La misteriosa scomparsa di Jamal Khashoggi

| Scambio di accuse fra la Turchia e l’Arabia Saudita sulla sorte del giornalista, firma del Washington Post. Secondo una ricostruzione considerata attendibile, sarebbe stato ucciso all’interno del consolato saudita

+ Miei preferiti
La vicenda di Jamal Khashoggi, il giornalista saudita auto-esiliato negli Stati Uniti, si sta trasformando in un caso di diplomazia internazionale fra Arabia Saudita e Turchia: l’unica certezza - ma ancora da verificare - sembrerebbe la sorte di Khashoggi, ucciso in circostanze dopo essere scomparso lo scorso 2 ottobre all’interno del consolato dell’Arabia Saudita di Istanbul, dove si era recato per ottenere dei documenti necessari ad avviare la pratica per il divorzio dalla moglie. È la versione portata avanti dall’agenzia “Reuter” e il “Washington Post”, che citando fonti turche parla di un’indagine per omicidio premeditato, consumato all’interno del consolato. A conforto della tesi ci sarebbero le immagini delle telecamere di sicurezza, che mostrano Khashoggi entrare all’interno dell’edificio, “ma non uscire perché ucciso: il suo corpo sarebbe stato portato via segretamente”.

Qualche preoccupazione, il giornalista la nutriva: poco prima di entrare all’interno del consolato avrebbe consegnato il suo cellulare alla fidanzata, la cittadina turca Hatice Cengiz, avvisandola che avrebbero potuto trattenerlo. Nel caso la donna aveva chiesto alla donna di mettersi in contatto con un politico turco vicino al presidente Erdogan.

Dopo dieci ore di attesa, la donna ha però chiamato la polizia. E gli inquirenti poco dopo sarebbero risaliti ad un probabile “gruppo di fuoco” formato da una quindicina di sauditi giunti a Instanbul e ripartiti lo stesso giorno della scomparsa di Khashoggi.

L’Arabia Saudita respinge con forza le accuse del WP e della Reuters, compresa la ricostruzione della polizia turca: il consolato generale saudita ha dichiarato di essere “impegnato nelle ricerche del giornalista”, mentre il principe ereditario Mohammed bin Salman ha assicurato che Khashoggi non si trovava più nell’edificio, e autorizza le forze di polizia ad effettuate una perquisizione dei locali.

Nell’attesa delle forze dell’ordine, un reporter ed un fotografo della Reuter sono stati autorizzati ad entrare nell’edificio, guidati dal Console che ha aperto loro armadi, corridoi, stanze, schedari e rimosso perfino pannelli di copertura di ognuno dei sei piani.

A gettare altre ombre sul caso - che oltre ad “Amnesty International” e “Human Rights Watch”, sta interessando anche il Dipartimento di Stato americano - sono arrivate anche le rivelazioni del quotidiano libanese “Al-Akhbar”, a cui una fonte anonima ha raccontato che Khashoggi sarebbe stato fatto uscire da una porta secondaria e portato in aeroporto per poi essere trasferito a Riyad, “in pieno accordo con le autorità turche”.

“Jamal Khashoggi è un giornalista impegnato, coraggioso e innamorato del suo paese”, ha scritto il Washington Post, pubblicando uno spazio totalmente bianco: quello che avrebbe dovuto ospitare un articolo concordato in precedenza con Khashoggi. 

La sua, era una penna spesso avvelenata verso la politica di Riyad, che non ha mai nascosto una certa irritazione nei confronti del giornalista. Un anno fa, costretto a lasciare il suo paese per via di una campagna di arresti definita di “anti-corruzione”, ma in realtà indirizzata a zittire le voci critiche del paese, Jamal Khashoggi scriveva sulle colonne del WP: “Ho lasciato la mia casa, la mia famiglia e il mio lavoro e sto facendo sentire la mia voce, altrimenti tradirei coloro che marciscono in prigione. Io posso parlare mentre tanti non possono”.

Il nome di Khashoggi è molto noto: autori di libri, tra il 1987 ed il 1995 è stato uno dei pochi giornalisti a intervistare Osama Bin Laden.

Galleria fotografica
La misteriosa scomparsa di Jamal Khashoggi - immagine 1
La misteriosa scomparsa di Jamal Khashoggi - immagine 2
La misteriosa scomparsa di Jamal Khashoggi - immagine 3
Mondo
Le promesse ambientali del G7
Le promesse ambientali del G7
I leader mondiali hanno concordato sull’urgenza di agire per salvare il pianeta. Ma senza fatti concreti: a quattro mesi dal COP 26 mancano ancora date e strategie
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
La Qantas invasa dalle gang dello spaccio di droga
Un’inchiesta top secret svelata dai media avrebbe individuato 150 dipendenti della compagnia aerea australiana appartenenti a gang di bikers attive nel traffico di stupefacenti
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Canada: i resti di 215 bambini trovati in un collegio
Si tratta per lo più di aborigeni, e alcuni avevano pochi anni. La macabra scoperta è arrivata dopo anni di indagini e segnalazioni. Per il premier Trudeau è “una pagina sconcertante nella storia del nostro Paese”
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Un’ex pornostar ha avvelenato il marito 77enne
Saki Sudo, 22 anni, ha ucciso il miliardario 77enne Kosuke Nozaki somministrandogli massicce dosi di droghe stimolanti. La polizia l’ha arrestata dopo anni di indagini
Riappare la principessa Latifa
Riappare la principessa Latifa
La figlia dello sceicco di Dubai, per cui si sono mosse anche le Nazioni Uniti, è comparsa all’improvviso in un paio di foto postate su Instagram. E' la prova che sia ancora in vita, ma non dice nulla sulle sue condizioni
La moglie manesca dell’ambasciatore
La moglie manesca dell’ambasciatore
Xiang Xueqiu, consorte dell’ambasciatore del Belgio in Corea del Sud, ha chiesto l’immunità diplomatica prima di essere accusata di aggressione dalla commessa di un negozio di abbigliamento
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Condannata la «ragazza della Costituzione»
Colpevole di estremismo, Olga Misik dovrà scontare 2 anni 9 mesi di arresti domiciliari. Insieme a lei condannati altri due giovani per vandalismo
Strage in una scuola in Russia
Strage in una scuola in Russia
Scene simili a quelle americane a Kazan, una città a 1000 km da Mosca: un 19enne ha ucciso 9 persone prima di essere fermato. Putin invoca una maggior stretta sulle armi
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Il razzo cinese è caduto vicino alle Maldive
Questa la versione dell’agenzia spaziale di Pechino, accusata di aver realizzato un booster destinato a tornare sulla Terra senza controllo
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
Il razzo cinese si schianterà sulla Terra nel fine settimana
I detriti del Long March 5B dovrebbero rientrare nel giro delle prossime ore, ma nessuno sa con precisione dove e quando. I cinesi minimizzano, tutti gli altri sono preoccupati