"ITALIA NON CI ABBANDONARE NELLE MANI DEI COLECTIVOS"

| La tragedia dei 160 mila italiani (molti del Nord Ovest) del Venezuela, mancano farmaci e i negozi sono vuoti. Drammatico appello

+ Miei preferiti
"Le nostre autorità consolari non possono fare nulla, la Comunità italiana in Venezuela è allo stremo, il governo Maduro è ostile, ci stanno massacrando". Il collegamento Skype con Caracas restituisce l'ansia e l'angoscia degli emigrati italiani - ben oltre la cifra ufficiale, 160 mila, di cui almeno 45 mila provenienti dal Nord Ovest, in particolare dal Piemonte e dalla Liguria - e anche il senso di disperazione, e di abbandono da parte della madre patria. "Pochissimi parlano della situazione, media e tv, se non quando non si raccolgono i morti per le strade, ma qui è un'agonia lenta. Molti di noi torneranno appena possibile in Italia, siamo una minoranza oggetto di persecuzione. Abbiamo ragazzi arrestati, minacciano le famiglie di ritorsioni, ci rimproverano di essere  al fianco dell'opposizione ma tanti di noi, sino a ieri, hanno pensato solo a lavorare. Chavez o Maduro, non importava. Adesso è diverso. Siamo come in Argentina ai tempi di Videla". Si sentono esplosioni, nell'audio del pc. "Ci sono scontri per le strade. La polizia ha sbarrato le vie d'uscita di un parcheggio di un fabbricato, qui, cercano qualcuno, lanciano lacrimogeni, siamo bloccati qui dentro".
"Possiamo anche chiudere"
Chi parla è un quarantacinquenne che, a Caracas, dirige una catena di alberghi-ostelli, frequentati soprattutto da manager e lavoratori stranieri. "Potrei anche chiudere - racconta - abbiamo avuto un crollo del 70 per cento, adesso tutti hanno paura delle reazioni del presidente e delle squadre della morte, i Colectivos". La promessa è che si terranno aperti i contatti per non far mancare la solidarietà ai nostri connazionale stretti in una morsa, tra il regime e una spaventosa crisi economica. Poca cosa. Ma di più non si può. il governo italiano tiene sotto controllo la situazione, mentre l'appello di papa Francesco di porre la chiesa come mediatore tra Maduro e le opposizioni, che reclamano nuove elezioni, è caduto nel vuoto.
Leader di origina italiana in cella 


L'inflazione ha raggiunto picchi del 720%, per stabilizzarsi tra 550 e 650%. Il cambio ufficiale è però di circa 12 Bs (Bolivar Fuerte del Venezuela, abbreviato in Bs) per un euro. Oggi un dollaro vale 0,0001 Bs. Per gli italiani che ricevono la pensione Inps, per esempio, è un disastro. Una pensione di 1200 euro vale in teoria 14 mila Bs, con l'Inps costretta - non sempre senza resistenze e ritardi - a continue compensazioni in euro per non fare morire di fame i titolari dell'assegno, in modo da almeno superare quota 70-100 mila Bs. C'è un italo-venezuelano in cui la comunità italiana, ma anche milioni di venezuelani, ripongono una speranza di riscatto e di rinascita: Antonio Ledezma, ex sindaco della Gran Caracas, e figlio d'immigrati salernitani. Ma è in carcere.

Mondo
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Un mese dopo la terribile eruzione del vulcano che ha ucciso 17 persone, negli ospedali neozelandesi sono ancora ricoverati 13 feriti gravi. A fine gennaio l’inizio dei trasferimenti verso le proprie abitazioni
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
La fretta nel fornire spiegazioni, il silenzio sui nomi di due misteriosi passeggeri e l’intenzione di non consegnare le scatole nere a nessuno, aumentano i sospetti degli esperti
La misteriosa epidemia che allarma Hong Kong
La misteriosa epidemia che allarma Hong Kong
La metropoli cinese teme il ripetersi del devastante impatto della Sars: il livello di allarme alzato di grado, con controlli e disinfezioni a tappeto. Quasi 50 i casi accertati finora
Lancia delle monete verso il motore di un aereo, condannato
Lancia delle monete verso il motore di un aereo, condannato
Un cinese di 28 anni ha pensato fosse beneaugurante lanciare monete verso il rotore dell’aereo su cui si stava imbarcando. È stato bloccato, arrestato e condannato a pagare i danni
Australia, la catastrofe del secolo
Australia, la catastrofe del secolo
Il Nuovo Galles del Sud dichiara lo stato di emergenza per 7 giorni, ma sono ormai decine i micidiali incendi boschivi che stanno mettendo in ginocchio il Paese
I misteri della fuga di Ghosn
I misteri della fuga di Ghosn
Come ha fatto l’ex Ceo di Renault-Nissan a lasciare il Giappone su un volo privato, malgrado fosse privo dei suoi tre passaporti e sotto stretta sorveglianza?