JFK: ADDIO A MEZZO SECOLO DI SEGRETI

| Nell'ennesimo tweet, Trump ha confermato di voler desecretare i misteriosi fascicoli d'inchiesta sull'assassinio del presidente Kennedy

+ Miei preferiti
(Nostro servizio)
di GERMANO LONGO
Questione di ore, ormai pochissime, e Trump renderà pubblici una parte o tutti i 50mila atti sull'assassinio di John Kennedy, tenuti al buio per 54 lunghi anni. In America, dove il nome di JFK è ormai sacro almeno quanto quelli di Washington, Lincoln e dei padri fondatori, l'attesa è quasi spasmodica. Si saprà, ma è d'obbligo il "forse", se è stato realmente Oswald a premere il grilletto, se quel giorno è stato aiutato, se ad armarlo è stata la Cia, Cuba, la Russia o tutti insieme, in un complotto che non aveva altre vie d'uscita possibili, se non quella di versare il sangue del presidente più amato di sempre?

Qualche ora e qualcosa e qualche dubbio potrebbe essere sciolto, ma c'è chi getta acqua sul fuoco ancor prima che l'incendio sia scoppiato. Gerard Posner, ad esempio, autore di "Case Closed: Lee Harvey Oswald and the Assassination of JFK", uno dei massimi esperti sull'omicidio del 22 novembre 1963, che intervistato dalla CNN ha tranquillizzato i suoi concittadini: "Non emergerà alcuna prova fumante: chiunque pensi che i documenti desecretati possano ribaltare il caso rimarrà deluso".

Posner ha passato anni a studiare il caso in modo approfondito, giungendo alla conclusione che a sparare fu Oswald, e solo lui. Ma qualcosa fa tremare comunque i servizi segreti americani, che sembra abbiano fatto pressioni sulla Casa Bianca per impedire la diffusione pubblica degli atti delle indagini, o almeno di quelli più recenti.

Secondo altre voci, altrettanto autorevoli, non è così: fra i segreti chiusi a doppia mandata 25 anni fa da Bush padre, potrebbe esserci anche la "Raleigh call", una misteriosa telefonata che Oswald sarebbe riuscito a fare dal carcere il giorno successivo all'omicidio, a poche ore dalla sua stessa morte per mano del losco Jack Ruby. L'omicida di JFK cercava di mettersi in contatto con John Hurt, ex militare del controspionaggio che viveva in North Carolina: le centraliniste finsero di fare il numero, ma il destino ha voluto che Oswald non potesse più riprovarci.

A proposito della vita dell'ex marine, aleggia nel mistero anche il misterioso viaggio in Messico di qualche settimana prima, con annessa visita alle ambasciate di Russia e Cuba. Fra le ipotesi, quella che Oswald stesse pianificando la fuga dopo l'omicidio. Una pista affossata su preciso ordine dell'allora segretario di stato americano Dean Rusk.

Per finire con il coinvolgimento nell'omicidio di Lyndon Johnson, il vice presidente che prese il posto di JFK, giurando sull'aereo che riportava la delegazione a Washington: ad accusarlo un libro del giornalista Roger Stone.

Tanti punti interrogativi

Ma l'omicidio Kennedy, che sia per un insieme di casualità, per estrema perfezione o  per un'approssimazione spaventosa, perché tutto a questo punto è possibile, si presta da sempre alle più accese teorie complottistiche. A confortarle i dubbi che serpeggiano lungo gli States, con il 52% degli americani convinti già a poche ore dall'assassinio che Kennedy fosse vittima di una cospirazione. Una cifra cresciuta nel tempo fino ad arrivare a quota 81%, la quasi totalità dei abitanti.

Per fare chiarezza nell'enorme quantità di dubbi, leggerezze e falle enormi nei protocolli di sicurezza e protezione, si potrebbe iniziare dai colpi di fucile esplosi quel giorno alla Dealey Plaza di Dallas: secondo le ricostruzioni più accreditate, Oswald impiegò 6,75 secondi per sparare e ricaricare per ben tre volte il moschetto Carcano. Un tempo realistico secondo la commissione Warren, ma troppo rapido per altri, anche nel caso di un cecchino professionista.

E che dire di John Connally, il governatore del Texas rimasto ferito nell'attentato? Anni dopo, il suo nome ricompare negli atti delle indagini della loggia "P2" in quanto amico fraterno del venerabile Licio Gelli. 

A guadagnarci, nelle pieghe dell'omicidio più inquietante della storia americana, fu la famiglia di Abraham Zapruder, l'autore dello storico filmato che ha fissato per sempre la fine del presidente: acquistato da "Life" per 150mila dollari, fu reso pubblico soltanto 12 anni dopo e requisito dal Governo, mentre gli eredi ricevevano una compensazione morale di 16 milioni di dollari.

Mondo
Lacrimogeni a Hong Kong
contro una manifestazione
Lacrimogeni a Hong Kong<br>contro una manifestazione
La polizia antisommossa ha lanciato numerosi gas per disperdere i manifestanti che per il settimo fine settimana consecutivo protestano contro il governo e la Cina
Star della TV russa si massacra un occhio
Star della TV russa si massacra un occhio
Valeria Khusnutdinova, giovanissima star di un reality di grande successo, è tornata a casa ubriaca e ha tentato di togliersi la lente a contatto, provocandosi dei danni seri
Dove si muore di più
Dove si muore di più
Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise
Massacro in Papua Nuova Guinea
Massacro in Papua Nuova Guinea
Almeno 24 persone barbaramente uccise in scontri tribali che infiammano una delle regioni più remote del paese. Il premier promette giustizia
Canada: assolto per due stupri
Canada: assolto per due stupri
L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato