Kalashnikov è diventato un drone

| L’azienda che porta il nome dell’inventore dell’AK-47 ha appena presentato un drone militare: può portare 3 kg di esplosivo a 130 km/h. Per gli esperti sono le prime avvisaglie della guerra tecnologica 3.0

+ Miei preferiti
Il 4 agosto dello scorso anno, il presidente venezuelano Nicolas Maduro sfugge a un attentato con alcuni droni carichi di esplosivo. Al di là dei dubbi su quanto fosse reale e non inventato ad arte, è il segnale di un cambio di rotta nelle tecniche di guerra e guerriglia: saranno i droni, sempre di più, a controllare, spiare e attaccare in modo chirurgico sugli scenari di guerra. Un mercato in crescita esponenziale che, secondo gli esperti, spingerà diversi paesi al mondo a spendere 100 miliardi di dollari per sviluppare delle proprie generazioni di droni. 

Un futuro inquietante ma molto promettente per chi fabbrica armi, che ha messo l’acquolina in bocca anche alla “Kalashnikov”, azienda russa di materiale bellico resa celebre dall’AK 47, il fucile mitragliatore d’assalto più diffuso al mondo, reso tristemente celebre da centinaia di attentati e foto di terroristi che lo imbracciano. Ma l’AK-47, creato dall’ingegnere militare russo Michail Timofeevič Kalašnikov, è ormai roba che appartiene al passato: al suo posto, l’azienda che porta il suo nome ha presentato nel corso di una fiera di armi da guerra ad Abu Dhabi il “Kyb-Uav”, un drone kamikaze in grado di trasportare 3 kg di esplosivo pronti ad esplodere al momento dell’impatto. Capace di raggiungere i 130 km/h e con un’autonomia di 30 minuti, il drone Kalasnikov è considerato il più veloce e preciso in circolazione fra quelli in commercio. Inquietante il commento di Nicholas Grossman. Esperto di relazioni internazionali americano: “È la democratizzazione delle bombe intelligenti, significa ridurre il gap fra gli eserciti più avanzati e quelli più piccoli”.

E se oggi è necessario un controllo umano, per quanto remoto, il passo successivo è di affidare le operazioni militari direttamente a intelligenze artificiali che saranno in grado di decidere quando e dove colpire. E anche se può sembrare una bella notizia, perché permetterà di risparmiare vite umane di militari mandati in prima linea, dall’altro gli esperti alzano l’allarme: attaccare qualcuno sarà così facile e silenzioso da essere una minaccia vera e propria. Lo dimostra il “Bender”, drone a cui la Darpa (Defence Advanced research Project Agency), sta lavorando da tempo: è in grado di individuare i bersagli umani armati anche se nascosti, distinguerli dal resto della popolazione, e pedinare un veicolo senza mai perderlo di vista. Gli inglesi sono invece al “Taranis”, drone nato per assolvere a compiti di sorveglianza e controllo, ma capace anche di colpire. Infine il “Iai Mini Harpy” sviluppato da Israele che ha fra i compiti individuare a distruggere i radar nemici.

Galleria fotografica
Kalashnikov è diventato un drone - immagine 1
Kalashnikov è diventato un drone - immagine 2
Mondo
Beirut: la «bomba galleggiante»
che faceva paura
Beirut: la «bomba galleggiante»<br>che faceva paura
Il carico di nitrato di ammonio sequestrato ad un cargo russo era stato più volte segnalato, ma ignorato dalla burocrazia
L’inferno di Beirut
L’inferno di Beirut
L’esplosione di un deposito di nitrato di ammonio scuote la capitale libanese: centinaia di morti e feriti. Il presidente un’inchiesta immediata, mentre Trump lancia il sospetto di un attentato. Solidarietà e aiuti da tutto il mondo
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,
dal Pizzagate a QAnon
Il ritorno delle teorie cospirazioniste,<br>dal Pizzagate a QAnon
La prima circola da tempo in America, e vorrebbe politici come Hillary Clinton coinvolti in un traffico di esseri umani che ha base in una pizzeria. La seconda è una dottrina di estrema destra che inneggia al potere del “deep state”
India, la doppia vita del medico serial killer
India, la doppia vita del medico serial killer
Un medico ayurvedico indiano travolto dai debiti, entra nel giro del traffico d’organi e individua nei giovani tassisti i corpi migliori da svuotare. Ha confessato oltre 50 omicidi
Kim Yong un:
«Mai più guerre grazie all’atomica»
Kim Yong un:<br>«Mai più guerre grazie all’atomica»
Il leader nordcoreano convinto di aver messo il suo Paese al riparo da intromissioni straniere grazie al massiccio armamento balistico nucleare. Timide aperture verso un nuovo summit con Trump
USA-Cina, la nuova guerra fredda
USA-Cina, la nuova guerra fredda
Ai rapporti diplomatici vicini ai minimi storici, si aggiungono provocazioni come le rispettive chiusure di due consolati, uno in America e l’altro in Cina. Timori per un nuovo conflitto
El Chapo spera nell’appello
El Chapo spera nell’appello
Il team legale che difende l’ex capo del cartello di Sinaloa mostra ottimismo: “Potrebbe uscire di galera”. Ma la replica della giustizia americana non lascia molte speranze: “Ci sono montagne di prove che lo incastrano per sempre”
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Australia: stuprato dal branco a 5 anni
Quattro ragazzini con meno di 13 avrebbero violentato un bambino sulla spiaggia di Napranum, nel Queensland, non distante da una comunità aborigena. Non è il primo episodio, e la tensione sale
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata