La Thailandia è stanca di re Rama X

| Capriccioso, accentratore, ricchissimo, il sovrano vive stabilmente in Germania ma ha ampliato i possedimenti diventando uno degli uomini più ricchi del mondo. Ma a Bangkok la gente sta per scendere in piazza per dire basta

+ Miei preferiti
La Thailandia comincia ad averne abbastanza di Maha Vajiralongkorn, salito al trono nel 2018 dopo dopo la morte del padre Bhumibol Adulyadej, amatissimo dal popolo. In appena due anni di regno, “Rama X” – com’è conosciuto – non è mai riuscito a sostituire l’immagine del padre nei cuori dei thailandesi, che da settimane hanno iniziato una protesta contro l’esistenza sopra le righe del sovrano. Rama X, 68 anni, in patria si vede ben poco, preferisce vivere in un albergo in Baviera insieme alla pattuglia privata di venti concubine, mentre la consorte ufficiale ha scelto un hotel in Svizzera. A disposizione della cricca regnante una vera flotta da far impallidire qualsiasi altra monarchia: 38 aerei fra jet, elicotteri e caccia militari. Il conteggio include tre Boeing e tre Airbus, tre Sukhoi Superjet 100 russi, quattro jet militari Northrop F5-E e 21 elicotteri.

L’inventario dell’hangar reale è opera del politico e imprenditore Thanathorn Juangroongruangkit, immediatamente ripreso dal “Financial Times” che inutilmente aveva tentato di avere le stesse informazioni dal premier Prayuth Chan-ocha, riluttante nel fornire dettagli per evitare l’imbarazzo della corte. E ha avuto un effetto dirompente su un Paese in piena crisi economica, conseguenza diretta del crollo verticale del turismo causa pandemia. All’inizio dell’estate, migliaia di studenti sono scesi in piazza per chiedere una nuova Costituzione lo scioglimento del Parlamento, ma nelle prossime ore è annunciata a Bangokok una massiccia protesta che ha come obiettivo un elenco di 10 richieste per rivedere ruoli e budget a disposizione della casa reale.

Il movimento spontaneo “Move Forward” (Muoversi Avanti), che si dice ispirato dalle proteste dei giovani di Hong Kong, ha fatto i compiti a casa: “Abbiamo bisogno di tutte le risorse possibili per sostenere la ripresa del Pil, che secondo gli economisti potrebbe tranquillamente essere contenuto entro l’8% negativo. Ma non sarà possibile: solo la flotta reale, il prossimo anno costerà ai contribuenti 2 miliardi di Bath (64 milioni di dollari) fra manutenzione, carburante e assistenza a terra, a cui va aggiunto il budget dell’organo che per volere del nostro sovrano ha riunito il “Consiglio Privato”, l’Ufficio della Famiglia Reale e l’apparato di sicurezza, per cui sono stati stanziati 9 miliardi di Bath, con un aumento del 100% dal 2018 ad oggi. Sono soldi dei thailandesi, quindi si tratta di spese che vanno rendicontate”.

Tutti sono consapevoli che mettere le briglie a Rama X non sarà esattamente un’operazione semplice, visto che i membri della famiglia reale sono protetti da leggi che prevedono fino a 15 anni di carcere solo a parlarne male.

Malgrado viva all’estero, nei primi quattro anni del suo regno Maha Vajiralongkorn ha aumentato il controllo su beni, possedimenti attraverso società come la “Crown Property Bureau” che possiede 6.500 ettari di terreni e 40.000 immobili in tutta la Thailandia, rendendolo di fatto uno degli uomini più ricchi del pianeta.

Decimo sovrano della dinastia Chakri, secondo “Forbes” Rama X avrebbe ereditato dal padre una fortuna pari a 30 miliardi di dollari. Sposato per tre volte e divorziato altrettante, 7 figli, il re dispone di un harem personale formato da 20 giovani concubine che hanno anche il ruolo di guardie del corpo. Collezionista di auto, in gioventù assai criticato per essere un assiduo frequentatore delle feste più esclusive del jet-set internazionale, Rama X è finito nell’occhio del ciclone per aver osteggiato la candidatura a premier della sorella maggiore Ubolratana Rajakanya Sirivadhana Varnavadi, ritenendola “altamente inappropriata”.

Galleria fotografica
La Thailandia è stanca di re Rama X - immagine 1
La Thailandia è stanca di re Rama X - immagine 2
Mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
L’ammissione della premier neozelandese accolta da un applauso nel Paese dove i cittadini stanno per scegliere con un referendum se legalizzare o meno l'uso di cannabis
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo