Kabul: uccisi tre terroristi, 18 morti e 126 feriti

| Operazione anti-terrorismo finita. Nessun ancora in vita nelle stanze del primo piano, mentre le fiamme hanno distrutto l'albergo. 14 vittime sono straniere, 4 afghane. Rivendicazione dei Talebani: "Uccisi militari e mercenari"

+ Miei preferiti
l ministero dell'Interno afghano ha reso noto un nuovo bilancio ufficiale, ma non definitivo, dell'attacco dei talebani all'Hotel Intercontinental di Kabul, quantificando le vittime in 18, quattro afghani e 14 straniere. Tre delle vittime afghane sono state già identificate in responsabili governativi nazionali e provinciali, mentre per quanto riguarda quelle straniere è stata la compagnia aerea afghana Kam Air ad indicare di aver perduto undici dipendenti, mentre otto risultano dispersi.
I talebani afghani hanno rivendicato l'attacco portato ieri sera da un commando armato all'Hotel Intercontinental di Kabul, sostenendo che esso ha provocato "decine di vittime fra nemici stranieri e loro mercenari". In un tweet in inglese il portavoce Zabihullah Mujahid ha precisato che l'operazione è stata condotta da 5 mujaheddin e che nell'albergo era in corso un incontro fra responsabili militari stranieri e personalità del governo afghano.


L'attacco terroristico all'Hotel Intercontinental di Kabul è terminato poco prima delle 10 locali (le 6,30 italiane). Lo ha annunciato un portavoce del ministero dell'Interno nella capitale afghana. Anche se pochi minuti dopo l'annuncio gli inviati di due tv afghane, 1TvNews e Tolo, hanno fatto sapere che "si sentono ancora spari ed esplosioni" Tre assalitori sono stati uccisi e 126 persone tratte in salvo, fra cui 41 stranieri. I morti sono invece cinque, sei i feriti. I vigili del fuoco sono ora al lavoro per spegnere l'incendio provocato ieri da una esplosione nella prima fase dell'attacco.nIn un'ala del primo piano si è sparato ancora sino all'alba. Le strade principali che portano all'hotel sono state chiuse. L'albergo si trova su una collina a ovest della capitale afghana e, dopo un attentato nel 2011, era sotto sorveglianza speciale. L'Intercontinental, dove si svolgono spesso incontri internazionali, ha ospitato questa mattina una conferenza sugli investimenti cinesi in Afghanistan. Secondo fonti di intelligence, non ci sarebbero italiani coinvolti.

La ricostruzione. Gli agenti del National Directorate of Security afghano hanno riferito che il quarto piano dell'albergo è in fiamme, mentre i quattro terroristi e gli ostaggi sono rimasti trincerati per ora al secondo piano. Secondo alcuni media, le forze speciali afghane accorse sul posto avrebbero ingaggiato un conflitto a fuoco con gli assalitori. L'Hotel Intercontinental, intanto, è al buio. L'elettricità, secondo media internazionali, è stata fatta saltare all'inizio dell'irruzione attorno alle 21 ora locale (le 17.30 in Italia). Le ambulanze "sono sul posto in attesa del via libera" per far entrare i soccorritori, ha dichiarato il ministro della Sanità afghano Wahid Majrooh. L'incendio, riferiscono fonti ufficiali afghane, sarebbe stato appiccato dai terroristi in una cucina del quarto piano. Giovedì scorso il Dipartimento di Stato Usa aveva diramato un'allerta su possibili, imminenti attacchi contro alberghi a Kabul. In un tweet, il ministero degli Esteri americano scriveva: "Allerta sicurezza a Kabul. Notizie che gruppi estremisti potrebbero preparare un attacco contro hotel a Kabul, come l'hotel Baron vicino all'aeroporto Hamid Karzai". Una persona residente nei pressi dell'hotel, parlando ha detto di aver sentito una “forte esplosione”. "Non so se gli assalitori sono all'interno dell'hotel, ma posso sentire colpi d'arma da fuoco vicino al primo piano", avrebbe raccontato  un ospite, aggiungendo che "siamo nascosti nelle nostre stanze. Chiedo alle forze di sicurezza di aiutarci il prima possibile prima che ci raggiungano e ci uccidano". Un altro avrebbe detto di “sentire il crepitare delle mitragliatrici”. Un altro ancora, citato da Tolo News, avrebbe parlato di "almeno 15 tra morti e feriti". L' Intercontinental è un albergo 5 stelle situato nella zona ovest di Kabul e, nel 1969, è stato il primo hotel di lusso in stile occidentale costruito nella capitale dell’Afghanistan. Ha 200 stanze e ospita molti stranieri. Nel giugno 2011l'attacco più sanguinoso - con modalità che sembrano simili a quelle odierne - a opera di talebani: almeno 9 uomini armati, dopo essersi fatti strada con kamikaze, penetrarono nell'albergo aprendo il fuoco e prendendo ostaggi. Al termine di un assedio durato 5 ore, causarono la morte di 12 persone.

 

Mondo
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Ben 95 morti per un insieme di leggerezze, incompetenze e noncuranza: l’inchiesta sul naufragio dello scorso anno in Micronesia si è conclusa con pesanti accuse per il comandante e l’equipaggio
Famiglia indiana muore per un selfie
Famiglia indiana muore per un selfie
Quattro persone, tutte giovanissime, cadono una dopo l’altra nelle acque della diga del fiume Pambar. L’India è il Paese al mondo con più vittime per selfie
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
La disgustosa vicenda di Jennifer, una donna inglese che in un’intervista ha raccontato la terribile esperienza vissuta quando aveva solo 11 anni
Decapitata e gettata dal balcone
Decapitata e gettata dal balcone
Orrore a Chita, in Russia: una 19enne è stata fatta a pezzi da un uomo che ha gettato i resti dall’appartamento in cui viveva insieme alla ragazza
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
È successo in Thailandia, al tribunale di Yala: il giudice Khanakorn Pianchana si è sparato al petto per denunciare le pressioni subite da numerosi colleghi perché mandasse sul patibolo degli innocenti
NBP, il formicaio umano
NBP, il formicaio umano
La media di morti fra i detenuti della New Bilibid Prison delle Filippine è di 5.000 persone ogni anno. Una realtà in cui sopravvive soltanto chi ha i soldi per pagarsi la libertà anticipata o una detenzione a cinque stelle
La seconda isola harem di Epstein
La seconda isola harem di Epstein
Tra i suoi numerosi possedimenti, il miliardario pedofilo morto suicida aveva voluto aggiungere ad ogni costo Great St. James Cay. Una trattativa complicata risolta con l’inganno
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Un milione di dollari ad un uomo che a 9 anni era stato violentato nel confessionale da padre Gerald Ridsdale, un sacerdote reo confesso di violenza sessuale su decine di bambini
Joshua for president
Joshua for president
Il giovane leader del Movimento degli Ombrelli che da settimane mette a ferro e fuoco Hong Kong lancia la propria candidatura alle elezioni locali del prossimo novembre
La morte di una modella mina le notti thailandesi
La morte di una modella mina le notti thailandesi
Mentre prove ed esami sembrano incastrare il principale sospettato, il paese si interroga su un universo parallelo senza regole, fatto di alcol, droga e violenza