La lotta alla droga, un fallimento

| Lo dice senza mezzi termini un rapporto dell’International Drug Policy Consortium: politiche sbagliate e nessun effetto tangibile di inversione di tendenza. “È un altro chiodo nella bara della lotta alla droga”

+ Miei preferiti
Non lascia scampo il rapporto dell’International Drug Policy Consortium (IDPC): la strategia delle Nazioni Unite contro le droghe degli ultimi 10 anni è stata un sonoro fallimento.

Il rapporto sostiene che gli sforzi delle Nazioni Unite per eliminare il mercato illegale entro il 2019 attraverso un approccio di “guerra alle droghe” ha dato scarsi effetti sull’offerta globale, mentre ha avuto ripercussioni negative sulla salute, i diritti umani, la sicurezza e lo sviluppo.

Secondo il rapporto, le morti per droga sono aumentate del 145% nell’ultimo decennio, con più di 71.000 decessi per overdose solo negli Stati Uniti nel 2017. Almeno 3.940 persone sono state giustiziate per reati di droga in tutto il mondo negli ultimi 10 anni, mentre la repressione della droga nelle Filippine ha portato a circa 27.000 esecuzioni extragiudiziali.

L’IDPC, una rete formata da 177 ONG nazionali e internazionali che si occupano di politica e abuso di droga, sollecita da tempo la Sessione Speciale dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sulle Droghe a mettere in campo un diverso approccio alla strategia per i prossimi 10 anni, in vista di un summit del marzo 2019 a Vienna, in Austria.

“Questo rapporto è un altro chiodo nella bara della guerra alla droga”, ha commentato in modo amaro Ann Fordham, direttore esecutivo di IDPC. “Il fatto che i governi e le Nazioni Unite non ritengano opportuno valutare adeguatamente l’impatto disastroso degli ultimi dieci anni di politica sulle droghe è deprimente ma in fondo non sorprende. I governi si riuniranno il prossimo marzo alle Nazioni Unite e probabilmente nulla nel prossimo decennio cambierà”.

Ai microfoni della CNN, Farhan Haq, vice portavoce del Segretario Generale delle Nazioni Unite, ha commentato: “Ovviamente, ci sono stati significativi successi e altrettanti fallimenti, nel trattare il problema del traffico di droga, e lo abbiamo chiarito sulle molte osservazioni che abbiamo fatto ogni anno. L’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine è la principale agenzia che si occupa di questo problema. Alla fine, quello su cui continueremo a spingere è che tutti i paesi lavorino insieme per affrontare questo devastante problema”.

Nel 2017, ad esempio, il Messico è stato il paese più violento al mondo, a causa di un’impennata dovuta al controllo del mercato degli stupefacenti: 31.174 omicidi, con un aumento del 27% rispetto al 2016.

Oltre ad alimentare la violenza, l'attuale politica di criminalizzare l’uso di droghe ha portato anche ad carcerazioni di massa, dice il rapporto. Un prigioniero su cinque è attualmente imprigionato per reati di droga, molti con l’accusa di possesso per uso personale.

Il documento afferma che 33 giurisdizioni mantengono la pena di morte per reati di droga in violazione degli standard internazionali. Tuttavia, a marzo, il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha proposto di rendere il traffico di droga un reato capitale in risposta alla crisi degli oppiacei in corso nel paese.

“Quello che apprendiamo dal rapporto ombra dell'IDPC è convincente. Da quando i governi hanno iniziato a raccogliere dati sulle droghe, negli anni ‘90, la coltivazione, il consumo e il traffico illegale di droghe hanno raggiunto livelli record”, ha scritto nella prefazione del rapporto Helen Clark, ex primo ministro della Nuova Zelanda e membro della Global Commission on Drug Policy.

“Inoltre, le attuali politiche sulle droghe sono un serio ostacolo ad altri obiettivi sociali ed economici: una guerra che ha fatto milioni di vittime e altrettante scomparse”.

La settimana scorsa, il Canada è stato il primo paese del gruppo fra i paesi industrializzati del G7 a legalizzare l’uso ricreativo della marijuana.

Mondo
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Farage sì, Farage no: dove vanno i grillini?
Il gruppo pentastellato ancora alla ricerca di un partner in Europa per contare qualcosa, anche se poco. Dopo il No di mezzo Parlamente, Farage, teorico della Brexit sembrerebbe orientato ad accoglierli. Ma è un guaio lo stesso
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
70 milioni in fuga: i numeri dell’ONU
L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha diffuso un report sui movimenti del 2018: numeri impressionanti
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale
Rissa al parlamento di Hong Kong
Rissa al parlamento di Hong Kong
Quattro deputati portati via in barella al temine di una scazzottata scatenata dagli emendamenti di una legge che facilita l’estradizione verso il resto della Cina
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
A 66 anni, Rama X è salito sull’altare per la quarta volta: la fortunata è una ex assistente di volo della Thay Airway. Il paese è in festa
Indonesia: strage di scrutatori
Indonesia: strage di scrutatori
Quasi 300 morti e 2.000 ricoveri fra coloro che devono controllare le schede di 193 milioni di votanti. Le famiglie saranno risarcite
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta