"In queste ore stavano torturando Giulio..."

| La risposta al presidente egiziano Al Sisi della madre del ricercatore ucciso due anni fa al Cairo. Al Sisi aveva rinnovato le condoglianze alla famiglia, specificando che "il delitto aveva lo scopo di minare i rapporti con l'Italia"

+ Miei preferiti

Due anni fa..31 gennaio 2016...stavano torturando Giulio, non dimentichiamo!…”. Paola Deffendi, la madre di Giulio Regeni, ha commentato così le dichiarazioni del presidente egiziano Al Sisi, nel corso di un meeting con Eni nella località dove è stato scoperto un nuovo grande giacimento di petrolio. Ai post di Deffendi, seguono i commenti critici e spesso dai toni violenti, contro il regime de Il Cairo. “Non crederci Paola, è una finzione”, “Vergogna” e altri dello stesso tenore.

"Non ci dimenticheremo - aveva detto il presidente - del caso Regeni e non ci fermeremo finchè i responsabili non saranno consegnati alla giustizia". Il presidente egiziano è tornato sul caso del ricercatore friulano ucciso due anni fa in Egitto in occasione della messa in produzione del maxi giacimento di gas di Zohr, scoperto dall'Eni nel 2015 e considerato uno dei più grandi del Mediterraneo.  "Non dimentico che l'Italia è stata con noi nonostante l'episodio di Regeni", ha scandito al Sisi, che è poi tornato a denunciare il "tentativo di danneggiare le relazioni" tra i due Paesi attraverso il caso della morte di Giulio, il cui corpo venne trovato senza vita e con evidenti segni di tortura in un fosso vicino all'autostrada Il Cairo-Alessandria il 3 febbraio di due anni fa. Sisi ha rinnovato "ancora una volta le condoglianze in nome dell'Egitto. Diciamo loro che noi non abbandoneremo il caso fino a che non avremo trovato i criminali che hanno fatto questo, non li avremo puniti e portati di fronte alla giustizia egiziana”. "Ho capito perché avevano bisogno di danneggiare le relazioni tra Egitto e Italia, per non farci arrivare al giacimento di Zohr", ha detto al Sisi rivolgendosi all'amministratore delegato dell'Eni Claudio Descalzi.

 

Mondo
Nuova Zelanda: tragedia sul vulcano
Nuova Zelanda: tragedia sul vulcano
L’improvvisa e violenta eruzione del Whakaari ha sorpreso una cinquantina di turisti in visita al cratere: una vittima accertata, anche se le autorità temono che il bilancio finale possa essere più pesante
“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”
“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”
La folle teoria di un giovane regista indiano, autore di un post su Facebook in cui giustifica le violenze invitando le donne ad accettarle e ad attrezzarsi di conseguenza. Ha rimediato una valanga di insulti e minacce da tutto il mondo
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
È successo in India, dove Abhijit e Srilakshmi volevano sposarsi ma la differenza di casta ha fatto scattare il divieto delle famiglie. Dopo essere scomparsi per settimane, i corpi dei due giovani sono stati ritrovati in un bosco
Un badge per i giorni del ciclo
Un badge per i giorni del ciclo
È bufera su una catena di grandi magazzini giapponesi, che ha chiesto alle proprie commesse di indossare un badge nei giorni del ciclo mestruale. Un’idea che voleva avere finalità sociali, ma che si è trasformata in un caso internazionale
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Pinkie, una giovane thailandese, si è gettata dal balcone di casa dopo l’ennesimo litigio con la madre. Era reduce da una devastante violenza sessuale di gruppo
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Dopo lunghi mesi di studi, è arrivata la conferma: impossibile recuperare i corpi di Daniele Nardi e Tom Ballard, morti sull’8000 himalayano 8 mesi fa
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Come nel film con Leonardo DiCaprio, un indiano di 48 anni indossava una divisa da pilota per sfruttare le agevolazioni aeroportuali riservate ai piloti e viaggiare gratis
Dallo striptease alla metanfetamina
Dallo striptease alla metanfetamina
Un’ex spogliarellista australiana , che non passava inosservata, nascondeva dosi di droga nella sua biancheria intima: è accusata di aver fatto almeno 13 viaggi, intascando ogni volta 100mila dollari
Hong Kong, l’ultimo scontro
Hong Kong, l’ultimo scontro
Da due giorni, centinaia di manifestanti sono asserragliati all’interno di un’università: l’edificio è circondato dalla polizia, che impedisce a chiunque di entrare e uscire. Gli scontri si fanno sempre più violenti
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
Infuria la polemica: sull’iPad di John Connell, un anziano pedofilo schedato, la polizia ha trovato 8.000 immagini pedopornografiche. Ma il giudice ha mitigato la condanna perché l’uomo è gravemente malato di cuore