La morte di una modella mina le notti thailandesi

| Mentre prove ed esami sembrano incastrare il principale sospettato, il paese si interroga su un universo parallelo senza regole, fatto di alcol, droga e violenza

+ Miei preferiti
La misteriosa morte di Thitima Noraphanpiphat, una ragazza che lavorava come modella, sta spalancando il mondo misterioso dell’industria del divertimento thailandese.

Il corpo di Thitima, 25 anni, è stato trovato nell’atrio di un condominio, e un uomo sarebbe stato arrestato, incastrato dalle telecamere di sorveglianza che lo mostrano mentre trascina fuori dall’ascensore il corpo senza vita della giovane, per poi abbandonarlo in un angolo dell’atrio di un lussuoso condominio di Bangkok dov’era stata ingaggiata come cameriera per un party privato.

La morte di Thitima Noraphanpiphat domina le prime pagine dei giornali thailandesi, e il mistero che avvolge le sue ultime ore di vita è al centro di voci e speculazioni. Nell’ambito dell’inchiesta, la polizia ha arrestato altre sei persone che hanno partecipato al party, dopo la denuncia alla polizia di un’altra ragazza assunta come cameriera che afferma di essere stata ubriacata fino a perdere i sensi. La mattina seguente si è svegliata nuda in un letto.

Il caso ha acceso i riflettori su un fenomeno molto diffuso in Thailandia, dove giovani donne sono assunte come hostess per eventi come spettacoli, party in locali notturni e feste private, ma i casi di molestie sessuali, abusi e stupri sono centinaia, e per quasi tutte, il copione è lo stesso: spinte a bere quantità eccessive di alcol oppure drogate, poi violentate e spesso picchiate.

Thitima era la principale fonte di sostentamento per la sua famiglia: con il suo lavoro era riuscita a iscrivere la figlia, una bimba di 3 anni, in una delle migliori scuole di Bangkok. La sua morte ha scatenato polemiche furiose e messo in luce la necessità di introdurre leggi a tutela dei lavoratori del settore e campagne di sensibilizzazione per cambiare gli atteggiamenti di cui si nutre l’ambiente. “Dobbiamo mutare questa convinzione affinché la prossima generazione capisca che nessuno ha il diritto di molestare o ferire gli altri”, ha riferito il portavoce di un’associazione che si batte contro la violenza di genere.

Il principale sospettato, Rachadech Wongtabutr, 24 anni, l’ultima persona con cui Thitima è stata vista, è stato fermato e rilasciato dopo un lungo interrogatorio, negando qualsiasi coinvolgimento nell’omicidio. La sua possibile colpevolezza è tornata con forza dopo che la polizia ha ritrovato un post sui social con alcune foto di Thitima, conosciuta nell’ambiente come “Lunlabelle”. Ulteriori indagini hanno portato al definitivo arresto di Rachadech, specie dopo l’autopsia in cui è stata stabilita l’ora della morte, un dettaglio che incastra l’uomo, perché avvenuta nelle ore in cui la giovane si trovava nel suo appartamento.

Secondo il capo della polizia, Rachadech Wongtabutr ha ammesso di aver portato Thitima nel suo appartamento al sesto piano del palazzo, ma nega le accuse, dicendo che pensava fosse solo ubriaca e non priva di vita. 

I sospetti sono aumentati dopo il ritrovamento del corpo, quando la polizia ha bussato alla porta di Rachadech, che si è rifiutato di aprire. Il rapporto preliminare dell’autopsia indica come causa di morte “un’intossicazione da bevande alcoliche”: gli esami hanno evidenziato una concentrazione di alcool nel sangue di 418 milligrammi per 100 millilitri. Nel sangue non sono invece state ritrovate tracce di sostanze stupefacenti.

Galleria fotografica
La morte di una modella mina le notti thailandesi - immagine 1
La morte di una modella mina le notti thailandesi - immagine 2
La morte di una modella mina le notti thailandesi - immagine 3
La morte di una modella mina le notti thailandesi - immagine 4
Mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
L’ammissione della premier neozelandese accolta da un applauso nel Paese dove i cittadini stanno per scegliere con un referendum se legalizzare o meno l'uso di cannabis
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo