India, ragazze costrette a provare di non avere il ciclo

| Una settantina di allieve di un istituto femminile nel Gujarat costrette dalle insegnanti a spogliarsi per verificare se fossero o meno nei giorni del ciclo mestruale

+ Miei preferiti
È un’ondata di polemiche che non accenna fermarsi, quella che si sta abbattendo sull’India: protagoniste involontarie di una brutta vicenda che sta facendo il giro del mondo una settantina di studentesse dello “Shree Sahajanand Girls Institute”, una scuola gestita da “Swaminarayan”, una setta religiosa indù ultraconservatrice di Bhuj, nello stato di Gujarat. Sono state loro stesse a denunciare di essere state costrette a spogliarsi davanti alle insegnanti per dimostrare di non avere il ciclo.

Secondo le regole del gruppo religioso, durante il periodo delle mestruazioni le donne non possono accedere al tempio e avere contatti con altri studenti: in mensa come in classe sono costrette a sedere in zone apposite, in disparte, e il loro nome viene appuntato su un particolare registro per tutta la durata del ciclo.

In segno di protesta, negli ultimi due mesi le studentesse hanno rifiutato in massa di far segnare il proprio nome sul registro, scatenando la reazione del corpo insegnante, che le ha portate nei bagni per controllare di persona se fossero o meno nei giorni del ciclo, obbligandole a spogliarsi.

L’esperienza le ha lasciate particolarmente “segnate per una pratica non dissimile dalla tortura mentale”, hanno raccontato ai quotidiani locali. Dopo una protesta pubblica inscenata davanti alla scuola, a cui hanno partecipato centinaia di persone solidali con le ragazze, la commissione femminile dello Stato ha avviato un’indagine sull’istituto, che si difende parlando di “violazione delle regole” e starebbe anche tentando di insabbiare il caso, facendo pressioni su numerose studentesse.

Non è la prima volta che le donne indiane subiscono umiliazioni a causa del ciclo, considerato un vero tabù: tre anni fa ad altre decine di ragazze fu riservato lo stesso trattamento dopo che la direttrice aveva rinvenuto tracce di sangue nei bagni.

Mondo
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Una donna di 71 anni costretta ad assistere alla violenza di un uomo sulle tre nipoti, è morta per attacco cardiaco. Le violenze contro donne e bambini in Sudafrica hanno raggiunto livelli di guardia
Hong Kong, la libertà perduta
Hong Kong, la libertà perduta
Varata a tarda sera la legge sulla sicurezza nazionale: le proteste saranno considerate sovversione e terrorismo interno punibile con l’ergastolo. Immediate le reazioni da tutto il mondo: “È la fine della metropoli che il mondo conosceva”
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
L’arcipelago ha lanciato un appello per il ritorno del turismo d’élite: oltre al paesaggio paradisiaco, dalla metà di aprile non si registra un nuovo caso di coronavirus
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Accusata di atti osceni e incitamento alla prostituzione, Sama el Masry è stata condannata a tre anni di reclusione e al pagamento di una pesante multa
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
Dedicato alla memoria di George Floyd, il pacchetto di riforma della polizia rischia di arenarsi al Senato dopo l’approvazione della Camera. Trump contrario
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
Per anni nell’ombra, capace di sparire per lunghi periodi, la sua immagine è sempre più presente, mentre quella del fratello si offusca, avvolta dal mistero
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Il Paese ha uno dei tassi alti di casi di Covid-19 dell’intero continente. E lotta con una recrudescenza delle violenze subito dopo l’isolamento del lockdown
Venti di guerra sull’Himalaya
Venti di guerra sull’Himalaya
Si alza la tensione fra India e Cina per il controllo di una zona di confine mai del tutto chiarita e accettata. La scorsa notte un’escalation avrebbe portato a 17 morti, ma si teme l’inizio di una grave crisi internazionale
L’avventura di Randy, per 73 giorni in aeroporto
L’avventura di Randy, per 73 giorni in aeroporto
Un giovane calciatore ghanese è rimasto bloccato nello scalo aeroportuale di Mumbai, in India, dove era andato per un contratto con una squadra di calcio