La misteriosa scomparsa di Jamal Khashoggi

| Scambio di accuse fra la Turchia e l’Arabia Saudita sulla sorte del giornalista, firma del Washington Post. Secondo una ricostruzione considerata attendibile, sarebbe stato ucciso all’interno del consolato saudita

+ Miei preferiti
La vicenda di Jamal Khashoggi, il giornalista saudita auto-esiliato negli Stati Uniti, si sta trasformando in un caso di diplomazia internazionale fra Arabia Saudita e Turchia: l’unica certezza - ma ancora da verificare - sembrerebbe la sorte di Khashoggi, ucciso in circostanze dopo essere scomparso lo scorso 2 ottobre all’interno del consolato dell’Arabia Saudita di Istanbul, dove si era recato per ottenere dei documenti necessari ad avviare la pratica per il divorzio dalla moglie. È la versione portata avanti dall’agenzia “Reuter” e il “Washington Post”, che citando fonti turche parla di un’indagine per omicidio premeditato, consumato all’interno del consolato. A conforto della tesi ci sarebbero le immagini delle telecamere di sicurezza, che mostrano Khashoggi entrare all’interno dell’edificio, “ma non uscire perché ucciso: il suo corpo sarebbe stato portato via segretamente”.

Qualche preoccupazione, il giornalista la nutriva: poco prima di entrare all’interno del consolato avrebbe consegnato il suo cellulare alla fidanzata, la cittadina turca Hatice Cengiz, avvisandola che avrebbero potuto trattenerlo. Nel caso la donna aveva chiesto alla donna di mettersi in contatto con un politico turco vicino al presidente Erdogan.

Dopo dieci ore di attesa, la donna ha però chiamato la polizia. E gli inquirenti poco dopo sarebbero risaliti ad un probabile “gruppo di fuoco” formato da una quindicina di sauditi giunti a Instanbul e ripartiti lo stesso giorno della scomparsa di Khashoggi.

L’Arabia Saudita respinge con forza le accuse del WP e della Reuters, compresa la ricostruzione della polizia turca: il consolato generale saudita ha dichiarato di essere “impegnato nelle ricerche del giornalista”, mentre il principe ereditario Mohammed bin Salman ha assicurato che Khashoggi non si trovava più nell’edificio, e autorizza le forze di polizia ad effettuate una perquisizione dei locali.

Nell’attesa delle forze dell’ordine, un reporter ed un fotografo della Reuter sono stati autorizzati ad entrare nell’edificio, guidati dal Console che ha aperto loro armadi, corridoi, stanze, schedari e rimosso perfino pannelli di copertura di ognuno dei sei piani.

A gettare altre ombre sul caso - che oltre ad “Amnesty International” e “Human Rights Watch”, sta interessando anche il Dipartimento di Stato americano - sono arrivate anche le rivelazioni del quotidiano libanese “Al-Akhbar”, a cui una fonte anonima ha raccontato che Khashoggi sarebbe stato fatto uscire da una porta secondaria e portato in aeroporto per poi essere trasferito a Riyad, “in pieno accordo con le autorità turche”.

“Jamal Khashoggi è un giornalista impegnato, coraggioso e innamorato del suo paese”, ha scritto il Washington Post, pubblicando uno spazio totalmente bianco: quello che avrebbe dovuto ospitare un articolo concordato in precedenza con Khashoggi. 

La sua, era una penna spesso avvelenata verso la politica di Riyad, che non ha mai nascosto una certa irritazione nei confronti del giornalista. Un anno fa, costretto a lasciare il suo paese per via di una campagna di arresti definita di “anti-corruzione”, ma in realtà indirizzata a zittire le voci critiche del paese, Jamal Khashoggi scriveva sulle colonne del WP: “Ho lasciato la mia casa, la mia famiglia e il mio lavoro e sto facendo sentire la mia voce, altrimenti tradirei coloro che marciscono in prigione. Io posso parlare mentre tanti non possono”.

Il nome di Khashoggi è molto noto: autori di libri, tra il 1987 ed il 1995 è stato uno dei pochi giornalisti a intervistare Osama Bin Laden.

Galleria fotografica
La misteriosa scomparsa di Jamal Khashoggi - immagine 1
La misteriosa scomparsa di Jamal Khashoggi - immagine 2
La misteriosa scomparsa di Jamal Khashoggi - immagine 3
Mondo
Rissa al parlamento di Hong Kong
Rissa al parlamento di Hong Kong
Quattro deputati portati via in barella al temine di una scazzottata scatenata dagli emendamenti di una legge che facilita l’estradizione verso il resto della Cina
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
A 66 anni, Rama X è salito sull’altare per la quarta volta: la fortunata è una ex assistente di volo della Thay Airway. Il paese è in festa
Indonesia: strage di scrutatori
Indonesia: strage di scrutatori
Quasi 300 morti e 2.000 ricoveri fra coloro che devono controllare le schede di 193 milioni di votanti. Le famiglie saranno risarcite
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta
Colpo di Stato in Sudan
Colpo di Stato in Sudan
I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa
L'Ecuador sfratta Assange
L
Via dall'ambasciata di Londra che lo ospita dal 2012 per evitare l'estradizione negli Usa. Il fondatore di WikiLeaks avrebbe pubblicato "false notizie" contro il presidente Moreno che "ora ha perso la pazienza"
Un speranza anche per Manuel
Un speranza anche per Manuel
Un clinico svizzero ha elaborato una tecnica per tentare si superare le lesioni midollari con la tecnica "Stimo". Alcuni pazienti hanno ripreso a camminare. Il caso del nuotatore azzurro sarà esaminato
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden
L’eroe di Christchurch
L’eroe di Christchurch
Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili