La figlia del Che "Mio padre? Romantico"

| Ospite a Torino del circolo la Poderosa, ricordi struggenti e l'analisi politica

+ Miei preferiti
Aleida Guevara March, la figlia più grande del Che, nata dalle seconde nozze con Aleida March, di mestiere fa la  pediatra in un ospedale di Cuba, ovviamente. A lei chiesero chi era suo padre, che uomo fosse, oltre alla leggenda del comandante militare. Rispose che era un uomo con una grande capacità di amare. Un rivoluzionario, del resto, deve essere innanzitutto un romantico. L'ultima sua immagine - disse in un'intervista - è legata a un momento di grande tenerezza: "Mia madre teneva in braccio il mio fratello più piccolo, lui si avvicinò con la sua uniforme e lo accarezzò dolcemente". Ernesto Che Guevara, pochi giorni dopo quel fugace saluto, prese la strada per la Bolivia. Era il 1967 e lui voleva spingere i campesinos alla rivolta, inizioa comnbattere, con pochi fedelissimi, una guerriglia nella giunga senza speranza. Le popolazioni locali, per paura o per convinzione, isolarono i milizioni, li tradirono segnalando la loro posisizione  alla fine assisterro passivi alle ultime ore di vite del Che. La Cia era sulle sue tracce, così l'esercito boliviano. L'8 ottobre fu catturato e ferito, il 9, nelle mattina, fu giustiziato da un soldato, un sergente, che si offrì volontario. Il corpo fu mutilato, fotografato e le immagini diffuse in tutto il mondo per dimostrare che il dottor Ernesto Guevara, sofferente di asma e in quei giorni privo di medicine, argentino naturalizzato cubano, classe 1928, era davvero morto. 
Aleida era a Torino, in questi giorni, al circolo "La Poderosa", dove ha raccontato, per l'ennesima volta, il senso della rivoluzione cubana in cui lei, ora 60enne, crede ancora fermamente. Negli Anni '80 venne spesso invitato ai Festival de L'Unità. Erano gli anni del terrorismo rosso e nero. Molti ragazzi di allora le domandavano come giudicasse i brigatisti rossi che facevano la guerra al sistema anche in nome del Che. Ripeteva lo stesso concetto: "Se metti la tua vita in gioco, e quella degli altri, devi avere le idee chiare su quello che vuoi fare e ottenere. Se è solo un gesto isolato e inutile, non è da rivoluzionari".  Molti ventenni se ne andavano delusi. Speravamo che Almeia li incitasse ad arruolarsi nelle formazioni combattenti. Chissà, se tanti decenni dopo, pensando alle decine di morti e di vite spezzate dalla galera, qualcuno di loro ripensò alle parole dellla pediatra dell'Havana, anche se ormai troppo tardi.

Mondo
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Un mese dopo la terribile eruzione del vulcano che ha ucciso 17 persone, negli ospedali neozelandesi sono ancora ricoverati 13 feriti gravi. A fine gennaio l’inizio dei trasferimenti verso le proprie abitazioni
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
I misteri dell’aereo precipitato in Iran
La fretta nel fornire spiegazioni, il silenzio sui nomi di due misteriosi passeggeri e l’intenzione di non consegnare le scatole nere a nessuno, aumentano i sospetti degli esperti
La misteriosa epidemia che allarma Hong Kong
La misteriosa epidemia che allarma Hong Kong
La metropoli cinese teme il ripetersi del devastante impatto della Sars: il livello di allarme alzato di grado, con controlli e disinfezioni a tappeto. Quasi 50 i casi accertati finora
Lancia delle monete verso il motore di un aereo, condannato
Lancia delle monete verso il motore di un aereo, condannato
Un cinese di 28 anni ha pensato fosse beneaugurante lanciare monete verso il rotore dell’aereo su cui si stava imbarcando. È stato bloccato, arrestato e condannato a pagare i danni
Australia, la catastrofe del secolo
Australia, la catastrofe del secolo
Il Nuovo Galles del Sud dichiara lo stato di emergenza per 7 giorni, ma sono ormai decine i micidiali incendi boschivi che stanno mettendo in ginocchio il Paese
I misteri della fuga di Ghosn
I misteri della fuga di Ghosn
Come ha fatto l’ex Ceo di Renault-Nissan a lasciare il Giappone su un volo privato, malgrado fosse privo dei suoi tre passaporti e sotto stretta sorveglianza?