La Russia proverà ancora a uccidere Navalny

| Secondo i servizi segreti della Nato, Putin ha solo rimandato l’intenzione di eliminare il suo principale antagonista, scampato al tentativo di avvelenamento da Novichock

+ Miei preferiti
Alexei Navalny, l’oppositore di Putin avvelenato con il gas nervino, continua a migliorare: dopo la foto dal letto dall’ospedale “Charité” di Berlino dov’è in cura, ne ha postata un’altra in cui cammina con le proprie gambe e appare decisamente più forma. “La strada verso la guarigione è chiara, anche se non vicina – ha commentato il blogger – faticavo a riconoscere le persone e avevo difficoltà a esprimersi. Molti problemi vanno ancora risolti, ma quello più grosso è alle spalle grazie a medici fantastici”.

Ma secondo quanto rivela in queste ore il “Daily Mail” inglese, l’insuccesso del tentativo di uccidere il leader russo dell’opposizione avrebbe solo ritardato i piani del Cremlino di eliminarlo per sempre. L’indiscrezione, raccolta da agenti dell’intelligence della Nato, ha prima svelato il completo disinteresse della Russia verso le proteste dell’Occidente, e di seguito la più ferma intenzione di chiudere il fascicolo che lo riguarda. E neanche la minaccia di Bruxelles di imporre nuove sanzioni alla Russia servirebbero per fermare i servizi segreti dalla loro missione. I motivi di tanta sicurezza di Putin starebbero tutti nelle inesistenti ripercussioni dopo due gravissimi episodi analoghi precedenti: gli avvelenamenti di Alexandr Livinenko nel 2006 e quello tentato nel 2018 ai danni di Sergei Skrypal e sua figlia.

Secondo la Nato, non esiste altra spiegazione possibile se non che il tentativo di avvelenamento di Navalny sia stato pianificato dai servizi segreti russi. Una conclusione a cui sono giunti dopo aver scartato l’ipotesi della tazza di tè bevuta da Navalny in aereo, a seguito del ritrovamento di una bottiglietta d’acqua nella sua stanza dello “Xander Hotel” contenente tracce del temibile Novichock.

Galleria fotografica
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny - immagine 1
Mondo
Cina, lo scandalo della coppia di attori e dei figli surrogati
Cina, lo scandalo della coppia di attori e dei figli surrogati
L’attrice e modella Zheng Shuang, è stata accusata dall’ex compagno Zhang Heng di averlo abbandonato negli Stati Uniti con i due figli nati da madri surrogate. E in Cina è esplosa la polemica
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Ex allenatore sudcoreano condannato per violenza sessuale
Il caso Cho Jae-beom è forse solo la punta dell’iceberg dell’ambiente sportivo sudcoreano. Ad accusarlo di stupro diverse atlete, fra cui la campionessa di pattinaggio di velocità su pista Shim Suk-hee
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni