Lacrimogeni a Hong Kong
contro una manifestazione

| La polizia antisommossa ha lanciato numerosi gas per disperdere i manifestanti che per il settimo fine settimana consecutivo protestano contro il governo e la Cina

+ Miei preferiti
Nuovi scontri a Hong Kong fra manifestanti e polizia antisommossa, che ha sparato gas lacrimogeni sulla folla scesa in piazza per il settimo fine settimana consecutivo di proteste per la legge sull’estradizione, ormai definitivamente accantonata.

Il corteo era iniziato come una marcia pacifica, con una stima di 400.000 persone secondo gli organizzatori, 138.000 per la polizia. Molti indossavano l’inconfondibile look nero che è diventato uno dei simboli di “Free Hong Kong”. La marcia pacifica è stata interrotta improvvisamente da migliaia di persone che hanno sfidato il divieto della polizia di marciare oltre il punto designato per la fine corteo, a poca distanza dall’ufficio di collegamento del governo cinese. I manifestanti hanno imbrattato i muri con bombolette spray, prima di ritirarsi di fronte alla minaccia della polizia.

Le schermaglie a intermittenza sono continuate tra i canti e urla, mentre la folla si dirigeva verso il centro della città. Una volta lì, la polizia antisommossa armata di manganelli e scudi ha sparato gas lacrimogeni per disperdere un gran numero di attivisti, che hanno caricato le prime linee di polizia con barricate metalliche.

Il Fronte dei diritti umani civili, che ha organizzato la marcia di domenica, chiede un’indagine indipendente su quelle che sono considerate brutali aggressioni della polizia, così come l’immediato rilascio delle decine di coloro che sono stati arrestati durante gli scontri precedenti.

Le proteste sono iniziate come forte opposizione alla proposta di legge sull’estradizione. I critici temono che il disegno di legge, che da allora è stato sospeso, permetta ai cittadini di estradati nella Cina continentale per affrontare eventuali processi in un sistema giudiziario che ha un tasso di condanna del 99% e una lunga storia di persecuzioni politiche. Il 18 giugno, il capo dell'esecutivo di Hong Kong Carrie Lam ha detto che il disegno di legge era “morto” e che non esisteva alcun piano per riproporlo.

Ai manifestanti, tutto questo non basta: chiedono il ritiro completo e formale del disegno di legge, così come le dimissioni di Lam e altre riforme democratiche per Hong Kong, città governata da un accordo con la Cina continentale definito “Un paese, due sistemi”. 

Il movimento di protesta sociale che attanaglia Hong Kong non si limita a protestare contro l’estradizione. Sabato, migliaia di manifestanti si sono riuniti a sostegno del governo e della polizia in una manifestazione in programma a Tamar Park, nel centro della città, per “salvaguardare Hong Kong" dalla violenza dei manifestanti contro l'estradizione.

Diversi media hanno notato una forte presenza di polizia lungo il percorso, probabilmente a causa di un blitz delle forze dell’ordine in una fabbrica sospettata di nascondere un impianto per la fabbricazione di bombe. La polizia ha arrestato tre uomini, sequestrando 2 kg di esplosivi ad alto potenziale e numerose armi.

Mondo
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Thailandia: condannata a 43 anni per lesa maestà
Una sentenza senza precedenti che alza il livello delle proteste nel Paese asiatico, sempre più convinto della necessità di una profonda riforma della monarchia
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Hong Kong, 53 attivisti dell’opposizione arrestati
Nella più dura rappresaglia messa in atto dalla nuova legge sulla sicurezza è stato arrestato anche un avvocato americano. Il caso potrebbe scatenare nuove tensioni fra Washington e Pechino
2021, l’anno delle cospirazioni
2021, l’anno delle cospirazioni
Mentre il mondo spera nel vaccino, migliaia di siti e profili spacciano teorie cospirazioniste influenzano milioni di persone. Dopo la campagna contro Bill Gates ora ci sarebbe una lucertola che comanda segretamente il pianeta
Natale nello spazio
Natale nello spazio
Mentre la FAA autorizza il volo commerciale di Santa Claus, gli astronauti a bordo della ISS pensano al pranzo natalizio
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Cina, a processo la killer in fuga da 20 anni
Dal 1999, Lao Rongzhi sfuggiva alla giustizia cinese: è accusata degli omicidi di 7 persone, commessi insieme all’allora fidanzato Fa Ziying, condannato a morte e giustiziato
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Pakistan, mano pesante contro le violenze sessuali
Dopo le proteste popolari, il governo ha varato un pacchetto di misure che introduce la castrazione chimica e rende più pesanti le condanne previste, che possono arrivare alla pena di morte
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
Putin: «Se avessimo deciso di ucciderlo, Navalny sarebbe morto»
In una conferenza stampa, il presidente russo affronta diversi argomenti spinosi, a cominciare dal caso dell’attivista avvelenato con il gas nervino. Sfiora le elezioni americane e svela di non avere ancora deciso se ricandidarsi
650 kg di cocaina su una barca fantasma
650 kg di cocaina su una barca fantasma
Si è arenata su una spiaggia delle Marshall Islands, nell’oceano Pacifico, senza nessuno a bordo. Secondo le autorità potrebbe essere rimasta in mare forse due anni
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
Nuova Zelanda, 256mila minori abusati
È l’inquietante risultato – ancora parziale – di un’inchiesta della Royal Commission, voluto dalla premier Jacinta Arden per “affrontare una pagina oscura della nostra storia”
Migliaia di australiani bloccati all’estero
Migliaia di australiani bloccati all’estero
La chiusura ai voli internazionali ha gettato lo scompiglio: migliaia di persone attendono all’estero di poter tornare a casa, bloccati da mesi senza lavoro, reddito e assistenza sanitaria