La figlia del Che "Mio padre? Romantico"

| Ospite a Torino del circolo la Poderosa, ricordi struggenti e l'analisi politica

+ Miei preferiti
Aleida Guevara March, la figlia più grande del Che, nata dalle seconde nozze con Aleida March, di mestiere fa la  pediatra in un ospedale di Cuba, ovviamente. A lei chiesero chi era suo padre, che uomo fosse, oltre alla leggenda del comandante militare. Rispose che era un uomo con una grande capacità di amare. Un rivoluzionario, del resto, deve essere innanzitutto un romantico. L'ultima sua immagine - disse in un'intervista - è legata a un momento di grande tenerezza: "Mia madre teneva in braccio il mio fratello più piccolo, lui si avvicinò con la sua uniforme e lo accarezzò dolcemente". Ernesto Che Guevara, pochi giorni dopo quel fugace saluto, prese la strada per la Bolivia. Era il 1967 e lui voleva spingere i campesinos alla rivolta, inizioa comnbattere, con pochi fedelissimi, una guerriglia nella giunga senza speranza. Le popolazioni locali, per paura o per convinzione, isolarono i milizioni, li tradirono segnalando la loro posisizione  alla fine assisterro passivi alle ultime ore di vite del Che. La Cia era sulle sue tracce, così l'esercito boliviano. L'8 ottobre fu catturato e ferito, il 9, nelle mattina, fu giustiziato da un soldato, un sergente, che si offrì volontario. Il corpo fu mutilato, fotografato e le immagini diffuse in tutto il mondo per dimostrare che il dottor Ernesto Guevara, sofferente di asma e in quei giorni privo di medicine, argentino naturalizzato cubano, classe 1928, era davvero morto. 
Aleida era a Torino, in questi giorni, al circolo "La Poderosa", dove ha raccontato, per l'ennesima volta, il senso della rivoluzione cubana in cui lei, ora 60enne, crede ancora fermamente. Negli Anni '80 venne spesso invitato ai Festival de L'Unità. Erano gli anni del terrorismo rosso e nero. Molti ragazzi di allora le domandavano come giudicasse i brigatisti rossi che facevano la guerra al sistema anche in nome del Che. Ripeteva lo stesso concetto: "Se metti la tua vita in gioco, e quella degli altri, devi avere le idee chiare su quello che vuoi fare e ottenere. Se è solo un gesto isolato e inutile, non è da rivoluzionari".  Molti ventenni se ne andavano delusi. Speravamo che Almeia li incitasse ad arruolarsi nelle formazioni combattenti. Chissà, se tanti decenni dopo, pensando alle decine di morti e di vite spezzate dalla galera, qualcuno di loro ripensò alle parole dellla pediatra dell'Havana, anche se ormai troppo tardi.

Mondo
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Come nel film con Leonardo DiCaprio, un indiano di 48 anni indossava una divisa da pilota per sfruttare le agevolazioni aeroportuali riservate ai piloti e viaggiare gratis
Dallo striptease alla metanfetamina
Dallo striptease alla metanfetamina
Un’ex spogliarellista australiana , che non passava inosservata, nascondeva dosi di droga nella sua biancheria intima: è accusata di aver fatto almeno 13 viaggi, intascando ogni volta 100mila dollari
Hong Kong, l’ultimo scontro
Hong Kong, l’ultimo scontro
Da due giorni, centinaia di manifestanti sono asserragliati all’interno di un’università: l’edificio è circondato dalla polizia, che impedisce a chiunque di entrare e uscire. Gli scontri si fanno sempre più violenti
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
Infuria la polemica: sull’iPad di John Connell, un anziano pedofilo schedato, la polizia ha trovato 8.000 immagini pedopornografiche. Ma il giudice ha mitigato la condanna perché l’uomo è gravemente malato di cuore
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes, 5 anni, è stata colpita sulla bici della mamma, mentre andava a scuola. La polizia ha arrestato un narcotrafficante che era ricercato per altri due omicidi
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Scoperto un giro di pedofilia nelle scuole afghane
Secondo l’organizzazione umanitaria che ha denunciato il caso, il traffico potrebbe essere responsabile di abusi si più di 500 ragazzi. Ma per evitare il disonore le vittime tacciono, e i responsabili non vengono nemmeno accusati
Io ero Mia
Io ero Mia
La vicenda di una giovane americana di origini libanesi che per due anni è stata una stella del porno. Una scena hard girata con il hijab le è valsa la condanna a morte dei gruppi terroristici
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Cina: 51 bimbi feriti nell’attacco ad una scuola materna
Un uomo si è arrampicato sul tetto della scuola e spruzzato soda caustica su bambini e insegnanti. Fermato poco dopo, ha raccontato di averlo fatto in segno di protesta
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Il genocidio dimenticato dei Rohingya
Senza una terra e privi di ogni diritto, vivono in Birmania, al confine con il Bangladesh, e secondo le Nazioni Uniti sono vittime di una vera pulizia etnica. Ora, il paese asiatico è stato citato a giudizio da 57 Stati diversi
Lo storico napoleonico diventato assassino
Lo storico napoleonico diventato assassino
Oleg Sokolov, 63 anni, celebre in tutto il mondo per i suoi studi napoleonici, ripescato nelle acque del fiume di San Pietroburgo mentre tentava di disfarsi del corpo smembrato della fidanzata 22enne