La morte di una modella mina le notti thailandesi

| Mentre prove ed esami sembrano incastrare il principale sospettato, il paese si interroga su un universo parallelo senza regole, fatto di alcol, droga e violenza

+ Miei preferiti
La misteriosa morte di Thitima Noraphanpiphat, una ragazza che lavorava come modella, sta spalancando il mondo misterioso dell’industria del divertimento thailandese.

Il corpo di Thitima, 25 anni, è stato trovato nell’atrio di un condominio, e un uomo sarebbe stato arrestato, incastrato dalle telecamere di sorveglianza che lo mostrano mentre trascina fuori dall’ascensore il corpo senza vita della giovane, per poi abbandonarlo in un angolo dell’atrio di un lussuoso condominio di Bangkok dov’era stata ingaggiata come cameriera per un party privato.

La morte di Thitima Noraphanpiphat domina le prime pagine dei giornali thailandesi, e il mistero che avvolge le sue ultime ore di vita è al centro di voci e speculazioni. Nell’ambito dell’inchiesta, la polizia ha arrestato altre sei persone che hanno partecipato al party, dopo la denuncia alla polizia di un’altra ragazza assunta come cameriera che afferma di essere stata ubriacata fino a perdere i sensi. La mattina seguente si è svegliata nuda in un letto.

Il caso ha acceso i riflettori su un fenomeno molto diffuso in Thailandia, dove giovani donne sono assunte come hostess per eventi come spettacoli, party in locali notturni e feste private, ma i casi di molestie sessuali, abusi e stupri sono centinaia, e per quasi tutte, il copione è lo stesso: spinte a bere quantità eccessive di alcol oppure drogate, poi violentate e spesso picchiate.

Thitima era la principale fonte di sostentamento per la sua famiglia: con il suo lavoro era riuscita a iscrivere la figlia, una bimba di 3 anni, in una delle migliori scuole di Bangkok. La sua morte ha scatenato polemiche furiose e messo in luce la necessità di introdurre leggi a tutela dei lavoratori del settore e campagne di sensibilizzazione per cambiare gli atteggiamenti di cui si nutre l’ambiente. “Dobbiamo mutare questa convinzione affinché la prossima generazione capisca che nessuno ha il diritto di molestare o ferire gli altri”, ha riferito il portavoce di un’associazione che si batte contro la violenza di genere.

Il principale sospettato, Rachadech Wongtabutr, 24 anni, l’ultima persona con cui Thitima è stata vista, è stato fermato e rilasciato dopo un lungo interrogatorio, negando qualsiasi coinvolgimento nell’omicidio. La sua possibile colpevolezza è tornata con forza dopo che la polizia ha ritrovato un post sui social con alcune foto di Thitima, conosciuta nell’ambiente come “Lunlabelle”. Ulteriori indagini hanno portato al definitivo arresto di Rachadech, specie dopo l’autopsia in cui è stata stabilita l’ora della morte, un dettaglio che incastra l’uomo, perché avvenuta nelle ore in cui la giovane si trovava nel suo appartamento.

Secondo il capo della polizia, Rachadech Wongtabutr ha ammesso di aver portato Thitima nel suo appartamento al sesto piano del palazzo, ma nega le accuse, dicendo che pensava fosse solo ubriaca e non priva di vita. 

I sospetti sono aumentati dopo il ritrovamento del corpo, quando la polizia ha bussato alla porta di Rachadech, che si è rifiutato di aprire. Il rapporto preliminare dell’autopsia indica come causa di morte “un’intossicazione da bevande alcoliche”: gli esami hanno evidenziato una concentrazione di alcool nel sangue di 418 milligrammi per 100 millilitri. Nel sangue non sono invece state ritrovate tracce di sostanze stupefacenti.

Galleria fotografica
La morte di una modella mina le notti thailandesi - immagine 1
La morte di una modella mina le notti thailandesi - immagine 2
La morte di una modella mina le notti thailandesi - immagine 3
La morte di una modella mina le notti thailandesi - immagine 4
Mondo
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
In un insolito bagno di umiltà pubblica, il capo del centro per il controllo e la prevenzione delle malattie ha ammesso la scarsa efficacia della profilassi cinese rispetto agli altri vaccini
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’alto Commissario per i Diritti Umani ha chiesto un incontro con il nuovo ambasciatore di Dubai all’ONU. Chiederanno la prova in vita e di poter parlare con Latifa e Shamsa, di cui si è persa ogni traccia
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
La vincitrice dell’edizione 2019 ha strappato la corona dalla testa della neo eletta accusandola di essere divorziata. Il tutto in diretta televisiva
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Almeno 40 gli arresti, mentre monta l’indignazione degli Emirati Arabi Uniti, dove le leggi sull’oscenità sono assai rigorose. Il servizio fotografico era destinato ad un sito per adulti (foto: Daily Mail)
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Un tribunale li ha ritenuti colpevoli di aver organizzato la grande protesta di piazza del 2019: rischiano fino a cinque anni di reclusione
Myanmar, l’ecatombe
che non interessa a nessuno
Myanmar, l’ecatombe<br>che non interessa a nessuno
L’Occidente si limita a condannare, mentre dall’ex Birmania giungono notizie di massacri quotidiani e di una situazione sanitaria pronta ad esplodere. Iniziano a mancare cibo, acqua e generi di prima necessità
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le autorità del Canale di Suez autorizzano la rimozione di 20.000 metri cubi di sabbia dal fondale per liberare l’enorme portacontainer. Un blocco che può avere conseguenze pesanti
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Giorni di intense precipitazioni hanno causato un’alluvione che ha costretto le autorità a sfollare 18mila persone. La situazione è complicata da un’invasione di topi, attirati dall’eccezionale raccolto di grano
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Dopo 18 mesi di reclusione in una località segreta, iniziano i due processi a carico di Michael Kovrig e Michael Spavor, due canadesi arrestati come ripercussione per l’arresto della top manager Huawei
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
Kathleen Folbigg è stata condannata per l’omicidio dei suoi quattro figli: ma secondo le più recenti scoperte scientifiche, la causa più probabile sarebbe un’anomalia genetica trasmessa ai bimbi, che ha causato la “morte in culla”