La seconda isola harem di Epstein

| Tra i suoi numerosi possedimenti, il miliardario pedofilo morto suicida aveva voluto aggiungere ad ogni costo Great St. James Cay. Una trattativa complicata risolta con l’inganno

+ Miei preferiti
Da uno dei suoi jet privati, Jeffrey Epstein aveva messo gli occhi su un lembo di terra delle Virgin Island che gli aveva solleticato l’idea di creare un’altra depandance per il suo harem di ragazzine. Si chiamava Great St. James Cay, e doveva essere sua, ad ogni costo. Ma l’affare non si era rivelato affatto semplice: il proprietario, dopo un paio di verifiche, aveva risposto attraverso i propri legali che non aveva alcuna intenzione di sedersi ad un tavolo per trattare con un uomo reo confesso di pedofilia. All’apparenza, Epstein a quel punto si ritira dalle trattative, ma in realtà agisce come un vero uomo d’affari abituato a scavalcare gli ostacoli, più che aggirarli: crea una società in cui come proprietario risulta addirittura un sultano, Ahmed bin Sulayem, ricco uomo d’affari di Dubai legato alla famiglia reale. Il proprietario dell’isola ci casca, e l’affare si conclude con un assegno circolare da 22,5 milioni di dollari.

Solo in seguito, con la richiesta di permessi per lavori da effettuare sull’isola, il nome di Epstein emerge nelle carte, ma ormai l’affare era fatto.

È il risultato di un’inchiesta realizzata dal “Miami Herald”, che è riuscito a svelare uno dei tanti affari sporchi del multimiliardario, un uomo spregiudicato, capace di iniziare come insegnante delle elementari in una scuola di New York City e finito fra i main partner della banca d’investimenti “Bearn Stearns”. Perfino il sultano Ahmed bin Sulayem, in realtà era Sultano solo di nome e non come titolo nobiliare, ha confermato uno dei collaboratori di Epstein.

A quasi due mesi dall’apparente suicidio dello scorso 10 agosto, nella cella del Metropolitan Correctional Center di New York, determinare con esattezza la provenienza dell’enorme ricchezza di Epstein rimane un esercizio misterioso. Ma sta assumendo ulteriore importanza per i risarcimenti delle vittime, le ex ragazzine di cui aveva abusato sessualmente per almeno trent’anni, senza che nessuno riuscisse a fermarlo. Sta lentamente emergendo un quadro delle sue attività commerciali e delle rete di amicizie importanti: rapporti recenti mostrano che Epstein era all’avanguardia nella trasformazione di mutui e obbligazioni in quei complessi strumenti che un decennio fa hanno quasi fatto crollare il sistema finanziario globale.

Il legame di Bin Sulayem con Epstein però è diverso dagli altri, perché il suo nome potrebbe essere stato usato dal finanziere senza il suo permesso. Gli accordi di non divulgazione sono comuni nel settore immobiliare, in particolare per beni immobili costosi che gli acquirenti facoltosi vogliono tenere fuori dal radar pubblico. 

Il venditore della proprietà di Great St. James era Christian Kjaer, uno degli uomini più ricchi della Danimarca. I membri della sua famiglia possedevano la proprietà da quasi quattro decenni, ma non voleva avere nulla a che fare con Epstein per via della condanna del 2008 per adescamento e abusi sessuali su minori.

“Epstein non era popolare sull’isola”, ha raccontato Susan Astani-Kjaer, la moglie del venditore. E perfino la gente di St. Thomas aveva pregato la coppia di non vendere l’isola ad un uomo come Jeffrey Epstein, la cui fama di orco famelico ormai lo precedeva ovunque.

Mondo
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Uno studio ha evidenziato quanto gli uomini imbarcati sulla flotta sottomarina cinese, costretti per lunghi mesi ad ambienti ristretti e rumorosi, sviluppano pericolose ossessioni