Incidente nel laboratorio dei virus mortali

| A Vektor, in Siberia, un incendio sarebbe scoppiato in un’ala di uno dei soli due centri di ricerca dove si custodiscono i virus più letali della storia

+ Miei preferiti
Le notizie sono ancora imprecise e frammentarie, ma circola con insistenza la voce di un’esplosione che lunedì avrebbe colpito il laboratorio di Vektor, in Russia. Il centro statale di biotecnologia e ricerca virologica è una delle due strutture al mondo dove si conservano alcuni fra i virus più letali mai individuati nella storia dell’umanità. La notizia, diffusa dall’agenzia “Interfax”, parla di una fuoriuscita di gas avvenuta in circa 30 metri quadri di una stanza al quinto piano interessata da lavori di ristrutturazione. Il bilancio, grazie al tempestivo intervento delle squadre di emergenza, è di un operaio ricoverato con gravi ustioni sul corpo.

In un comunicato, la direzione del centro di Vektor, laboratorio a poca distanza da Novosibirsk, in Siberia, ha precisato che la struttura non ha subito danni e non esistono rischi di contaminazione per la popolazione che vive nelle vicinanze: nell’area in cui si è verificato l’incidente non erano in corso esperimenti di alcun tipo. Ma la notizia ha scatenato un’escalation di timori in tutto il mondo, soprattutto per la tradizionale tendenza delle autorità russe a minimizzare ammettendo molto poco, salvo poi rettificare quando è ormai troppo tardi. A far storia è il tristemente celebre incidente Černobyl’ del 1986, e di recente l’esplosione di materiale radioattivo di Arkhangelsk, ancora tutta da chiarire.

È dalla metà degli anni Settanta che Vektor si è guadagnato una fama sinistra: a lungo utilizzato come centro di ricerca per armi chimiche e biologiche dell’esercito, nei suoi laboratori sotterranei e protetti con un livello di biosicurezza 4, il massimo possibile, sono custoditi il virus del vaiolo, dell’Aids, dell’ebola, della peste, della febbre suina e dell’epatite, per consentire agli scienziati di individuare possibili vaccini. Il livello di sicurezza è aumentato di grado nel 2006, quando nelle vicinanze del laboratorio è stato individuato un deposito di armi con lanciagranate di un gruppo mafioso.

Ma l’ombra minacciosa di Vektor si è fatta ancora più scura nel 2004, quando una biochimica è morta dopo essere in contatto accidentalmente con il virus dell’ebola. In realtà, secondo alcune fonti, gli incidenti sarebbero ben più numerosi, con l’esplosione di focolai di malattie infettive mai rivelati all’opinione pubblica.

Mondo
Giappone, più suicidi
che vittime del Covid
Giappone, più suicidi<br>che vittime del Covid
Il mese scorso si sono tolte la vita più persone di quante ne abbia uccise il virus. E le donne sono state le più colpite
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT