La Russia proverà ancora a uccidere Navalny

| Secondo i servizi segreti della Nato, Putin ha solo rimandato l’intenzione di eliminare il suo principale antagonista, scampato al tentativo di avvelenamento da Novichock

+ Miei preferiti
Alexei Navalny, l’oppositore di Putin avvelenato con il gas nervino, continua a migliorare: dopo la foto dal letto dall’ospedale “Charité” di Berlino dov’è in cura, ne ha postata un’altra in cui cammina con le proprie gambe e appare decisamente più forma. “La strada verso la guarigione è chiara, anche se non vicina – ha commentato il blogger – faticavo a riconoscere le persone e avevo difficoltà a esprimersi. Molti problemi vanno ancora risolti, ma quello più grosso è alle spalle grazie a medici fantastici”.

Ma secondo quanto rivela in queste ore il “Daily Mail” inglese, l’insuccesso del tentativo di uccidere il leader russo dell’opposizione avrebbe solo ritardato i piani del Cremlino di eliminarlo per sempre. L’indiscrezione, raccolta da agenti dell’intelligence della Nato, ha prima svelato il completo disinteresse della Russia verso le proteste dell’Occidente, e di seguito la più ferma intenzione di chiudere il fascicolo che lo riguarda. E neanche la minaccia di Bruxelles di imporre nuove sanzioni alla Russia servirebbero per fermare i servizi segreti dalla loro missione. I motivi di tanta sicurezza di Putin starebbero tutti nelle inesistenti ripercussioni dopo due gravissimi episodi analoghi precedenti: gli avvelenamenti di Alexandr Livinenko nel 2006 e quello tentato nel 2018 ai danni di Sergei Skrypal e sua figlia.

Secondo la Nato, non esiste altra spiegazione possibile se non che il tentativo di avvelenamento di Navalny sia stato pianificato dai servizi segreti russi. Una conclusione a cui sono giunti dopo aver scartato l’ipotesi della tazza di tè bevuta da Navalny in aereo, a seguito del ritrovamento di una bottiglietta d’acqua nella sua stanza dello “Xander Hotel” contenente tracce del temibile Novichock.

Galleria fotografica
La Russia proverà ancora a uccidere Navalny - immagine 1
Mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
L’ammissione della premier neozelandese accolta da un applauso nel Paese dove i cittadini stanno per scegliere con un referendum se legalizzare o meno l'uso di cannabis
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo