La battaglia di Saba Kord Afshari

| La giovane attivista iraniana condannata a 25 anni di carcere per essersi tolta il velo durante le manifestazioni di protesta del “Mercoledì bianco”. Al suo fianco intellettuali e organizzazioni umanitare

+ Miei preferiti
Il 19 agosto scorso, il Tribunale rivoluzionario di Teheran, in Iran, ha emesso la sentenza contro la ventenne Saba Kord Afshari, condannata a 24 anni di reclusione con l’accusa di “diffondere la prostituzione e la corruzione”, oltre a “cospirazione contro la sicurezza nazionale e propaganda contro lo stato”. La sua colpa, essere scesa in piazza per partecipare nell’agosto di un anno fa al “Mercoledì bianco”, una protesta pacifica in cui le donne si erano tolte il “hijab”, il velo: un gesto che in Iran può costare molto caro. 

La giovane è stata liberata nel febbraio di quest’anno, usufruendo di un’amnistia che le aveva concesso due mesi di riduzione della pena, ma lo scorso giugno era nuovamente finita in manette per lo stesso motivo.

L’avvocato della giovane, Hosein Taj, ha annunciato l’intenzione di presentare ricorso, poiché la condanna a 24 anni supera di gran lunga la massima pena prevista dalla legge, che si ferma a 15 anni. Al fianco di Saba Kord Afshari si sta mobilitando il mondo intero, a cominciare da Masih Alinejad, giornalista iraniana che da dieci anni ha scelto l’esilio volontario, una delle attiviste che anche se a distanza è considerata una delle menti dei movimenti di protesta che minano la società iraniana.

La giovane è la seconda donna a subire una condanna per il gesto di sfida verso il governo degli ayatollah: la prima era stata Viva Movahed, la cui immagini su una cabina elettrica con in mano il velo aveva fatto il giro del mondo. Ma secondo il Centro per i diritti umani iraniano, dal gennaio ad oggi almeno 12 donne persone state condannate per atti di disobbedienza civile e altre 33 arrestate, in attesa di sentenza. Numeri, si precisa, che potrebbero essere approssimativi.

Mondo
Ucraina, esplode la protesta
contro gli sfollati dalla Cina
Ucraina, esplode la protesta<br>contro gli sfollati dalla Cina
Convinti del pericolo da fake news che circolano in rete, decine di manifestanti hanno attaccato gli autobus che trasportavano ucraini e stranieri rientrati da Wuhan. A nulla sono serviti gli appelli e le rassicurazioni delle autorità
Coronavirus, entrano in azione i robot
Coronavirus, entrano in azione i robot
In una città della Cina centrale le autorità sanitarie hanno avviato una fase di test per la decontaminazione di aree a rischio attraverso i minirobot
Xi Jinping sotto accusa
Xi Jinping sotto accusa
Sapeva del virus e ha taciuto o è stato male informato dai funzionari locali? In entrambi i casi, il presidente cinese si trova in una situazione molto scomoda per la propria immagine
India, ragazze costrette a provare di non avere il ciclo
India, ragazze costrette a provare di non avere il ciclo
Una settantina di allieve di un istituto femminile nel Gujarat costrette dalle insegnanti a spogliarsi per verificare se fossero o meno nei giorni del ciclo mestruale
Cina: centinaia di medici infettati
Cina: centinaia di medici infettati
Il personale medico è fra il più colpito dal coronavirus, ma le autorità cinesi non confermano. Drammatico l’allarme lanciato da infermieri in quarantena: ci insegnano come fare le tute protettive con i sacchi della spazzatura
Australia, la ground zero del disastro ambientale
Australia, la ground zero del disastro ambientale
Un Paese devastato, che deve alzare il livello di allarme dell’intero pianeta, perché secondo gli esperti questo è solo un anticipo di quello che potremmo attenderci
Il coronavirus si trasmette attraverso le superfici
Il coronavirus si trasmette attraverso le superfici
È il risultato di uno studio realizzato da quattro scienziati tedeschi: resisterebbe fino a 9 giorni su vetro, metallo e plastica
Il coronavirus sta rallentando l’economia mondiale
Il coronavirus sta rallentando l’economia mondiale
Gli economisti temono che se non viene fermato, il virus assesterà un duro colpo al PIL mondiale, già duramente provato dalla crisi iniziata nel 2008 e mai finita
Corea del Nord, dove il virus non arriva
Corea del Nord, dove il virus non arriva
Tutti i Paesi vicini alla Cina registrano casi, tranne il regime di Pyongyang, dove secondo l’informazione ufficiale i controlli funzionano e la prevenzione è efficientissima
Uccisa e fatta a pezzi a Cuba
Uccisa e fatta a pezzi a Cuba
Il corpo di una donna canadese di 52 anni è stato ritrovato in una valigia gettata in una discarica. La polizia ha arrestato il fidanzato, un musicista cubano molto più giovane di lei