La misteriosa epidemia che allarma Hong Kong

| La metropoli cinese teme il ripetersi del devastante impatto della Sars: il livello di allarme alzato di grado, con controlli e disinfezioni a tappeto. Quasi 50 i casi accertati finora

+ Miei preferiti
Non c’è pace per Hong Kong: martoriata da mesi di proteste e violenze, la città cinese sta facendo i conti con una misteriosa epidemia virale che le autorità temono possa trasformarsi in una nuova strage come quella della “SARS”, una grave e atipica forma di polmonite che fra il 2002 e l’anno successivo è costata la vita a più di 700 persone.

Le autorità di Hong Kong hanno alzato il livello di allerta al grado di “serious response”, mentre si diffondono i timori per una malattia che potrebbe essere stata portata da visitatori di una città della Cina continentale. Il livello di risposta grave indica un impatto moderato sulla popolazione di Hong Kong, pari a 7,5 milioni di persone, ma si tratta del secondo livello più alto di una scala di allarme basato su tre step che fa parte di un nuovo piano governativo lanciato per rispondere a malattie infettive di causa sconosciuta.

Al momento sono stati segnalati cinque possibili casi di polmonite virale che ha infettato almeno 44 persone a Wuhan, una città dell’entroterra a ovest di Shanghai e a circa 900 km a nord di Hong Kong.

Il dipartimento della salute ha aggiunto un ulteriore sistema di imaging termico all’aeroporto di Hong Kong per controllare la temperatura corporea dei passeggeri in arrivo. Personale medico per i controlli è stato disposto anche per la stazione ferroviaria ad alta velocità di West Kowloon che collega Hong Kong alla terraferma.

La responsabile della città, Carrie Lam, in visita alla stazione ferroviaria per rivedere le misure di sorveglianza sanitaria, ha esortato tutti coloro che accusano sintomi respiratori a indossare maschere chirurgiche, a richiedere assistenza medica e a comunicare ai medici i luoghi in cui sono stati.

La commissione sanitaria di Wuhan riferisce che 11 delle 44 persone a cui è stata diagnosticata la polmonite sono in condizioni critiche: si trovano in isolamento, mentre altre 121 che erano state a stretto contatto con loro sono sotto osservazione. La maggior parte dei casi avuto come epicentro il mercato alimentare “South China Seafood City”, nei sobborghi di Wuhan, dove, secondo quanto riferito sono in vendita animali selvatici che possono essere portatori di virus pericolosi per gli esseri umani. L’intera area mercatale è stata sgombrata e disinfettata.

Il sintomo più comune è la febbre, accompagnata da respiro affannoso, con infezioni polmonari riscontrate in un ristretto numero di casi: al momento, non è chiaro se la malattia si trasmetta da uomo a uomo.

Gli ultimi casi sono quelli di due donne, fra cui una ragazzina di 12 anni, che negli ultimi giorni sono state a Wuhan, ma che affermano di non aver visitato il mercato. Sono in condizioni stabili, ricoverate in isolamento nel reparto di malattie infettive dell’ospedale Princess Margaret.

Oltre alla SARS, Hong Kong è stata colpita anche dall’influenza aviaria nel 1997 e dall’influenza suina nel 2009.

Mondo
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Si aprono le porte della galera per tre giovani attivisti di Hong Kong
Joshua Wong, Ivan Lam e Agnes Chow si sono dichiarati colpevoli nel corso del processo a loro carico per una manifestazione non autorizzata. Rischiano 5 anni di galera ma assicurano: “Non molleremo”
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Australia: un rapporto svela le «squadre della morte»
Un’inchiesta durata quattro anni ha accertato che tra il 2009 ed il 2013, le truppe d’élite dei “SAS” hanno ucciso senza motivo civili afghani. “È la prova che esiste una cultura distorta e violenta”
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
Nuova Zelanda, la prima donna Māori in parlamento
L’amatissima premier Jacinda Ardern ha scelto come ministro degli esteri una donna indigena: quello neozelandese è uno dei governi più aperti e inclusivi del mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale