La Francia entra nella Fase 2

| Con molta cautela e con il Paese diviso in due: zone rosse e verdi. Qualche concessione in più ai cittadini dopo 8 settimane di lockdown

+ Miei preferiti
L’Eliseo è stato chiaro: non si tratta di un liberi tutti, ma di un “processo molto graduale” di allentamento delle misure di contenimento, dopo 8 settimane e 26mila morti. La fase 2 francese divide il Paese in due parti: quelle “verdi”, dove il virus è stato meno violento, e le “rosse”, in cui invece ha creato non pochi problemi. È il premier Edouard Philippe a spiegare che il nord-est del Paese, compresa Parigi, resta sotto massima sorveglianza e con diverse restrizioni ancora in atto.

Chi non abita in quelle zone, considerate ancora a rischio di una seconda ondata di epidemia, potrà godere di qualche libertà in più, con attività all’aperto senza più il limite di un’ora, riapertura di parchi e giardini e spostamenti liberi fino a 100 km dalla propria abitazione senza bisogno di giustificazioni, mentre quelli più lunghi sono autorizzati esclusivamente per validi e comprovati motivi familiari. Via libera alle riunioni di gruppi fino a 10 persone, a patto che siano all’aperto, e possibilità lasciate alle autorità locali di riaprire o meno le scuole dell’infanzia e primarie.

Un terzo dei treni ad alta velocità torna in servizio, con le linee regionali attive al 50% della capacità, e obbligo di distanziamento sociale a bordo che limita la capacità interna al 15% dei posti.

Le frontiere francesi restano chiuse fino al 15 giugno per i non europei, obbligati ad una quarantena di due settimane, mentre chi arriva da paesi UE e Regno Unito è al momento esonerato, anche se il ministro della sanità Olivier Veran ha annunciato che “restrizioni specifiche” potrebbero scattare all’improvviso, se la situazione epidemica dovesse sfuggire ai controlli di uno dei Paesi dell’area Schengen”.

Mondo
Hong Kong torna in piazza
Hong Kong torna in piazza
La città di nuovo invasa dalle proteste, ma ad attendere i manifestanti massicci spiegamenti di polizia ed esercito: segno che Pechino non ha intenzione di tollerare ancora per molto
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La strategia sempre più caotica e rabbiosa di Trump sta accelerando il divario con gli alleati. E con un’America sempre più isolata, la Cina ha tutto da guadagnare
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
La proposta della premier Jacinda Ardern per permettere ai cittadini di riprendersi dal duro lockdown e ridare fiato al turismo, un settore fondamentale per l’economia
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
Ampham, con venti ad oltre 40 km/h, è atteso per mercoledì in zone già duramente colpite dalla pandemia. È il secondo per intensità dopo quello di più di 10 anni fa, che fece oltre 10mila vittime
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Il successo dell’isola nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la posizione globale e l’immagine internazionale di Taipei. E questo sta facendo infuriare Pechino
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
In Ucraina, uno dei pochi Paesi in cui la pratica dell’utero in affitto a scopo economico è permesso, decine di bambini restano in attesa delle famiglie adottive, che non possono viaggiare per andare a prenderli
Il virus oltre cortina
Il virus oltre cortina
Ufficialmente la COVID-19 non è entrata in Corea del Nord, anche se non si ha certezza di quanto affermato dal governo con voci di numerosi casi e centinaia di morti. La strategia di lockdown anticipato ed estremo sembra abbia funzionato
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Al di là della retorica trionfalistica di Pechino, la città epicentro del Covid-19 stenta a riprendersi: negozi chiusi, poca gente per strada e la sensazione che tutto si ripeterà presto con una seconda ondata
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Voci e notizie danno il leader nordcoreano ancora ricoverato e nelle mani di un team medico cinese, mentre il suo treno privato è stato avvistato in una località di villeggiatura
Un litigio familiare alla base della strage in Canada
Un litigio familiare alla base della strage in Canada
Sarebbe una delle prime ricostruzioni della strage di Portapique fatta dalla polizia, finita al centro di una polemica per non aver lanciato l’allarme tempestivamente. Una leggerezza costata la vita a 22 persone