Incendi in Australia: in alcuni villaggi “è ormai troppo tardi”

| Si tratta di paesi e cittadine di zone remote dell’East Gippsland, minacciate da fronti di incendi che continuano a cambiare direzione e rinforzarsi per via di forti venti

+ Miei preferiti
L’allarme ricevuto dagli abitanti di diverse città dello stato australiano di Victoria è angosciante: “Cercate un rifugio al coperto, immediatamente”. Quando le autorità si sono rese conto che un insieme di fattori avrebbe potuto rendere la situazione molto rischiosa, decine di migliaia di residenti e di turisti sono stati invitati ad evacuare la zona. “Purtroppo, come pensavamo, i forti venti e le temperature molto calde sono arrivati, alzando il pericolo di incendi devastanti”, ha commentato in una conferenza stampa Andrew Tupper, responsabile del “Victoria Bureau of Meteorology”.

Ma la situazione è anche peggiore per alcuni villaggi di zone remote dello stato, in cui “è troppo tardi per andarsene”. L’innalzamento del livello di allarme, spiegano dall’Australia Bureau of Meteorology, è dovuto ad un fenomeno improvviso che complica ulteriormente la situazione: “Gli incendi hanno mostrato un comportamento molto pericoloso durante la notte ed è molto probabile che peggiori ancora”.

“Da oltre 24 ore allertiamo i residenti di East Gippsland di un aumento significativo del rischio: è bene che nessuno si metta in viaggio”. Situato nell’estremo angolo orientale dello stato di Victoria, East Gippsland ospita circa 80.000 persone, sparse in villaggi e città remote. La regione è molto popolare tra i turisti per la fauna selvatica e le escursioni nei parchi nazionali.

Ma a preoccupare le autorità è anche un fronte di fuoco nella vicina Mallacoota: “Si è sviluppato domenica pomeriggio, e con il cambio di direzione del vento ha mutato rapidamente direzione percorrendo circa 24 km in poco meno di quattro ore: colonne di fumo denso da cui escono addirittura dei fulmini si sono alzate in cielo per circa 14 km”. Secondo l’Australian Bureau of Meteorology un cambio della direzione del vento è previsto per la nottata, e potrebbe finalmente portare un calo delle temperature, anche se sono previsti temporali di forte intensità, con la minaccia di venti altrettanto “dannosi e distruttivi”.

Una situazione che continua a mettere in ginocchio l’Australia, alle prese con una serie di devastanti incendi definiti dalle autorità come “senza precedenti e catastrofici dovuti ad un caldo record e da condizioni di siccità”.

Nel Paese intanto infuria anche la polemica per la petizione creata su Change.org e firmata da 270mila persone che chiedono di cancellare i celebri fuochi d’artificio di fine anno in segno di rispetto verso coloro che rischiano o hanno perso la vita nel tentativo di domare le fiamme, e di destinare all’emergenza la cifra stanziata per i fuochi. A rispondere è stata Clover Moore, sindaca di Sydney, che si è detta commossa per il gesto e le attenzioni verso la sua comunità, annunciando però che il programma pirotecnico andrà avanti come da programma.

Galleria fotografica
Incendi in Australia: in alcuni villaggi “è ormai troppo tardi” - immagine 1
Mondo
L’Iraq accoglie Francesco,
il Papa che vuole cambiare la storia
L’Iraq accoglie Francesco,<br>il Papa che vuole cambiare la storia
Poche ore all’inizio del primo viaggio di un Pontefice in una terra martoriata da guerre e terrorismo, dove essere cristiani significa rischiare la vita ogni giorno. Imponenti le misure di sicurezza
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles