La figlia del Che "Mio padre? Romantico"

| Ospite a Torino del circolo la Poderosa, ricordi struggenti e l'analisi politica

+ Miei preferiti
Aleida Guevara March, la figlia più grande del Che, nata dalle seconde nozze con Aleida March, di mestiere fa la  pediatra in un ospedale di Cuba, ovviamente. A lei chiesero chi era suo padre, che uomo fosse, oltre alla leggenda del comandante militare. Rispose che era un uomo con una grande capacità di amare. Un rivoluzionario, del resto, deve essere innanzitutto un romantico. L'ultima sua immagine - disse in un'intervista - è legata a un momento di grande tenerezza: "Mia madre teneva in braccio il mio fratello più piccolo, lui si avvicinò con la sua uniforme e lo accarezzò dolcemente". Ernesto Che Guevara, pochi giorni dopo quel fugace saluto, prese la strada per la Bolivia. Era il 1967 e lui voleva spingere i campesinos alla rivolta, inizioa comnbattere, con pochi fedelissimi, una guerriglia nella giunga senza speranza. Le popolazioni locali, per paura o per convinzione, isolarono i milizioni, li tradirono segnalando la loro posisizione  alla fine assisterro passivi alle ultime ore di vite del Che. La Cia era sulle sue tracce, così l'esercito boliviano. L'8 ottobre fu catturato e ferito, il 9, nelle mattina, fu giustiziato da un soldato, un sergente, che si offrì volontario. Il corpo fu mutilato, fotografato e le immagini diffuse in tutto il mondo per dimostrare che il dottor Ernesto Guevara, sofferente di asma e in quei giorni privo di medicine, argentino naturalizzato cubano, classe 1928, era davvero morto. 
Aleida era a Torino, in questi giorni, al circolo "La Poderosa", dove ha raccontato, per l'ennesima volta, il senso della rivoluzione cubana in cui lei, ora 60enne, crede ancora fermamente. Negli Anni '80 venne spesso invitato ai Festival de L'Unità. Erano gli anni del terrorismo rosso e nero. Molti ragazzi di allora le domandavano come giudicasse i brigatisti rossi che facevano la guerra al sistema anche in nome del Che. Ripeteva lo stesso concetto: "Se metti la tua vita in gioco, e quella degli altri, devi avere le idee chiare su quello che vuoi fare e ottenere. Se è solo un gesto isolato e inutile, non è da rivoluzionari".  Molti ventenni se ne andavano delusi. Speravamo che Almeia li incitasse ad arruolarsi nelle formazioni combattenti. Chissà, se tanti decenni dopo, pensando alle decine di morti e di vite spezzate dalla galera, qualcuno di loro ripensò alle parole dellla pediatra dell'Havana, anche se ormai troppo tardi.

Mondo
Gli ebrei protestano per il segno del naso
Gli ebrei protestano per il segno del naso
Il “naso ebreo”, una diceria che si trascina da secoli, è entrata nel linguaggio dei segni di un dizionario online diffuso in Belgio, ma la comunità ebrea ha chiesto di rimuoverlo
Incidente nel laboratorio dei virus mortali
Incidente nel laboratorio dei virus mortali
A Vektor, in Siberia, un incendio sarebbe scoppiato in un’ala di uno dei soli due centri di ricerca dove si custodiscono i virus più letali della storia
Il massacro che ha sconvolto le Fiji
Il massacro che ha sconvolto le Fiji
Un uomo neozelandese è accusato di stregoneria: insieme alla moglie, durante un rituale esoterico avrebbe ucciso la famiglia della figlia
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Carrie Lam, la solitudine della numero uno
Le lamentele e la tensione della chief executive di Hong Kong registrate in un audio diffuso dai media. Mentre cresce il malumore di Pechino
Australia: due fantine morte in due giorni
Australia: due fantine morte in due giorni
Melanie Tyndall travolta in gara dal cavallo di un avversario: due giorni prima Mikaela Claridge è stata disarcionata e non si è più rialzata
La battaglia di Saba Kord Afshari
La battaglia di Saba Kord Afshari
La giovane attivista iraniana condannata a 25 anni di carcere per essersi tolta il velo durante le manifestazioni di protesta del “Mercoledì bianco”. Al suo fianco intellettuali e organizzazioni umanitare
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
Campionessa russa di atletica muore a 25 anni
È crollata per un attacco cardiaco mentre faceva jogging: secondo i media era sotto pressione da tempo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro