Lacrimogeni a Hong Kong
contro una manifestazione

| La polizia antisommossa ha lanciato numerosi gas per disperdere i manifestanti che per il settimo fine settimana consecutivo protestano contro il governo e la Cina

+ Miei preferiti
Nuovi scontri a Hong Kong fra manifestanti e polizia antisommossa, che ha sparato gas lacrimogeni sulla folla scesa in piazza per il settimo fine settimana consecutivo di proteste per la legge sull’estradizione, ormai definitivamente accantonata.

Il corteo era iniziato come una marcia pacifica, con una stima di 400.000 persone secondo gli organizzatori, 138.000 per la polizia. Molti indossavano l’inconfondibile look nero che è diventato uno dei simboli di “Free Hong Kong”. La marcia pacifica è stata interrotta improvvisamente da migliaia di persone che hanno sfidato il divieto della polizia di marciare oltre il punto designato per la fine corteo, a poca distanza dall’ufficio di collegamento del governo cinese. I manifestanti hanno imbrattato i muri con bombolette spray, prima di ritirarsi di fronte alla minaccia della polizia.

Le schermaglie a intermittenza sono continuate tra i canti e urla, mentre la folla si dirigeva verso il centro della città. Una volta lì, la polizia antisommossa armata di manganelli e scudi ha sparato gas lacrimogeni per disperdere un gran numero di attivisti, che hanno caricato le prime linee di polizia con barricate metalliche.

Il Fronte dei diritti umani civili, che ha organizzato la marcia di domenica, chiede un’indagine indipendente su quelle che sono considerate brutali aggressioni della polizia, così come l’immediato rilascio delle decine di coloro che sono stati arrestati durante gli scontri precedenti.

Le proteste sono iniziate come forte opposizione alla proposta di legge sull’estradizione. I critici temono che il disegno di legge, che da allora è stato sospeso, permetta ai cittadini di estradati nella Cina continentale per affrontare eventuali processi in un sistema giudiziario che ha un tasso di condanna del 99% e una lunga storia di persecuzioni politiche. Il 18 giugno, il capo dell'esecutivo di Hong Kong Carrie Lam ha detto che il disegno di legge era “morto” e che non esisteva alcun piano per riproporlo.

Ai manifestanti, tutto questo non basta: chiedono il ritiro completo e formale del disegno di legge, così come le dimissioni di Lam e altre riforme democratiche per Hong Kong, città governata da un accordo con la Cina continentale definito “Un paese, due sistemi”. 

Il movimento di protesta sociale che attanaglia Hong Kong non si limita a protestare contro l’estradizione. Sabato, migliaia di manifestanti si sono riuniti a sostegno del governo e della polizia in una manifestazione in programma a Tamar Park, nel centro della città, per “salvaguardare Hong Kong" dalla violenza dei manifestanti contro l'estradizione.

Diversi media hanno notato una forte presenza di polizia lungo il percorso, probabilmente a causa di un blitz delle forze dell’ordine in una fabbrica sospettata di nascondere un impianto per la fabbricazione di bombe. La polizia ha arrestato tre uomini, sequestrando 2 kg di esplosivi ad alto potenziale e numerose armi.

Mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
L’ammissione della premier neozelandese accolta da un applauso nel Paese dove i cittadini stanno per scegliere con un referendum se legalizzare o meno l'uso di cannabis
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo