Kalashnikov è diventato un drone

| L’azienda che porta il nome dell’inventore dell’AK-47 ha appena presentato un drone militare: può portare 3 kg di esplosivo a 130 km/h. Per gli esperti sono le prime avvisaglie della guerra tecnologica 3.0

+ Miei preferiti
Il 4 agosto dello scorso anno, il presidente venezuelano Nicolas Maduro sfugge a un attentato con alcuni droni carichi di esplosivo. Al di là dei dubbi su quanto fosse reale e non inventato ad arte, è il segnale di un cambio di rotta nelle tecniche di guerra e guerriglia: saranno i droni, sempre di più, a controllare, spiare e attaccare in modo chirurgico sugli scenari di guerra. Un mercato in crescita esponenziale che, secondo gli esperti, spingerà diversi paesi al mondo a spendere 100 miliardi di dollari per sviluppare delle proprie generazioni di droni. 

Un futuro inquietante ma molto promettente per chi fabbrica armi, che ha messo l’acquolina in bocca anche alla “Kalashnikov”, azienda russa di materiale bellico resa celebre dall’AK 47, il fucile mitragliatore d’assalto più diffuso al mondo, reso tristemente celebre da centinaia di attentati e foto di terroristi che lo imbracciano. Ma l’AK-47, creato dall’ingegnere militare russo Michail Timofeevič Kalašnikov, è ormai roba che appartiene al passato: al suo posto, l’azienda che porta il suo nome ha presentato nel corso di una fiera di armi da guerra ad Abu Dhabi il “Kyb-Uav”, un drone kamikaze in grado di trasportare 3 kg di esplosivo pronti ad esplodere al momento dell’impatto. Capace di raggiungere i 130 km/h e con un’autonomia di 30 minuti, il drone Kalasnikov è considerato il più veloce e preciso in circolazione fra quelli in commercio. Inquietante il commento di Nicholas Grossman. Esperto di relazioni internazionali americano: “È la democratizzazione delle bombe intelligenti, significa ridurre il gap fra gli eserciti più avanzati e quelli più piccoli”.

E se oggi è necessario un controllo umano, per quanto remoto, il passo successivo è di affidare le operazioni militari direttamente a intelligenze artificiali che saranno in grado di decidere quando e dove colpire. E anche se può sembrare una bella notizia, perché permetterà di risparmiare vite umane di militari mandati in prima linea, dall’altro gli esperti alzano l’allarme: attaccare qualcuno sarà così facile e silenzioso da essere una minaccia vera e propria. Lo dimostra il “Bender”, drone a cui la Darpa (Defence Advanced research Project Agency), sta lavorando da tempo: è in grado di individuare i bersagli umani armati anche se nascosti, distinguerli dal resto della popolazione, e pedinare un veicolo senza mai perderlo di vista. Gli inglesi sono invece al “Taranis”, drone nato per assolvere a compiti di sorveglianza e controllo, ma capace anche di colpire. Infine il “Iai Mini Harpy” sviluppato da Israele che ha fra i compiti individuare a distruggere i radar nemici.

Galleria fotografica
Kalashnikov è diventato un drone - immagine 1
Kalashnikov è diventato un drone - immagine 2
Mondo
Le promesse ambientali del G7
Le promesse ambientali del G7
I leader mondiali hanno concordato sull’urgenza di agire per salvare il pianeta. Ma senza fatti concreti: a quattro mesi dal COP 26 mancano ancora date e strategie
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
Un’inchiesta top secret svelata dai media avrebbe individuato 150 dipendenti della compagnia aerea australiana appartenenti a gang di bikers attive nel traffico di stupefacenti
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Si tratta per lo più di aborigeni, e alcuni avevano pochi anni. La macabra scoperta è arrivata dopo anni di indagini e segnalazioni. Per il premier Trudeau è “una pagina sconcertante nella storia del nostro Paese”
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Saki Sudo, 22 anni, ha ucciso il miliardario 77enne Kosuke Nozaki somministrandogli massicce dosi di droghe stimolanti. La polizia l’ha arrestata dopo anni di indagini
Riappare la principessa Latifa
Riappare la principessa Latifa
La figlia dello sceicco di Dubai, per cui si sono mosse anche le Nazioni Uniti, è comparsa all’improvviso in un paio di foto postate su Instagram. E' la prova che sia ancora in vita, ma non dice nulla sulle sue condizioni
La moglie manesca dell’ambasciatore
La moglie manesca dell’ambasciatore
Xiang Xueqiu, consorte dell’ambasciatore del Belgio in Corea del Sud, ha chiesto l’immunità diplomatica prima di essere accusata di aggressione dalla commessa di un negozio di abbigliamento
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Colpevole di estremismo, Olga Misik dovrà scontare 2 anni 9 mesi di arresti domiciliari. Insieme a lei condannati altri due giovani per vandalismo
Strage in una scuola in Russia
Strage in una scuola in Russia
Scene simili a quelle americane a Kazan, una città a 1000 km da Mosca: un 19enne ha ucciso 9 persone prima di essere fermato. Putin invoca una maggior stretta sulle armi
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati