Jolly Joseph, la donna che ha sterminato la sua famiglia

| Madre, moglie, assidua frequentatrice della parrocchia e professoressa universitaria. Nella realtà una spietata assassina che ha decimato senza pietà la sua famiglia

+ Miei preferiti
Per anni, Jolly Joseph ha parlato di come la sua casa fosse stata maledetta, raccontano i vicini: sua suocera era morta per una misteriosa malattia mai chiarita, almeno altri tre dei suoi parenti erano stati vittime di attacchi di cuore mortali, e sua nipote di due anni era soffocata per un pezzo di pane andato di traverso.

Lo ottobre, la polizia indiana ha raccontato una storia ben diversa che non parlava di maledizioni: Jolly Joseph ha avvelenato ognuno di loro, uno per uno, e poi ha coperto gli omicidi con menzogne che solo ora ha iniziato a svelare. Il suo nome completo è Joliyamma, ma la gente la chiama Jolly: viveva in una casa a tre piani di colore rosa pastello a Koodathai, una città di appena 12.000 abitanti nel distretto di Kozhikode, stato del Kerala, nel sud dell’India. All’apparenza, una cittadina onesta: ogni mattina usciva di casa per andare lavoro, raccontava di essere un professore presso del prestigioso Istituto Nazionale di Tecnologia Università di Calicut (NIT), a circa mezz’ora dalla sua abitazione, e nel tempo libero frequentava la chiesa ed era sempre la prima ad aiutare i amici e vicini quand’erano malati o in difficoltà.

“Jolly ci è sempre sembrata una donna perfetta - racconta Saidu NK, 30 anni, per vent’anni vicino di casa della donna - non abbiamo mai avuto il minimo dubbio su di lei, fin dal giorno del suo arrivo in zona”. Era il 1997, e Jolly Joseph si era appena sposata con Roy Thomas, trasferendosi nella sua casa di famiglia, una proprietà ampia, con una recinzione di ferro che si distingueva dal resto.

Nel 2002, la suocera di Jolly, Annamma Thomas, 57 anni, è morta in circostanze mai chiarite, ma poiché aveva problemi di salute, la morte non è stata considerata sospetta e non c'è stata alcuna autopsia. Qualche anno dopo, nel 2008, i vicini ricordano i lamenti di una persona provenire dall’abitazione di Jolly, che poco dopo rassicura tutti: il padre sessantaseienne di suo marito Roy, Tom Thomas, non stava bene. I paramedici trovano l’uomo riverso a terra, con la bava alla bocca: ricoverato in ospedale, muore poche ore dopo per sospetto infarto. Roy e Joseph ereditano la proprietà, ma la polizia accerta che tutti i suoi beni erano stati trasferiti a Jolly Joseph.

Tre anni dopo, anche Roy  muore: Jolly afferma di averlo trovato sdraiato sul pavimento del bagno, anche lui in preda a spasmi e con la bava alla bocca. Ma iniziando a sospettare qualcosa, Mathew Manjadiyil, zio di Roy Thomas, insiste sul fatto che era il caso di effettuate un’autopsia sul corpo del nipote: qualche mese dopo, le analisi rivelano che Roy Thomas era morto per avvelenamento da cianuro, ma la polizia si convince che si tratti di un caso di suicidio e non indaga ulteriormente.

Dopo l’ultimo lutto, Jolly Joseph diventato di colpo più riservata: “Non sembrava più così amichevole, ma capivamo il momento: era una vedova provata da una serie di lutti”. In realtà, l’attività di Jolly non si ferma: nel 2014, lo zio di Roy, Thomas Manjadiyil, 67 anni, muore per l’ennesimo attacco di cuore, e quello stesso anno, Alphine, la figlia di due anni Shaju Sakhariyas, in cugino del marito, muore soffocata. Per finire nel 2016, con la mamma della bambina, morta improvvisamente a soli 43 anni.

