Incendi in Australia: in alcuni villaggi “è ormai troppo tardi”

| Si tratta di paesi e cittadine di zone remote dell’East Gippsland, minacciate da fronti di incendi che continuano a cambiare direzione e rinforzarsi per via di forti venti

+ Miei preferiti
L’allarme ricevuto dagli abitanti di diverse città dello stato australiano di Victoria è angosciante: “Cercate un rifugio al coperto, immediatamente”. Quando le autorità si sono rese conto che un insieme di fattori avrebbe potuto rendere la situazione molto rischiosa, decine di migliaia di residenti e di turisti sono stati invitati ad evacuare la zona. “Purtroppo, come pensavamo, i forti venti e le temperature molto calde sono arrivati, alzando il pericolo di incendi devastanti”, ha commentato in una conferenza stampa Andrew Tupper, responsabile del “Victoria Bureau of Meteorology”.

Ma la situazione è anche peggiore per alcuni villaggi di zone remote dello stato, in cui “è troppo tardi per andarsene”. L’innalzamento del livello di allarme, spiegano dall’Australia Bureau of Meteorology, è dovuto ad un fenomeno improvviso che complica ulteriormente la situazione: “Gli incendi hanno mostrato un comportamento molto pericoloso durante la notte ed è molto probabile che peggiori ancora”.

“Da oltre 24 ore allertiamo i residenti di East Gippsland di un aumento significativo del rischio: è bene che nessuno si metta in viaggio”. Situato nell’estremo angolo orientale dello stato di Victoria, East Gippsland ospita circa 80.000 persone, sparse in villaggi e città remote. La regione è molto popolare tra i turisti per la fauna selvatica e le escursioni nei parchi nazionali.

Ma a preoccupare le autorità è anche un fronte di fuoco nella vicina Mallacoota: “Si è sviluppato domenica pomeriggio, e con il cambio di direzione del vento ha mutato rapidamente direzione percorrendo circa 24 km in poco meno di quattro ore: colonne di fumo denso da cui escono addirittura dei fulmini si sono alzate in cielo per circa 14 km”. Secondo l’Australian Bureau of Meteorology un cambio della direzione del vento è previsto per la nottata, e potrebbe finalmente portare un calo delle temperature, anche se sono previsti temporali di forte intensità, con la minaccia di venti altrettanto “dannosi e distruttivi”.

Una situazione che continua a mettere in ginocchio l’Australia, alle prese con una serie di devastanti incendi definiti dalle autorità come “senza precedenti e catastrofici dovuti ad un caldo record e da condizioni di siccità”.

Nel Paese intanto infuria anche la polemica per la petizione creata su Change.org e firmata da 270mila persone che chiedono di cancellare i celebri fuochi d’artificio di fine anno in segno di rispetto verso coloro che rischiano o hanno perso la vita nel tentativo di domare le fiamme, e di destinare all’emergenza la cifra stanziata per i fuochi. A rispondere è stata Clover Moore, sindaca di Sydney, che si è detta commossa per il gesto e le attenzioni verso la sua comunità, annunciando però che il programma pirotecnico andrà avanti come da programma.

Galleria fotografica
Incendi in Australia: in alcuni villaggi “è ormai troppo tardi” - immagine 1
Mondo
La Thailandia è stanca di re Rama X
La Thailandia è stanca di re Rama X
Capriccioso, accentratore, ricchissimo, il sovrano vive stabilmente in Germania ma ha ampliato i possedimenti diventando uno degli uomini più ricchi del mondo. Ma a Bangkok la gente sta per scendere in piazza per dire basta
Il giallo di Bollywood
Il giallo di Bollywood
La strana morte di Sushant Singh Rajput e le manette ai polsi dell’ex fidanzata Rhea Chakraborty: gli ingredienti del giallo che sta appassionando l’India
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Non c’è vita sotto le macerie di Beirut
Dopo tre giorni di tentativi spasmodici, i soccorritori ammettono che si è trattato di un falso allarme: “Trovare qualcuno ancora in vita è molto difficile”
Beirut, ad un mese dall’esplosione
tracce di vita sotto le macerie
Beirut, ad un mese dall’esplosione<br>tracce di vita sotto le macerie
Secondo i media locali, le apparecchiature delle squadre di soccorso avrebbero rilevato “un battito cardiaco” sotto le macerie di un palazzo crollato nei dintorni del deposito esploso il 4 agosto scorso
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Sudafrica, la polizia uccide un ragazzino Down di 16 anni
Nathaniel Julius stava andando a comprare dei biscotti quando si è imbattuto in una pattuglia. Per la famiglia è stata un’esecuzione, perché il ragazzino non rispondeva alle loro domande. E Johannesburg esplode di rabbia
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Il premier giapponese Shinzo Abe prossimo alle dimissioni
Piegato da problemi di salute e con la popolarità ai minimi storici per la gestione della pandemia, il premier più longevo della storia nipponica annuncerà a breve la propria rinuncia
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Australia, vietato raccontare uno stupro usando il proprio nome
Una modifica al “Judicial Proceedings Reports Act” impedisce a chiunque, vittime comprese, di rendere identificabili le vittime di reati sessuali, a meno di non usare uno pseudonimo
Navalny è stato avvelenato
Navalny è stato avvelenato
Il sospetto è che si tratti di gas nervino, una sorta di firma dei servizi segreti russi. Il dissidente non sarebbe più in pericolo di vita ma per i medici i danni sul sistema nervoso potrebbero essere permanenti
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Kim Jong-un in coma, i poteri alla sorella
Al momento è solo un’indiscrezione giornalistica, senza conferme e smentite, ma si rincorrono nuovamente le voci sulla salute del leader nordcoreano
Il mega-party di Wuhan
Il mega-party di Wuhan
Migliaia di persone della città epicentro del virus riunite per un festival musicale in un acqua-park: nessuna mascherina e neanche distanziamento sociale. La condanna dell’OMS