La misteriosa epidemia che allarma Hong Kong

| La metropoli cinese teme il ripetersi del devastante impatto della Sars: il livello di allarme alzato di grado, con controlli e disinfezioni a tappeto. Quasi 50 i casi accertati finora

+ Miei preferiti
Non c’è pace per Hong Kong: martoriata da mesi di proteste e violenze, la città cinese sta facendo i conti con una misteriosa epidemia virale che le autorità temono possa trasformarsi in una nuova strage come quella della “SARS”, una grave e atipica forma di polmonite che fra il 2002 e l’anno successivo è costata la vita a più di 700 persone.

Le autorità di Hong Kong hanno alzato il livello di allerta al grado di “serious response”, mentre si diffondono i timori per una malattia che potrebbe essere stata portata da visitatori di una città della Cina continentale. Il livello di risposta grave indica un impatto moderato sulla popolazione di Hong Kong, pari a 7,5 milioni di persone, ma si tratta del secondo livello più alto di una scala di allarme basato su tre step che fa parte di un nuovo piano governativo lanciato per rispondere a malattie infettive di causa sconosciuta.

Al momento sono stati segnalati cinque possibili casi di polmonite virale che ha infettato almeno 44 persone a Wuhan, una città dell’entroterra a ovest di Shanghai e a circa 900 km a nord di Hong Kong.

Il dipartimento della salute ha aggiunto un ulteriore sistema di imaging termico all’aeroporto di Hong Kong per controllare la temperatura corporea dei passeggeri in arrivo. Personale medico per i controlli è stato disposto anche per la stazione ferroviaria ad alta velocità di West Kowloon che collega Hong Kong alla terraferma.

La responsabile della città, Carrie Lam, in visita alla stazione ferroviaria per rivedere le misure di sorveglianza sanitaria, ha esortato tutti coloro che accusano sintomi respiratori a indossare maschere chirurgiche, a richiedere assistenza medica e a comunicare ai medici i luoghi in cui sono stati.

La commissione sanitaria di Wuhan riferisce che 11 delle 44 persone a cui è stata diagnosticata la polmonite sono in condizioni critiche: si trovano in isolamento, mentre altre 121 che erano state a stretto contatto con loro sono sotto osservazione. La maggior parte dei casi avuto come epicentro il mercato alimentare “South China Seafood City”, nei sobborghi di Wuhan, dove, secondo quanto riferito sono in vendita animali selvatici che possono essere portatori di virus pericolosi per gli esseri umani. L’intera area mercatale è stata sgombrata e disinfettata.

Il sintomo più comune è la febbre, accompagnata da respiro affannoso, con infezioni polmonari riscontrate in un ristretto numero di casi: al momento, non è chiaro se la malattia si trasmetta da uomo a uomo.

Gli ultimi casi sono quelli di due donne, fra cui una ragazzina di 12 anni, che negli ultimi giorni sono state a Wuhan, ma che affermano di non aver visitato il mercato. Sono in condizioni stabili, ricoverate in isolamento nel reparto di malattie infettive dell’ospedale Princess Margaret.

Oltre alla SARS, Hong Kong è stata colpita anche dall’influenza aviaria nel 1997 e dall’influenza suina nel 2009.

Mondo
L’Iraq accoglie Francesco,
il Papa che vuole cambiare la storia
L’Iraq accoglie Francesco,<br>il Papa che vuole cambiare la storia
Poche ore all’inizio del primo viaggio di un Pontefice in una terra martoriata da guerre e terrorismo, dove essere cristiani significa rischiare la vita ogni giorno. Imponenti le misure di sicurezza
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles