Incendi in Australia: in alcuni villaggi “è ormai troppo tardi”

| Si tratta di paesi e cittadine di zone remote dell’East Gippsland, minacciate da fronti di incendi che continuano a cambiare direzione e rinforzarsi per via di forti venti

+ Miei preferiti
L’allarme ricevuto dagli abitanti di diverse città dello stato australiano di Victoria è angosciante: “Cercate un rifugio al coperto, immediatamente”. Quando le autorità si sono rese conto che un insieme di fattori avrebbe potuto rendere la situazione molto rischiosa, decine di migliaia di residenti e di turisti sono stati invitati ad evacuare la zona. “Purtroppo, come pensavamo, i forti venti e le temperature molto calde sono arrivati, alzando il pericolo di incendi devastanti”, ha commentato in una conferenza stampa Andrew Tupper, responsabile del “Victoria Bureau of Meteorology”.

Ma la situazione è anche peggiore per alcuni villaggi di zone remote dello stato, in cui “è troppo tardi per andarsene”. L’innalzamento del livello di allarme, spiegano dall’Australia Bureau of Meteorology, è dovuto ad un fenomeno improvviso che complica ulteriormente la situazione: “Gli incendi hanno mostrato un comportamento molto pericoloso durante la notte ed è molto probabile che peggiori ancora”.

“Da oltre 24 ore allertiamo i residenti di East Gippsland di un aumento significativo del rischio: è bene che nessuno si metta in viaggio”. Situato nell’estremo angolo orientale dello stato di Victoria, East Gippsland ospita circa 80.000 persone, sparse in villaggi e città remote. La regione è molto popolare tra i turisti per la fauna selvatica e le escursioni nei parchi nazionali.

Ma a preoccupare le autorità è anche un fronte di fuoco nella vicina Mallacoota: “Si è sviluppato domenica pomeriggio, e con il cambio di direzione del vento ha mutato rapidamente direzione percorrendo circa 24 km in poco meno di quattro ore: colonne di fumo denso da cui escono addirittura dei fulmini si sono alzate in cielo per circa 14 km”. Secondo l’Australian Bureau of Meteorology un cambio della direzione del vento è previsto per la nottata, e potrebbe finalmente portare un calo delle temperature, anche se sono previsti temporali di forte intensità, con la minaccia di venti altrettanto “dannosi e distruttivi”.

Una situazione che continua a mettere in ginocchio l’Australia, alle prese con una serie di devastanti incendi definiti dalle autorità come “senza precedenti e catastrofici dovuti ad un caldo record e da condizioni di siccità”.

Nel Paese intanto infuria anche la polemica per la petizione creata su Change.org e firmata da 270mila persone che chiedono di cancellare i celebri fuochi d’artificio di fine anno in segno di rispetto verso coloro che rischiano o hanno perso la vita nel tentativo di domare le fiamme, e di destinare all’emergenza la cifra stanziata per i fuochi. A rispondere è stata Clover Moore, sindaca di Sydney, che si è detta commossa per il gesto e le attenzioni verso la sua comunità, annunciando però che il programma pirotecnico andrà avanti come da programma.

Galleria fotografica
Incendi in Australia: in alcuni villaggi “è ormai troppo tardi” - immagine 1
Mondo
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Una donna di 71 anni costretta ad assistere alla violenza di un uomo sulle tre nipoti, è morta per attacco cardiaco. Le violenze contro donne e bambini in Sudafrica hanno raggiunto livelli di guardia
Hong Kong, la libertà perduta
Hong Kong, la libertà perduta
Varata a tarda sera la legge sulla sicurezza nazionale: le proteste saranno considerate sovversione e terrorismo interno punibile con l’ergastolo. Immediate le reazioni da tutto il mondo: “È la fine della metropoli che il mondo conosceva”
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
L’arcipelago ha lanciato un appello per il ritorno del turismo d’élite: oltre al paesaggio paradisiaco, dalla metà di aprile non si registra un nuovo caso di coronavirus
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Accusata di atti osceni e incitamento alla prostituzione, Sama el Masry è stata condannata a tre anni di reclusione e al pagamento di una pesante multa
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
Dedicato alla memoria di George Floyd, il pacchetto di riforma della polizia rischia di arenarsi al Senato dopo l’approvazione della Camera. Trump contrario
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
Per anni nell’ombra, capace di sparire per lunghi periodi, la sua immagine è sempre più presente, mentre quella del fratello si offusca, avvolta dal mistero
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Il Paese ha uno dei tassi alti di casi di Covid-19 dell’intero continente. E lotta con una recrudescenza delle violenze subito dopo l’isolamento del lockdown
Venti di guerra sull’Himalaya
Venti di guerra sull’Himalaya
Si alza la tensione fra India e Cina per il controllo di una zona di confine mai del tutto chiarita e accettata. La scorsa notte un’escalation avrebbe portato a 17 morti, ma si teme l’inizio di una grave crisi internazionale