Rivolta Iran, 9 morti anche un poliziotto

| Il presidente Rohani pronto ad ascoltare le ragioni della protesta antigovernativa iniziata giovedì. Sei morti secondo i media Usa tra i manifestanti. Duro attacco a Trump: "Non ha rispetto per il popolo iraniano"

+ Miei preferiti

on si fermano le proteste antigovernative in Iran, dove nella notte sono rimaste uccise 9 persone. A riferire il bilancio è la tv di Stato iraniana, secondo cui sono almeno i 20 morti dall'inizio delle proteste esplose giovedì scorso contro il carovita.

Le ultime notizie riferiscono dell'uccisione nella notte di un agente dei Guardiani della Rivoluzione, in precedenza identificato come un poliziotto, ucciso a colpi d'arma da fuoco a Najafabad. Tra le vittime, stando alla tv di Stato iraniana, ci sono anche un bambino di 11 anni e un ventenne, uccisi a Khomeinishahr. Entrambe le città si trovano nella provincia di Isfahan, nell'Iran centrale.

 

Il vice ministro iraniano dell'Interno, Mohammad Hossein Zolfaqari, in dichiarazioni riportate dall'agenzia di stampa Irna, ha sostenuto che in "molte aree" dell'Iran prevale ora la calma. "La politica rispetto alle recenti rivolte è stata di tenere la situazione sotto controllo. La polizia e le altre forze di sicurezza hanno dato prova di tolleranza - ha affermato Zolfaqari - Ma quando alcuni rivoltosi hanno spinto la situazione alla violenza, le forze di sicurezza hanno dovuto contrastare i vandali".

L'INTERVENTO DI KHAMENEI  - La Guida suprema iraniana, ayatollah Ali Khamenei, ha accusato i "nemici" dell'Iran di essersi uniti contro la Repubblica Islamica. "I nemici si sono uniti utilizzando i loro strumenti - come denaro, armi, politica e servizi di sicurezza - per creare dei problemi" all'Iran, ha detto Khamenei, facendo riferimento agli "eventi degli ultimi giorni". Le dichiarazioni di Khamenei, rilanciate dall'agenzia di stampa ufficiale iraniana Irna, sono le prime della Guida Suprema dall'inizio delle proteste.

GLI ARRESTI - L'ondata di proteste è partita da Mashhad e le contestazioni sono presto dilagate in altre città della Repubblica Islamica. Negli ultimi tre giorni a Teheran, riferisce l'agenzia di stampa iraniana Ilna citando dati confermati dalle autorità locali, sono almeno 450 le persone arrestate . Secondo Ali Asghar Naserbakht, vice governatore della provincia di Teheran, 200 persone sono finite in manette sabato scorso, 150 sono state arrestate domenica e 100 ieri nel quinto giorno di proteste antigovernative.

"Alcune delle persone che hanno fomentato il popolo sono state arrestate e verranno incriminate e processate", afferma una nota dell'ufficio pubblica informazione del ministero dell'Intelligence di Teheran. "A causa del coinvolgimento di alcuni sospetti agitatori, dimostrazioni pacifiche per manifestare le richieste del popolo si sono trasformate in scontri violenti che hanno provocato danni e vittime", aggiunge il comunicato rilanciato dall'agenzia di stampa ufficiale iraniana Irna.

Le persone arrestate durante le proteste potrebbero rischiare anche la pena di morte. "Alcuni degli arrestati potrebbero essere accusate di Moharebeh", ovvero "guerra contro Dio", o di reati contro la sicurezza nazionale, ha sostenuto il capo del Tribunale rivoluzionario di Teheran, Musa Ghazanfar-Abadi, in dichiarazioni all'agenzia di stampa iraniana Tasnim. L'accusa di "Moharebeh", che comporta la pena di morte, viene mossa dalle autorità iraniane per diversi reati. Secondo Ghazanfar-Abadi, le persone arrestate saranno "presto processate".Una parziale marcia indietro. Le istituzioni iraniane devono poter offrire “uno spazio per la critica”. Il presidente Hassan Rohani, nella prima dichiarazione ufficiale dopo lo scoppio delle proteste antigovernative iniziate giovedì, avvertendo però i manifestanti che" le violenze sono inaccettabili" e "saranno represse con durezza". 

“Le critiche sono qualcosa di diverso dalla violenza e dalla distruzione delle proprietà pubbliche”, ha spiegato Rohani nel corso di un Consiglio dei Ministri a cui hanno partecipato anche i vertici dellforze di polizia e delle froze armate.

Rohani ha inoltre criticato il presidente americano, Donald Trump, che aveva commentato le proteste in Iran offrendo la propria solidarietà ai manifestanti: “Quest’uomo che vuole simpatizzare col nostro popolo ha dimenticato che fino a pochi mesi fa aveva chiamato l’Iran un Paese di terroristi: questa persona, il cui intero essere è contro l’Iran, non ha il diritto di compatire il popolo iraniano”.

Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino