Incendi in Australia: in alcuni villaggi “è ormai troppo tardi”

| Si tratta di paesi e cittadine di zone remote dell’East Gippsland, minacciate da fronti di incendi che continuano a cambiare direzione e rinforzarsi per via di forti venti

+ Miei preferiti
L’allarme ricevuto dagli abitanti di diverse città dello stato australiano di Victoria è angosciante: “Cercate un rifugio al coperto, immediatamente”. Quando le autorità si sono rese conto che un insieme di fattori avrebbe potuto rendere la situazione molto rischiosa, decine di migliaia di residenti e di turisti sono stati invitati ad evacuare la zona. “Purtroppo, come pensavamo, i forti venti e le temperature molto calde sono arrivati, alzando il pericolo di incendi devastanti”, ha commentato in una conferenza stampa Andrew Tupper, responsabile del “Victoria Bureau of Meteorology”.

Ma la situazione è anche peggiore per alcuni villaggi di zone remote dello stato, in cui “è troppo tardi per andarsene”. L’innalzamento del livello di allarme, spiegano dall’Australia Bureau of Meteorology, è dovuto ad un fenomeno improvviso che complica ulteriormente la situazione: “Gli incendi hanno mostrato un comportamento molto pericoloso durante la notte ed è molto probabile che peggiori ancora”.

“Da oltre 24 ore allertiamo i residenti di East Gippsland di un aumento significativo del rischio: è bene che nessuno si metta in viaggio”. Situato nell’estremo angolo orientale dello stato di Victoria, East Gippsland ospita circa 80.000 persone, sparse in villaggi e città remote. La regione è molto popolare tra i turisti per la fauna selvatica e le escursioni nei parchi nazionali.

Ma a preoccupare le autorità è anche un fronte di fuoco nella vicina Mallacoota: “Si è sviluppato domenica pomeriggio, e con il cambio di direzione del vento ha mutato rapidamente direzione percorrendo circa 24 km in poco meno di quattro ore: colonne di fumo denso da cui escono addirittura dei fulmini si sono alzate in cielo per circa 14 km”. Secondo l’Australian Bureau of Meteorology un cambio della direzione del vento è previsto per la nottata, e potrebbe finalmente portare un calo delle temperature, anche se sono previsti temporali di forte intensità, con la minaccia di venti altrettanto “dannosi e distruttivi”.

Una situazione che continua a mettere in ginocchio l’Australia, alle prese con una serie di devastanti incendi definiti dalle autorità come “senza precedenti e catastrofici dovuti ad un caldo record e da condizioni di siccità”.

Nel Paese intanto infuria anche la polemica per la petizione creata su Change.org e firmata da 270mila persone che chiedono di cancellare i celebri fuochi d’artificio di fine anno in segno di rispetto verso coloro che rischiano o hanno perso la vita nel tentativo di domare le fiamme, e di destinare all’emergenza la cifra stanziata per i fuochi. A rispondere è stata Clover Moore, sindaca di Sydney, che si è detta commossa per il gesto e le attenzioni verso la sua comunità, annunciando però che il programma pirotecnico andrà avanti come da programma.

Galleria fotografica
Incendi in Australia: in alcuni villaggi “è ormai troppo tardi” - immagine 1
Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino