India: per 10 ore tiene in ostaggio 23 bambini

| Ha finto una festicciola per il primo compleanno della figlia, ma in realtà voleva vendicarsi dei vicini che avevano testimoniato contro di lui in tribunale

+ Miei preferiti
Per più di 10 ore l’India è rimasta con il fiato sospeso: un uomo si era barricato in casa tenendo in ostaggio 23 bambini, tutti invitati ad una finta festa di compleanno.

È accaduto a Kasaria, un piccolo villaggio del Uttar Pradesh, nel nord del Paese, dove Suddash Batham, 40 anni, in libertà su cauzione dopo una condanna per omicidio, ha finto di organizzare una festa per il primo compleanno della figlia invitando i bimbi del vicinato. Ad attenderli non c’era nessuna festa, ma una pistola con cui l’uomo li ha minacciati chiudendoli in un locale seminterrato insieme alla moglie e alla figlia.

Quando un paio d’ore dopo le prime famiglie hanno bussato alla porta per riprendere i propri figli, sono state accolte dalle urla dell’uomo e da diversi colpi di pistola sparati in aria. La polizia ha circondato l’abitazione tentando di intavolare un difficile negoziato con l’uomo, che ha risposto aprendo il fuoco verso gli agenti. Urlava di volersi vendicare degli abitanti del suo villaggio, colpevoli di aver testimoniato al suo processo favorendo la condanna di un innocente. Pretendeva un riscatto di 10 milioni di rupie (140mila dollari) per ogni bambino e l’immunità.

Dopo ore di inutili trattative le squadre antiterrorismo e la guardia di sicurezza nazionale hanno deciso di far scattare il blitz per liberare i piccoli ostaggi: ne è nato un violento scontro a fuoco in cui l’uomo è rimasto ucciso.

Tutti i bimbi tratti in salvo hanno un’età compresa fra i sei mesi e i 10 anni, hanno raccontato le autorità in una conferenza stampa: “Armi e munizioni in grandi quantità sono state recuperate nell’abitazione: aveva abbastanza esplosivo da far saltare in aria tutta la casa”.

L’episodio ha scatenato l’ira degli abitanti, che al termine del blitz hanno aggredito la moglie di Suddash Batham lanciandole pietre e mattoni, senza che la polizia riuscisse a fermare la folla inferocita: “È stata portata d’urgenza in ospedale, ma è morta un paio d’ore dopo. La figlia è stata affidata ad un parente”.

Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità