Kalashnikov è diventato un drone

| L’azienda che porta il nome dell’inventore dell’AK-47 ha appena presentato un drone militare: può portare 3 kg di esplosivo a 130 km/h. Per gli esperti sono le prime avvisaglie della guerra tecnologica 3.0

+ Miei preferiti
Il 4 agosto dello scorso anno, il presidente venezuelano Nicolas Maduro sfugge a un attentato con alcuni droni carichi di esplosivo. Al di là dei dubbi su quanto fosse reale e non inventato ad arte, è il segnale di un cambio di rotta nelle tecniche di guerra e guerriglia: saranno i droni, sempre di più, a controllare, spiare e attaccare in modo chirurgico sugli scenari di guerra. Un mercato in crescita esponenziale che, secondo gli esperti, spingerà diversi paesi al mondo a spendere 100 miliardi di dollari per sviluppare delle proprie generazioni di droni. 

Un futuro inquietante ma molto promettente per chi fabbrica armi, che ha messo l’acquolina in bocca anche alla “Kalashnikov”, azienda russa di materiale bellico resa celebre dall’AK 47, il fucile mitragliatore d’assalto più diffuso al mondo, reso tristemente celebre da centinaia di attentati e foto di terroristi che lo imbracciano. Ma l’AK-47, creato dall’ingegnere militare russo Michail Timofeevič Kalašnikov, è ormai roba che appartiene al passato: al suo posto, l’azienda che porta il suo nome ha presentato nel corso di una fiera di armi da guerra ad Abu Dhabi il “Kyb-Uav”, un drone kamikaze in grado di trasportare 3 kg di esplosivo pronti ad esplodere al momento dell’impatto. Capace di raggiungere i 130 km/h e con un’autonomia di 30 minuti, il drone Kalasnikov è considerato il più veloce e preciso in circolazione fra quelli in commercio. Inquietante il commento di Nicholas Grossman. Esperto di relazioni internazionali americano: “È la democratizzazione delle bombe intelligenti, significa ridurre il gap fra gli eserciti più avanzati e quelli più piccoli”.

E se oggi è necessario un controllo umano, per quanto remoto, il passo successivo è di affidare le operazioni militari direttamente a intelligenze artificiali che saranno in grado di decidere quando e dove colpire. E anche se può sembrare una bella notizia, perché permetterà di risparmiare vite umane di militari mandati in prima linea, dall’altro gli esperti alzano l’allarme: attaccare qualcuno sarà così facile e silenzioso da essere una minaccia vera e propria. Lo dimostra il “Bender”, drone a cui la Darpa (Defence Advanced research Project Agency), sta lavorando da tempo: è in grado di individuare i bersagli umani armati anche se nascosti, distinguerli dal resto della popolazione, e pedinare un veicolo senza mai perderlo di vista. Gli inglesi sono invece al “Taranis”, drone nato per assolvere a compiti di sorveglianza e controllo, ma capace anche di colpire. Infine il “Iai Mini Harpy” sviluppato da Israele che ha fra i compiti individuare a distruggere i radar nemici.

Galleria fotografica
Kalashnikov è diventato un drone - immagine 1
Kalashnikov è diventato un drone - immagine 2
Mondo
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
L’ammissione della premier neozelandese accolta da un applauso nel Paese dove i cittadini stanno per scegliere con un referendum se legalizzare o meno l'uso di cannabis
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Arrestato il magnate che critica Xi Jinping
Spina nel fianco e voce controcorrente, Ren Zhiqiang è stato condannato a 18 anni di carcere per reati legati alla corruzione. Non è la prima volta che ha guai con la giustizia per le critiche verso il presidente cinese
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Apre la pancia della moglie per controllare il sesso del nascituro
Pradesh, dove un uomo ha usato una falce per verificare il sesso del bambino che sarebbe nato a breve. Il Paese combatte da tempo contro una disuguaglianza sociale che sta scombinando la parità dei sessi
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny
Secondo i servizi segreti della Nato, Putin ha solo rimandato l’intenzione di eliminare il suo principale antagonista, scampato al tentativo di avvelenamento da Novichock
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
Hong Kong, teorie e poche verità sulla morte di un’adolescente
La tragica fine di Chan Yin-lam è diventata una calamita per le cospirazioni, ma ha messo a nudo i profondi problemi del funzionamento della metropoli cinese teatro di scontri violenti, in cui i giovani pagano il prezzo più alto