"In queste ore stavano torturando Giulio..."

| La risposta al presidente egiziano Al Sisi della madre del ricercatore ucciso due anni fa al Cairo. Al Sisi aveva rinnovato le condoglianze alla famiglia, specificando che "il delitto aveva lo scopo di minare i rapporti con l'Italia"

+ Miei preferiti

Due anni fa..31 gennaio 2016...stavano torturando Giulio, non dimentichiamo!…”. Paola Deffendi, la madre di Giulio Regeni, ha commentato così le dichiarazioni del presidente egiziano Al Sisi, nel corso di un meeting con Eni nella località dove è stato scoperto un nuovo grande giacimento di petrolio. Ai post di Deffendi, seguono i commenti critici e spesso dai toni violenti, contro il regime de Il Cairo. “Non crederci Paola, è una finzione”, “Vergogna” e altri dello stesso tenore.

"Non ci dimenticheremo - aveva detto il presidente - del caso Regeni e non ci fermeremo finchè i responsabili non saranno consegnati alla giustizia". Il presidente egiziano è tornato sul caso del ricercatore friulano ucciso due anni fa in Egitto in occasione della messa in produzione del maxi giacimento di gas di Zohr, scoperto dall'Eni nel 2015 e considerato uno dei più grandi del Mediterraneo.  "Non dimentico che l'Italia è stata con noi nonostante l'episodio di Regeni", ha scandito al Sisi, che è poi tornato a denunciare il "tentativo di danneggiare le relazioni" tra i due Paesi attraverso il caso della morte di Giulio, il cui corpo venne trovato senza vita e con evidenti segni di tortura in un fosso vicino all'autostrada Il Cairo-Alessandria il 3 febbraio di due anni fa. Sisi ha rinnovato "ancora una volta le condoglianze in nome dell'Egitto. Diciamo loro che noi non abbandoneremo il caso fino a che non avremo trovato i criminali che hanno fatto questo, non li avremo puniti e portati di fronte alla giustizia egiziana”. "Ho capito perché avevano bisogno di danneggiare le relazioni tra Egitto e Italia, per non farci arrivare al giacimento di Zohr", ha detto al Sisi rivolgendosi all'amministratore delegato dell'Eni Claudio Descalzi.

 

Mondo
Star della TV russa si massacra un occhio
Star della TV russa si massacra un occhio
Valeria Khusnutdinova, giovanissima star di un reality di grande successo, è tornata a casa ubriaca e ha tentato di togliersi la lente a contatto, provocandosi dei danni seri
Dove si muore di più
Dove si muore di più
Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise
Massacro in Papua Nuova Guinea
Massacro in Papua Nuova Guinea
Almeno 24 persone barbaramente uccise in scontri tribali che infiammano una delle regioni più remote del paese. Il premier promette giustizia
Canada: assolto per due stupri
Canada: assolto per due stupri
L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale