Indonesia: strage di scrutatori

| Quasi 300 morti e 2.000 ricoveri fra coloro che devono controllare le schede di 193 milioni di votanti. Le famiglie saranno risarcite

+ Miei preferiti
Con oltre 270 milioni di abitanti, anche se il numero dei votanti si limita a 193 milioni, le elezioni in cui lo scorso 17 aprile si è votato in Indonesia per le presidenziali e i parlamenti nazionali e regionali, si sono trasformate in tragedia. Negli 800mila seggi sparsi in tutto il paese, ogni elettore aveva diritto a cinque schede, che moltiplicate per gli aventi diritto fanno una mole impressionante di lavoro per gli scrutatori, anche se per l'occasione ne sono stati assunti 7milioni. Se a questo si aggiunge che l’affluenza ha superato l’80%, è facile capire il motivo per cui Arief Piyo Susanto, portavoce della commissione per le elezioni generali, era piuttosto in imbarazzo. È toccato a lui rivelare che 272 scrutatori sono morti durante le operazioni di spoglio e altri 1.878 si sono ammalati. Colpa del superlavoro e della fretta di avere i risultati, che ha costretto gli scrutatori a turni lunghissimi, anche notturni, fino a sfiancarli.

La commissione, ha aggiunto il portavoce, intende risarcire le famiglie delle vittime con 36 milioni di rupie, circa 2.200 euro a defunto, una cifra bassa da queste parti, ma che in Indonesia equivale allo stipendio base di un anno di lavoro.

Per dovere di cronaca i due candidati, il presidente uscente Joko Widodo e il sfidante Prabowo Subianto, continuano a proclamarsi vincitori. Ma vista la strage di scrutatori, prima del prossimo 22 maggio non sarà possibile sapere chi ha ragione.

Mondo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Secondo la compagnia low-cost della Lufthansa, le 150 persone vittime nello schianto voluto dal copilota Andreas Lubitz non avrebbero avuto la sensazione di morire. Ma le scatole nere raccontano il contrario
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Si tratta di oltre 20 panetti, e secondo la polizia facevano parte di un carico disperso dai trafficanti un anno fa. In crescita nella zona del Pacifico il consumo di cocaina
La foto segnaletica che fa ridere
La foto segnaletica che fa ridere
Visti i tanti commenti cattivi, la polizia del Galles ha avvertito che accanirsi contro qualcuno attraverso i social può avere pesanti ripercussioni
Beve 18 whisky e allatta la bimba: morta
Beve 18 whisky e allatta la bimba: morta
I medici legali sono rimasti senza parole: nel corpicino di Sapphire era presente una percentuale di alcol letale
Canada: tagliato il cavo di una funivia
Canada: tagliato il cavo di una funivia
Uno dei cavi che assicura le 30 cabine del “Sea to Sky Gondola”, è stato manomesso: la scoperta mentre l’impianto era fermo
Ai puma non piacciono i Metallica
Ai puma non piacciono i Metallica
Una giovane canadese ha raccontato di aver messo in fuga un grosso felino selvatico che la seguiva nei boschi alzando il volume al massimo durante un brano scatenato della band heavy metal
India, 526 denti estratti ad un bambino
India, 526 denti estratti ad un bambino
Il più alto numero mai registrato su un essere umano: il piccolo, di 7 anni, è stato operato e adesso sta bene