La colazione da Tiffany? Oggi si può

| Ha aperto da pochissime ore, una caffetteria al quarto piano del flag ship store di New York: uno dei sogni per intere generazioni di donne diventa finalmente realtà

+ Miei preferiti

In realtà neanche Holly Golightly, la tenera ragazza di provincia affascinata dalle luci della Fifth Avenue di New York, magistralmente interpretata da Audrey Hepburn, aveva mai fatto colazione da Tiffany, la gioielleria simbolo della Grande Mela. Nel film del 1956, una delle pellicole di maggior successo nella storia del cinema, si limitava a mandare giù cornetto e caffè davanti alle vetrine, sognando come da quel momento avrebbero sognato tutte le donne del mondo.

Ecco perché fa notizia, scoprire che a distanza di 56 anni dal film, l'austero management di Tiffany & Co. ha annunciato l'apertura del "Blue Box Cafè": la prima, vera occasione per poter fare colazione da Tiffany. Lo spazio, ricavato al quarto piano del flagship store, offre uno sguardo incantato sulla Quinta Strada, il regno dello shopping newyorkese. Quasi scontata la "nuance" scelta per l'arredamento, tutta declinata nel "Light-blu", la tinta simbolo di Tiffany, una particolare varietà di azzurro registrata e protetta.

"Una luxury experience", l'ha definita Reed Krakoff, Chief Artistic Officier di Tiffany, ma anche una svolta decisa del marchio, nella convinzione che perfino le leggende devono adeguarsi ai tempi per conquistare le nuove generazioni. Piatti semplici e stagionali nel menù, tutti di ispirazione newyorkese: dalla "Fifth Avenue Salad" con aragosta e avocado al sandwich con pollo, lattuga e pomodoro. Prezzi da capriccio ma nella media, soprattutto pensando alla locations: 29 dollari per la colazione, 49 per il pranzo.

In realtà, è tutto il quarto piano del più celebre negozio ad essere cambiato: accanto alla caffetteria, Tiffany ha inaugurato uno spazio "Home & Accessories", una boutique per bambini, una profumeria e una libreria.

"Breakfast at Tiffany's", romanzo breve di Truman Capote pubblicato nel 1958, diventa un film tre anni dopo, affidato alla regia di Black Edwards e soprattutto a due star assolute come Audrey Hepburn e George Peppard.

Si racconta la storia di Holly, ragazza di provincia ingoiata dalla Grande Mela in cerca di una vita migliore. Si atteggia a signora dell'alta borghesia, tenta di stringere amicizie con personaggi che contano e ogni giorno, immancabile, si ferma davanti alle sfavillanti vetrine di Tiffany. Sulla sua strada incontra Paul, scrittore tanto affascinante quanto squattrinato, impersonato da George Peppard.

Per la Hepburn, è la pellicola della consacrazione, quella per cui sarà ricordata per sempre. Ma lo stesso accade per Tiffany, iconico marchio di gioielleria nato a New York nel settembre del 1837 come semplice negozio di cancelleria. I gioielli diventano il core business nel 1848, quando Tiffany acquista i preziosi della corona di Francia pubblicando il primo "Blue Book", il tradizionale catalogo da allora diffuso ad ogni nuovo autunno.

Da quel momento, il marchio diventa uno status symbol, consacrato ai polsi e al collo di mogli dei presidenti americani, stelle del cinema, dello sport e della musica. Ancora oggi, il flagship store della Fifth Avenue è uno degli angoli più fotografati di New York: in fondo, come diceva la tenera Holly, "Tiffany è il miglior posto del mondo, in cui non può accadere niente di brutto".

Mondo
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Un mese dopo la terribile eruzione del vulcano che ha ucciso 17 persone, negli ospedali neozelandesi sono ancora ricoverati 13 feriti gravi. A fine gennaio l’inizio dei trasferimenti verso le proprie abitazioni
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
La fretta nel fornire spiegazioni, il silenzio sui nomi di due misteriosi passeggeri e l’intenzione di non consegnare le scatole nere a nessuno, aumentano i sospetti degli esperti
La misteriosa epidemia che allarma Hong Kong
La misteriosa epidemia che allarma Hong Kong
La metropoli cinese teme il ripetersi del devastante impatto della Sars: il livello di allarme alzato di grado, con controlli e disinfezioni a tappeto. Quasi 50 i casi accertati finora
Lancia delle monete verso il motore di un aereo, condannato
Lancia delle monete verso il motore di un aereo, condannato
Un cinese di 28 anni ha pensato fosse beneaugurante lanciare monete verso il rotore dell’aereo su cui si stava imbarcando. È stato bloccato, arrestato e condannato a pagare i danni
Australia, la catastrofe del secolo
Australia, la catastrofe del secolo
Il Nuovo Galles del Sud dichiara lo stato di emergenza per 7 giorni, ma sono ormai decine i micidiali incendi boschivi che stanno mettendo in ginocchio il Paese