La parabola di Aung San Suu Kyi

| Dal Nobel per la Pace alle accuse di genocidio: l’ex attivista per i diritti umani della Birmania è accusata di non aver fatto nulla per impedire il massacro del popolo Rohingya

+ Miei preferiti
Per quella donnina minuta dall’aria delicata era sceso in campo il mondo intero: Aung San Suu Kyi era una delle tante vittime della dittatura militare del suo paese, la Birmania, una donna diventata l’emblema della lotta contro le ingiustizie e i diritti umani. In una parabola che ha dell’incredibile, poche ore fa è stata proprio lei a dover rappresentare il governo davanti alla Corte internazionale di giustizia delle Nazioni Unite dell’Aia dalle accuse di genocidio e atrocità contro l’etnia musulmana Rohingya.

Nata nel giugno del 1945, figlia di un generale ucciso due anni dopo la sua nascita, Aung era cresciuta impegnandosi in politica: nel 1960 è nominata ambasciatrice in India, poi sceglie di completare gli studi a New York e Oxford. Torna in Birmania nel 1988 per accudire la madre gravemente malata, proprio mentre il generale Saw Maung sale al potere instaurando il regime militare. Aung, che ha sempre seguito gli insegnamenti del Mahatma Gandhi, fonda la Lega Nazionale per la Democrazia e nel 1988 viene messa ai domiciliari. Due anni dopo, alle elezioni generali, il partito di Aung stravince alle urne, ma i militari non riconoscono il voto e assumono la guida della Birmania con la forza.

Le battaglie politiche trasformano Aung San Suu Kyi in un simbolo che commuove il mondo: un anno dopo le viene assegnato il Nobel per la Pace che non ha il permesso di ritirare personalmente, e lei utilizza tutto il denaro del premio per creare un sistema sanitario e di istruzione. Intorno al nome di Aung, che nel frattempo scampa ad un attentato, si mobilita il mondo intero: sul Myanmar arrivano le forti degli Stati Uniti, dell’Unione Europea, del Vaticano e delle Nazioni Unite. Sarà liberata solo il 13 novembre 2010, dopo aver subito altre condanne che la costringono ai lavori forzati: cinque anni dopo, la Lega Nazionale per la Democrazia vince le prime elezioni libere, e Aung San Suu Kyi guida diversi ministeri prima di diventare Consigliere di Stato, di fatto il presidente del paese asiatico.

Ma qualcosa cambia di colpo: un rapporto del 2017 del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite accusa i leader birmani di genocidio e crimini di guerra, e fra i nomi di chi merita un processo spunta anche quello di Aung San Suu Kyi.

Le accuse nei suoi confronti sono in realtà di non aver fatto nulla per evitare il sistematico massacro dei Rohingya, una minoranza musulmana vittima di una violenta campagna militare. “Aveva il potere per intervenire, o avrebbe potuto almeno dimettersi. Non c’era alcun bisogno che diventasse la portavoce dell’esercito affermando le violenze erano solo una montatura messa in atto da una campagna di disinformazione”, ha tuonato contro di lei Zeid Ra’ad al Hussein, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani. Nel rapporto, si legge che “Le repressioni dell’esercito sono state grossolanamente sproporzionate rispetto alle effettive minacce alla sicurezza citate come motivo di tanto accanimento: si è trattato di una vera e propria pulizia etnica”.

Zaw Htay, portavoce del governo birmano, ha difeso a muso duro le posizioni del proprio Paese: “Non abbiamo mai autorizzato la missione Onu ad entrare nel nostro Paese, e per questo non accettiamo alcuna risoluzione”.

Aung San Suu Kyi, che formalmente non è al tavolo degli imputati, ha definito “incompleta ed errata” l’accusa mossa dalle Nazioni Unite. Ma del simbolo che era diventata, non c’è più traccia.

Articoli correlati
Mondo
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Una donna di 71 anni costretta ad assistere alla violenza di un uomo sulle tre nipoti, è morta per attacco cardiaco. Le violenze contro donne e bambini in Sudafrica hanno raggiunto livelli di guardia
Hong Kong, la libertà perduta
Hong Kong, la libertà perduta
Varata a tarda sera la legge sulla sicurezza nazionale: le proteste saranno considerate sovversione e terrorismo interno punibile con l’ergastolo. Immediate le reazioni da tutto il mondo: “È la fine della metropoli che il mondo conosceva”
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
L’arcipelago ha lanciato un appello per il ritorno del turismo d’élite: oltre al paesaggio paradisiaco, dalla metà di aprile non si registra un nuovo caso di coronavirus
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Accusata di atti osceni e incitamento alla prostituzione, Sama el Masry è stata condannata a tre anni di reclusione e al pagamento di una pesante multa
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
Dedicato alla memoria di George Floyd, il pacchetto di riforma della polizia rischia di arenarsi al Senato dopo l’approvazione della Camera. Trump contrario
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
Per anni nell’ombra, capace di sparire per lunghi periodi, la sua immagine è sempre più presente, mentre quella del fratello si offusca, avvolta dal mistero
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Il Paese ha uno dei tassi alti di casi di Covid-19 dell’intero continente. E lotta con una recrudescenza delle violenze subito dopo l’isolamento del lockdown
Venti di guerra sull’Himalaya
Venti di guerra sull’Himalaya
Si alza la tensione fra India e Cina per il controllo di una zona di confine mai del tutto chiarita e accettata. La scorsa notte un’escalation avrebbe portato a 17 morti, ma si teme l’inizio di una grave crisi internazionale