delle famiglie adottive, che non possono viaggiare per andare a prenderli
La Francia entra nella Fase 2
La Francia entra nella Fase 2
Con molta cautela e con il Paese diviso in due: zone rosse e verdi. Qualche concessione in più ai cittadini dopo 8 settimane di lockdown
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Al di là della retorica trionfalistica di Pechino, la città epicentro del Covid-19 stenta a riprendersi: negozi chiusi, poca gente per strada e la sensazione che tutto si ripeterà presto con una seconda ondata
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Voci e notizie danno il leader nordcoreano ancora ricoverato e nelle mani di un team medico cinese, mentre il suo treno privato è stato avvistato in una località di villeggiatura