India, ragazze costrette a provare di non avere il ciclo

| Una settantina di allieve di un istituto femminile nel Gujarat costrette dalle insegnanti a spogliarsi per verificare se fossero o meno nei giorni del ciclo mestruale

+ Miei preferiti
È un’ondata di polemiche che non accenna fermarsi, quella che si sta abbattendo sull’India: protagoniste involontarie di una brutta vicenda che sta facendo il giro del mondo una settantina di studentesse dello “Shree Sahajanand Girls Institute”, una scuola gestita da “Swaminarayan”, una setta religiosa indù ultraconservatrice di Bhuj, nello stato di Gujarat. Sono state loro stesse a denunciare di essere state costrette a spogliarsi davanti alle insegnanti per dimostrare di non avere il ciclo.

Secondo le regole del gruppo religioso, durante il periodo delle mestruazioni le donne non possono accedere al tempio e avere contatti con altri studenti: in mensa come in classe sono costrette a sedere in zone apposite, in disparte, e il loro nome viene appuntato su un particolare registro per tutta la durata del ciclo.

In segno di protesta, negli ultimi due mesi le studentesse hanno rifiutato in massa di far segnare il proprio nome sul registro, scatenando la reazione del corpo insegnante, che le ha portate nei bagni per controllare di persona se fossero o meno nei giorni del ciclo, obbligandole a spogliarsi.

L’esperienza le ha lasciate particolarmente “segnate per una pratica non dissimile dalla tortura mentale”, hanno raccontato ai quotidiani locali. Dopo una protesta pubblica inscenata davanti alla scuola, a cui hanno partecipato centinaia di persone solidali con le ragazze, la commissione femminile dello Stato ha avviato un’indagine sull’istituto, che si difende parlando di “violazione delle regole” e starebbe anche tentando di insabbiare il caso, facendo pressioni su numerose studentesse.

Non è la prima volta che le donne indiane subiscono umiliazioni a causa del ciclo, considerato un vero tabù: tre anni fa ad altre decine di ragazze fu riservato lo stesso trattamento dopo che la direttrice aveva rinvenuto tracce di sangue nei bagni.

Mondo
Le promesse ambientali del G7
Le promesse ambientali del G7
I leader mondiali hanno concordato sull’urgenza di agire per salvare il pianeta. Ma senza fatti concreti: a quattro mesi dal COP 26 mancano ancora date e strategie
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
Un’inchiesta top secret svelata dai media avrebbe individuato 150 dipendenti della compagnia aerea australiana appartenenti a gang di bikers attive nel traffico di stupefacenti
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Si tratta per lo più di aborigeni, e alcuni avevano pochi anni. La macabra scoperta è arrivata dopo anni di indagini e segnalazioni. Per il premier Trudeau è “una pagina sconcertante nella storia del nostro Paese”
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Saki Sudo, 22 anni, ha ucciso il miliardario 77enne Kosuke Nozaki somministrandogli massicce dosi di droghe stimolanti. La polizia l’ha arrestata dopo anni di indagini
Riappare la principessa Latifa
Riappare la principessa Latifa
La figlia dello sceicco di Dubai, per cui si sono mosse anche le Nazioni Uniti, è comparsa all’improvviso in un paio di foto postate su Instagram. E' la prova che sia ancora in vita, ma non dice nulla sulle sue condizioni
La moglie manesca dell’ambasciatore
La moglie manesca dell’ambasciatore
Xiang Xueqiu, consorte dell’ambasciatore del Belgio in Corea del Sud, ha chiesto l’immunità diplomatica prima di essere accusata di aggressione dalla commessa di un negozio di abbigliamento
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Colpevole di estremismo, Olga Misik dovrà scontare 2 anni 9 mesi di arresti domiciliari. Insieme a lei condannati altri due giovani per vandalismo
Strage in una scuola in Russia
Strage in una scuola in Russia
Scene simili a quelle americane a Kazan, una città a 1000 km da Mosca: un 19enne ha ucciso 9 persone prima di essere fermato. Putin invoca una maggior stretta sulle armi
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati