La teoria della fila più veloce

| Odiamo stare in coda, l’ha scritto nero su bianco un professore di Harvard. Che poi si è lanciato in una teoria che ha spiegato così bene il fenomeno, da non arrivare a nessuna nuova verità

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Potevamo chiudere l’anno senza l’ultima delle teorie? Probabilmente no, non sarebbe stato giusto. E allora, dall’alto delle ultimissime ore del 2017, ecco pronta la ricerca di Ryan Buell, nientemeno professore di “Service Management” della Harvard Business School, dove si formano i dirigenti d’azienda inglesi, quelli a cui probabilmente toccherà gestire il dopo Brexit.

Il prof, probabilmente libero da altri impegni, si è messo a studiare uno dei più sfinenti effetti collaterali della società moderna: le file. Ne ha osservate a centinaia, che fosse nei supermercati, ai caselli autostradali, all’ufficio postale e perfino ai controlli aeroportuali, ha preparato e distribuito dei questionari anche online, in cui bisognava simulare di essere in coda e lasciarsi tentare o meno dalla fila a fianco, all’apparenza più veloce, poi ha incrociato i dati.

Innanzi tutto un po’ di teoria, perché ci va: la profonda e serpeggiante avversione per le code è comune a qualsiasi età, dai pensionati che avrebbero tempo da perdere a chi invece tempo non ha e per quello smania. Essere gli ultimi della fila scatena la “last place avversion”, sensazione particolarmente odiata dall’animo umano, che non ama sentirsi quello più lontano dall’obiettivo. Ma si va ben oltre, perché più si ultimi e più la probabilità di cambiare fila diventa probabile.

Proprio su questo dettaglio, si è concentrato il lavoro del professor Buell, che ha terminato la sua ricerca con qualche consiglio utile di sopravvivenza alla fila. Per cominciare, cercare di guardare quella a fianco in modo critico, per capire se realmente procede più velocemente. Quindi tentare semplicemente di distrarsi, magari chiacchierando con qualcuno. Una teoria perfetta, che non aggiunge nulla a quel che già sapevamo. Grazie prof, a buon rendere.

Mondo
“Le donne dovrebbero
accettare lo stupro”
“Le donne dovrebbero<br>accettare lo stupro”
La folle teoria di un giovane regista indiano, autore di un post su Facebook in cui giustifica le violenze invitando le donne ad accettarle e ad attrezzarsi di conseguenza. Ha rimediato una valanga di insulti e minacce da tutto il mondo
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
Le famiglie vietano il matrimonio, coppia di giovani si uccide
È successo in India, dove Abhijit e Srilakshmi volevano sposarsi ma la differenza di casta ha fatto scattare il divieto delle famiglie. Dopo essere scomparsi per settimane, i corpi dei due giovani sono stati ritrovati in un bosco
Un badge per i giorni del ciclo
Un badge per i giorni del ciclo
È bufera su una catena di grandi magazzini giapponesi, che ha chiesto alle proprie commesse di indossare un badge nei giorni del ciclo mestruale. Un’idea che voleva avere finalità sociali, ma che si è trasformata in un caso internazionale
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Si uccide a 13 anni dopo lo stupro
Pinkie, una giovane thailandese, si è gettata dal balcone di casa dopo l’ennesimo litigio con la madre. Era reduce da una devastante violenza sessuale di gruppo
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Daniele e Tom resteranno sul Nanga Parbat per sempre
Dopo lunghi mesi di studi, è arrivata la conferma: impossibile recuperare i corpi di Daniele Nardi e Tom Ballard, morti sull’8000 himalayano 8 mesi fa
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Si fingeva pilota Lufthansa per volare gratis
Come nel film con Leonardo DiCaprio, un indiano di 48 anni indossava una divisa da pilota per sfruttare le agevolazioni aeroportuali riservate ai piloti e viaggiare gratis
Dallo striptease alla metanfetamina
Dallo striptease alla metanfetamina
Un’ex spogliarellista australiana , che non passava inosservata, nascondeva dosi di droga nella sua biancheria intima: è accusata di aver fatto almeno 13 viaggi, intascando ogni volta 100mila dollari
Hong Kong, l’ultimo scontro
Hong Kong, l’ultimo scontro
Da due giorni, centinaia di manifestanti sono asserragliati all’interno di un’università: l’edificio è circondato dalla polizia, che impedisce a chiunque di entrare e uscire. Gli scontri si fanno sempre più violenti
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
UK: pedofilo condannato solo a due anni perché malato
Infuria la polemica: sull’iPad di John Connell, un anziano pedofilo schedato, la polizia ha trovato 8.000 immagini pedopornografiche. Ma il giudice ha mitigato la condanna perché l’uomo è gravemente malato di cuore
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Il sesto bambino ucciso a Rio da proiettili vaganti
Ketellen Umbelino de Oliveira Gomes, 5 anni, è stata colpita sulla bici della mamma, mentre andava a scuola. La polizia ha arrestato un narcotrafficante che era ricercato per altri due omicidi