"L'ho lasciata, il romanticismo s'è spezzato"

| Il capo Ukip Bolton ha chiuso la relazione con la 25enne che aveva insultato Meghan, la prossima sposa del principe Harry: "Non condivido le frasi razziste". Per lei aveva lasciato la moglie. I colleghi di partito vogliono le dimissioni

+ Miei preferiti

"Lei porterà un seme nero nella famgilia reale e avremo una dinastia negroide...". "Lei' è la prossima sposa del principe Harry. Il leader del partito anti-immigrati britannico UK Independence Party, Harry Bolton  ha così annunciato  lasciato la fidanzata "in seguito delle dichiarazioni razziste" ai danni di Meghan Markl, prossima sposa del principe Harry. Bolton, 54 anni, ha deciso di chiudere la relazione con la 25enne Jo Marney, dopo che il "Mail on Sunday" aveva pubblicato messaggi di testo “orrendi e insultanti” destinati ad una "afroamericana dai facili costumi".

“Non difendo in alcun modo queste dichiarazioni… Da ieri sera l’aspetto romantico del nostro rapporto è stato chiuso” ha detto Bolton a ITV. Bolton, che ha preso la guida dell’UKIP a settembre, ha detto che Marney è stata sospesa dal partito. Ieri in molti hanno chiesto le dimissioni del capo di UKIP per il suo stretto rapporto con la ragazza. Secondo il "Mail on Sunday", Marney avrebbe scritto messaggi a un amico lamentando che Markle, attrice americana di origine multirazziale che sposerà Harry a maggio, “contaminerà la nostra famiglia reale con il suo “seme”. “Il prossimo sarà un premier musulmano. E un re nero” ha scritto secondo il Mail on Sunday.

In una nota Marney ha detto che le sue dichiarazioni erano “deliberatamente esagerate per sottolineare un punto”, ma “ammetto in pieno le offese che ho provocato”. Bolton nelle scorse settimane era già finito sui giornali per la sua decisione di porre fine al suo matrimonio per mettersi con Marney. E’ stato bombardato di richieste di dimissioni da terzo leader eletto dell’UKIP dopo le dimissioni di Nigel Farage presentate all'indomani del referendum del 2016 che ha sancito l’uscita di Londra dalla UE. Sarà una maledizione, ma dopo la Brexit, l'UKIP non ne ha più imbroccata una giusta.

Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino