La colazione da Tiffany? Oggi si può

| Ha aperto da pochissime ore, una caffetteria al quarto piano del flag ship store di New York: uno dei sogni per intere generazioni di donne diventa finalmente realtà

+ Miei preferiti

In realtà neanche Holly Golightly, la tenera ragazza di provincia affascinata dalle luci della Fifth Avenue di New York, magistralmente interpretata da Audrey Hepburn, aveva mai fatto colazione da Tiffany, la gioielleria simbolo della Grande Mela. Nel film del 1956, una delle pellicole di maggior successo nella storia del cinema, si limitava a mandare giù cornetto e caffè davanti alle vetrine, sognando come da quel momento avrebbero sognato tutte le donne del mondo.

Ecco perché fa notizia, scoprire che a distanza di 56 anni dal film, l'austero management di Tiffany & Co. ha annunciato l'apertura del "Blue Box Cafè": la prima, vera occasione per poter fare colazione da Tiffany. Lo spazio, ricavato al quarto piano del flagship store, offre uno sguardo incantato sulla Quinta Strada, il regno dello shopping newyorkese. Quasi scontata la "nuance" scelta per l'arredamento, tutta declinata nel "Light-blu", la tinta simbolo di Tiffany, una particolare varietà di azzurro registrata e protetta.

"Una luxury experience", l'ha definita Reed Krakoff, Chief Artistic Officier di Tiffany, ma anche una svolta decisa del marchio, nella convinzione che perfino le leggende devono adeguarsi ai tempi per conquistare le nuove generazioni. Piatti semplici e stagionali nel menù, tutti di ispirazione newyorkese: dalla "Fifth Avenue Salad" con aragosta e avocado al sandwich con pollo, lattuga e pomodoro. Prezzi da capriccio ma nella media, soprattutto pensando alla locations: 29 dollari per la colazione, 49 per il pranzo.

In realtà, è tutto il quarto piano del più celebre negozio ad essere cambiato: accanto alla caffetteria, Tiffany ha inaugurato uno spazio "Home & Accessories", una boutique per bambini, una profumeria e una libreria.

"Breakfast at Tiffany's", romanzo breve di Truman Capote pubblicato nel 1958, diventa un film tre anni dopo, affidato alla regia di Black Edwards e soprattutto a due star assolute come Audrey Hepburn e George Peppard.

Si racconta la storia di Holly, ragazza di provincia ingoiata dalla Grande Mela in cerca di una vita migliore. Si atteggia a signora dell'alta borghesia, tenta di stringere amicizie con personaggi che contano e ogni giorno, immancabile, si ferma davanti alle sfavillanti vetrine di Tiffany. Sulla sua strada incontra Paul, scrittore tanto affascinante quanto squattrinato, impersonato da George Peppard.

Per la Hepburn, è la pellicola della consacrazione, quella per cui sarà ricordata per sempre. Ma lo stesso accade per Tiffany, iconico marchio di gioielleria nato a New York nel settembre del 1837 come semplice negozio di cancelleria. I gioielli diventano il core business nel 1848, quando Tiffany acquista i preziosi della corona di Francia pubblicando il primo "Blue Book", il tradizionale catalogo da allora diffuso ad ogni nuovo autunno.

Da quel momento, il marchio diventa uno status symbol, consacrato ai polsi e al collo di mogli dei presidenti americani, stelle del cinema, dello sport e della musica. Ancora oggi, il flagship store della Fifth Avenue è uno degli angoli più fotografati di New York: in fondo, come diceva la tenera Holly, "Tiffany è il miglior posto del mondo, in cui non può accadere niente di brutto".

Articoli correlati
Mondo
Star della TV russa si massacra un occhio
Star della TV russa si massacra un occhio
Valeria Khusnutdinova, giovanissima star di un reality di grande successo, è tornata a casa ubriaca e ha tentato di togliersi la lente a contatto, provocandosi dei danni seri
Dove si muore di più
Dove si muore di più
Un rapporto di un’agenzia dell’Onu ha esaminato i dati globali delle morti violente nel mondo intero. Si muore di più in Sudamerica, anche se per diverse zone del pianeta è ancora difficile avere stime precise
Massacro in Papua Nuova Guinea
Massacro in Papua Nuova Guinea
Almeno 24 persone barbaramente uccise in scontri tribali che infiammano una delle regioni più remote del paese. Il premier promette giustizia
Canada: assolto per due stupri
Canada: assolto per due stupri
L’incredibile vicenda processuale del tribunale di Ottawa: la versione di un uomo accusato di stupro e violenza da due donne, è stata ritenuta dal giudice la più attendibile
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale