La seconda isola harem di Epstein

| Tra i suoi numerosi possedimenti, il miliardario pedofilo morto suicida aveva voluto aggiungere ad ogni costo Great St. James Cay. Una trattativa complicata risolta con l’inganno

+ Miei preferiti
Da uno dei suoi jet privati, Jeffrey Epstein aveva messo gli occhi su un lembo di terra delle Virgin Island che gli aveva solleticato l’idea di creare un’altra depandance per il suo harem di ragazzine. Si chiamava Great St. James Cay, e doveva essere sua, ad ogni costo. Ma l’affare non si era rivelato affatto semplice: il proprietario, dopo un paio di verifiche, aveva risposto attraverso i propri legali che non aveva alcuna intenzione di sedersi ad un tavolo per trattare con un uomo reo confesso di pedofilia. All’apparenza, Epstein a quel punto si ritira dalle trattative, ma in realtà agisce come un vero uomo d’affari abituato a scavalcare gli ostacoli, più che aggirarli: crea una società in cui come proprietario risulta addirittura un sultano, Ahmed bin Sulayem, ricco uomo d’affari di Dubai legato alla famiglia reale. Il proprietario dell’isola ci casca, e l’affare si conclude con un assegno circolare da 22,5 milioni di dollari.

Solo in seguito, con la richiesta di permessi per lavori da effettuare sull’isola, il nome di Epstein emerge nelle carte, ma ormai l’affare era fatto.

È il risultato di un’inchiesta realizzata dal “Miami Herald”, che è riuscito a svelare uno dei tanti affari sporchi del multimiliardario, un uomo spregiudicato, capace di iniziare come insegnante delle elementari in una scuola di New York City e finito fra i main partner della banca d’investimenti “Bearn Stearns”. Perfino il sultano Ahmed bin Sulayem, in realtà era Sultano solo di nome e non come titolo nobiliare, ha confermato uno dei collaboratori di Epstein.

A quasi due mesi dall’apparente suicidio dello scorso 10 agosto, nella cella del Metropolitan Correctional Center di New York, determinare con esattezza la provenienza dell’enorme ricchezza di Epstein rimane un esercizio misterioso. Ma sta assumendo ulteriore importanza per i risarcimenti delle vittime, le ex ragazzine di cui aveva abusato sessualmente per almeno trent’anni, senza che nessuno riuscisse a fermarlo. Sta lentamente emergendo un quadro delle sue attività commerciali e delle rete di amicizie importanti: rapporti recenti mostrano che Epstein era all’avanguardia nella trasformazione di mutui e obbligazioni in quei complessi strumenti che un decennio fa hanno quasi fatto crollare il sistema finanziario globale.

Il legame di Bin Sulayem con Epstein però è diverso dagli altri, perché il suo nome potrebbe essere stato usato dal finanziere senza il suo permesso. Gli accordi di non divulgazione sono comuni nel settore immobiliare, in particolare per beni immobili costosi che gli acquirenti facoltosi vogliono tenere fuori dal radar pubblico. 

Il venditore della proprietà di Great St. James era Christian Kjaer, uno degli uomini più ricchi della Danimarca. I membri della sua famiglia possedevano la proprietà da quasi quattro decenni, ma non voleva avere nulla a che fare con Epstein per via della condanna del 2008 per adescamento e abusi sessuali su minori.

“Epstein non era popolare sull’isola”, ha raccontato Susan Astani-Kjaer, la moglie del venditore. E perfino la gente di St. Thomas aveva pregato la coppia di non vendere l’isola ad un uomo come Jeffrey Epstein, la cui fama di orco famelico ormai lo precedeva ovunque.

Mondo
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Suicida una giovane triatleta sudcoreana
Choi Suk-hyeon era vittima di abusi da anni: la picchiavano e la umiliavano fin quando non ha retto più. Il compitato olimpico nega, ma il caso finirà per avere conseguenze molto pesanti
Australia, lockdown per 300mila persone
Australia, lockdown per 300mila persone
Alcune zone periferiche di Melbourne tornano sotto il blocco per arginare la comparsa di 73 nuovi casi che fanno tenere l’inizio di una seconda ondata
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Muore mentre assiste allo stupro delle nipoti
Una donna di 71 anni costretta ad assistere alla violenza di un uomo sulle tre nipoti, è morta per attacco cardiaco. Le violenze contro donne e bambini in Sudafrica hanno raggiunto livelli di guardia
Hong Kong, la libertà perduta
Hong Kong, la libertà perduta
Varata a tarda sera la legge sulla sicurezza nazionale: le proteste saranno considerate sovversione e terrorismo interno punibile con l’ergastolo. Immediate le reazioni da tutto il mondo: “È la fine della metropoli che il mondo conosceva”
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
Le Fiji, paradiso post-covid offresi
L’arcipelago ha lanciato un appello per il ritorno del turismo d’élite: oltre al paesaggio paradisiaco, dalla metà di aprile non si registra un nuovo caso di coronavirus
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Star della danza del ventre arrestata in Egitto
Accusata di atti osceni e incitamento alla prostituzione, Sama el Masry è stata condannata a tre anni di reclusione e al pagamento di una pesante multa
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
USA, approvato il progetto di riforma della polizia
Dedicato alla memoria di George Floyd, il pacchetto di riforma della polizia rischia di arenarsi al Senato dopo l’approvazione della Camera. Trump contrario
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
L’irresistibile ascesa di Kim Yo Jong, la donna forte della Corea del Nord
Per anni nell’ombra, capace di sparire per lunghi periodi, la sua immagine è sempre più presente, mentre quella del fratello si offusca, avvolta dal mistero
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Sudafrica: la violenza sulle donne peggio della pandemia
Il Paese ha uno dei tassi alti di casi di Covid-19 dell’intero continente. E lotta con una recrudescenza delle violenze subito dopo l’isolamento del lockdown
Venti di guerra sull’Himalaya
Venti di guerra sull’Himalaya
Si alza la tensione fra India e Cina per il controllo di una zona di confine mai del tutto chiarita e accettata. La scorsa notte un’escalation avrebbe portato a 17 morti, ma si teme l’inizio di una grave crisi internazionale