Nel 2017, Jolly Joseph si risposa: il fortunato è Shaju Sakhariyas, vedovo dell’ultima vittima e padre della bimba morta soffocata. È proprio il nuovo matrimonio, a gettare i primi sospetti sul conto di Jolly: alcuni familiari ne parlano tra loro e ottengono una copia del referto dell’autopsia effettuata sul corpo di Roy, trovando alcune discrepanze nella storia raccontata da Jolly: la donna aveva raccontato che poco prima aveva preparato un’omelette al marito per la cine, ma l’autopsia accerta che l’uomo aveva mangiato una cena a base di riso e curry. Per essere certi di sbagliarsi, i familiari decidono di andare a fondo anche sulle altre morti, e trovano un solo punto in comune: Jolly Joseph era sempre presente.

All’inizio di quest’anno hanno deciso di raccontare i propri sospetti alla polizia, che qualche mese dopo inizia ad indagare, trovando ben presto altre incongruenze nelle dichiarazioni di Jolly Joseph, a cominciare dal dettaglio che non era affatto una professoressa dell’università. Quando gli indizi sono troppi, le autorità ordina che i corpi fossero riesumati ed esaminati. Due mesi dopo, in una conferenza stampa, il sovrintendente della polizia distrettuale di Kozhikhode ha annunciato un importante sviluppo: Jolly Joseph aveva confessato di aver ucciso tutti e sei i membri della famiglia, aggiungendo che li aveva avvelenati con il cianuro per ottenere il controllo sui beni della famiglia e poi sposare l’uomo di cui era segretamente innamorata.

Mondo
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità
Coronavirus, entrano in azione i robot
Coronavirus, entrano in azione i robot
In una città della Cina centrale le autorità sanitarie hanno avviato una fase di test per la decontaminazione di aree a rischio attraverso i minirobot
Xi Jinping sotto accusa
Xi Jinping sotto accusa
Sapeva del virus e ha taciuto o è stato male informato dai funzionari locali? In entrambi i casi, il presidente cinese si trova in una situazione molto scomoda per la propria immagine
India, ragazze costrette a provare di non avere il ciclo
India, ragazze costrette a provare di non avere il ciclo
Una settantina di allieve di un istituto femminile nel Gujarat costrette dalle insegnanti a spogliarsi per verificare se fossero o meno nei giorni del ciclo mestruale
Cina: centinaia di medici infettati
Cina: centinaia di medici infettati
Il personale medico è fra il più colpito dal coronavirus, ma le autorità cinesi non confermano. Drammatico l’allarme lanciato da infermieri in quarantena: ci insegnano come fare le tute protettive con i sacchi della spazzatura
Australia, la ground zero del disastro ambientale
Australia, la ground zero del disastro ambientale
Un Paese devastato, che deve alzare il livello di allarme dell’intero pianeta, perché secondo gli esperti questo è solo un anticipo di quello che potremmo attenderci
Il coronavirus si trasmette attraverso le superfici
Il coronavirus si trasmette attraverso le superfici
È il risultato di uno studio realizzato da quattro scienziati tedeschi: resisterebbe fino a 9 giorni su vetro, metallo e plastica
Il coronavirus sta rallentando l’economia mondiale
Il coronavirus sta rallentando l’economia mondiale
Gli economisti temono che se non viene fermato, il virus assesterà un duro colpo al PIL mondiale, già duramente provato dalla crisi iniziata nel 2008 e mai finita
Corea del Nord, dove il virus non arriva
Corea del Nord, dove il virus non arriva
Tutti i Paesi vicini alla Cina registrano casi, tranne il regime di Pyongyang, dove secondo l’informazione ufficiale i controlli funzionano e la prevenzione è efficientissima
Uccisa e fatta a pezzi a Cuba
Uccisa e fatta a pezzi a Cuba
Il corpo di una donna canadese di 52 anni è stato ritrovato in una valigia gettata in una discarica. La polizia ha arrestato il fidanzato, un musicista cubano molto più giovane di lei