Incidente nel laboratorio dei virus mortali

| A Vektor, in Siberia, un incendio sarebbe scoppiato in un’ala di uno dei soli due centri di ricerca dove si custodiscono i virus più letali della storia

+ Miei preferiti
Le notizie sono ancora imprecise e frammentarie, ma circola con insistenza la voce di un’esplosione che lunedì avrebbe colpito il laboratorio di Vektor, in Russia. Il centro statale di biotecnologia e ricerca virologica è una delle due strutture al mondo dove si conservano alcuni fra i virus più letali mai individuati nella storia dell’umanità. La notizia, diffusa dall’agenzia “Interfax”, parla di una fuoriuscita di gas avvenuta in circa 30 metri quadri di una stanza al quinto piano interessata da lavori di ristrutturazione. Il bilancio, grazie al tempestivo intervento delle squadre di emergenza, è di un operaio ricoverato con gravi ustioni sul corpo.

In un comunicato, la direzione del centro di Vektor, laboratorio a poca distanza da Novosibirsk, in Siberia, ha precisato che la struttura non ha subito danni e non esistono rischi di contaminazione per la popolazione che vive nelle vicinanze: nell’area in cui si è verificato l’incidente non erano in corso esperimenti di alcun tipo. Ma la notizia ha scatenato un’escalation di timori in tutto il mondo, soprattutto per la tradizionale tendenza delle autorità russe a minimizzare ammettendo molto poco, salvo poi rettificare quando è ormai troppo tardi. A far storia è il tristemente celebre incidente Černobyl’ del 1986, e di recente l’esplosione di materiale radioattivo di Arkhangelsk, ancora tutta da chiarire.

È dalla metà degli anni Settanta che Vektor si è guadagnato una fama sinistra: a lungo utilizzato come centro di ricerca per armi chimiche e biologiche dell’esercito, nei suoi laboratori sotterranei e protetti con un livello di biosicurezza 4, il massimo possibile, sono custoditi il virus del vaiolo, dell’Aids, dell’ebola, della peste, della febbre suina e dell’epatite, per consentire agli scienziati di individuare possibili vaccini. Il livello di sicurezza è aumentato di grado nel 2006, quando nelle vicinanze del laboratorio è stato individuato un deposito di armi con lanciagranate di un gruppo mafioso.

Ma l’ombra minacciosa di Vektor si è fatta ancora più scura nel 2004, quando una biochimica è morta dopo essere in contatto accidentalmente con il virus dell’ebola. In realtà, secondo alcune fonti, gli incidenti sarebbero ben più numerosi, con l’esplosione di focolai di malattie infettive mai rivelati all’opinione pubblica.

Mondo
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Uno studio ha evidenziato quanto gli uomini imbarcati sulla flotta sottomarina cinese, costretti per lunghi mesi ad ambienti ristretti e rumorosi, sviluppano pericolose ossessioni