India, ragazze costrette a provare di non avere il ciclo

| Una settantina di allieve di un istituto femminile nel Gujarat costrette dalle insegnanti a spogliarsi per verificare se fossero o meno nei giorni del ciclo mestruale

+ Miei preferiti
È un’ondata di polemiche che non accenna fermarsi, quella che si sta abbattendo sull’India: protagoniste involontarie di una brutta vicenda che sta facendo il giro del mondo una settantina di studentesse dello “Shree Sahajanand Girls Institute”, una scuola gestita da “Swaminarayan”, una setta religiosa indù ultraconservatrice di Bhuj, nello stato di Gujarat. Sono state loro stesse a denunciare di essere state costrette a spogliarsi davanti alle insegnanti per dimostrare di non avere il ciclo.

Secondo le regole del gruppo religioso, durante il periodo delle mestruazioni le donne non possono accedere al tempio e avere contatti con altri studenti: in mensa come in classe sono costrette a sedere in zone apposite, in disparte, e il loro nome viene appuntato su un particolare registro per tutta la durata del ciclo.

In segno di protesta, negli ultimi due mesi le studentesse hanno rifiutato in massa di far segnare il proprio nome sul registro, scatenando la reazione del corpo insegnante, che le ha portate nei bagni per controllare di persona se fossero o meno nei giorni del ciclo, obbligandole a spogliarsi.

L’esperienza le ha lasciate particolarmente “segnate per una pratica non dissimile dalla tortura mentale”, hanno raccontato ai quotidiani locali. Dopo una protesta pubblica inscenata davanti alla scuola, a cui hanno partecipato centinaia di persone solidali con le ragazze, la commissione femminile dello Stato ha avviato un’indagine sull’istituto, che si difende parlando di “violazione delle regole” e starebbe anche tentando di insabbiare il caso, facendo pressioni su numerose studentesse.

Non è la prima volta che le donne indiane subiscono umiliazioni a causa del ciclo, considerato un vero tabù: tre anni fa ad altre decine di ragazze fu riservato lo stesso trattamento dopo che la direttrice aveva rinvenuto tracce di sangue nei bagni.

Mondo
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità