Indonesia: strage di scrutatori

| Quasi 300 morti e 2.000 ricoveri fra coloro che devono controllare le schede di 193 milioni di votanti. Le famiglie saranno risarcite

+ Miei preferiti
Con oltre 270 milioni di abitanti, anche se il numero dei votanti si limita a 193 milioni, le elezioni in cui lo scorso 17 aprile si è votato in Indonesia per le presidenziali e i parlamenti nazionali e regionali, si sono trasformate in tragedia. Negli 800mila seggi sparsi in tutto il paese, ogni elettore aveva diritto a cinque schede, che moltiplicate per gli aventi diritto fanno una mole impressionante di lavoro per gli scrutatori, anche se per l'occasione ne sono stati assunti 7milioni. Se a questo si aggiunge che l’affluenza ha superato l’80%, è facile capire il motivo per cui Arief Piyo Susanto, portavoce della commissione per le elezioni generali, era piuttosto in imbarazzo. È toccato a lui rivelare che 272 scrutatori sono morti durante le operazioni di spoglio e altri 1.878 si sono ammalati. Colpa del superlavoro e della fretta di avere i risultati, che ha costretto gli scrutatori a turni lunghissimi, anche notturni, fino a sfiancarli.

La commissione, ha aggiunto il portavoce, intende risarcire le famiglie delle vittime con 36 milioni di rupie, circa 2.200 euro a defunto, una cifra bassa da queste parti, ma che in Indonesia equivale allo stipendio base di un anno di lavoro.

Per dovere di cronaca i due candidati, il presidente uscente Joko Widodo e il sfidante Prabowo Subianto, continuano a proclamarsi vincitori. Ma vista la strage di scrutatori, prima del prossimo 22 maggio non sarà possibile sapere chi ha ragione.

Mondo
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale
Rissa al parlamento di Hong Kong
Rissa al parlamento di Hong Kong
Quattro deputati portati via in barella al temine di una scazzottata scatenata dagli emendamenti di una legge che facilita l’estradizione verso il resto della Cina
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
A 66 anni, Rama X è salito sull’altare per la quarta volta: la fortunata è una ex assistente di volo della Thay Airway. Il paese è in festa
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta
Colpo di Stato in Sudan
Colpo di Stato in Sudan
I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa