L’appello della pornostar
genitori, controllate i vostri figli

| L’ha lanciato via twitter, stanca di ricevere proposte sessuali da adolescenti in calore. Le hanno risposto in tanti, soprattutto i genitori

+ Miei preferiti
Per favore, controllate i vostri figli. È l’appello, piuttosto insolito, lanciato da Nikita Bellucci, classe 1989, pornostar francese. La figliola, di cui è onestamente difficile trovare qualche immagine “casta”, ha svelato di aver ricevuto numerosi messaggi da adolescenti - tredici anni o poco meno - che le chiedevano le modalità per organizzare sedute di sesso sfrenato con lei. Ragazzini, confessa Nikita in un “Tweet”, abituati a un linguaggio così diretto e forbito da far pensare ad un’inquietante preparazione in materia.

Da qui, l’appello: cari genitori, io sono una professionista di un certo tipo di cinema, e non è nei miei compiti l’educazione sessuale e il controllo dei ragazzini. Confessa di aver rispedito al mittente più volte diverse proposte, ma di essere stanca di doversi sostituire ai compiti che sarebbero di mamma e papà. A dimostrarlo il contenuto di uno screenshoot, in cui un “bel tredicenne” le proponeva una sessione di sesso estremo. Pronta la risposta di Nikita: “Amico, hai 13 anni, rifletti sulle tue azioni. Fai i compiti e non contattarmi più”.

La vicenda, riportata dall’Indipendent e il Daily Mail, ha acceso le polemiche, con il risultato del post immediatamente rimosso dalla stessa attrice, che ha confessato di aver ricevuto anche insulti a mai finire alternati a messaggi di profonda approvazione e di ringraziamento da parte di numerosi genitori. Una mamma, in particolare, le ha scritto: “Grazie per quanto ha fatto: purtroppo l’accesso incontrollato a tipo di materiale su internet rappresenta un pericolo enorme per i nostri ragazzi”.

La Bellucci, nessuna parentela con l’attrice italiana, si è da poco ritirata dalle scene, ma malgrado questo le sue opere restano fra le più seguite del web. La sua lamentela pubblica, si è comunque aggiunta ad una campagna lanciata di recente dal presidente Macron in cui parlando di violenza sulle donne, ha promesso anche iniziative di controlli sui contenuti hard disponibili sul web.Per favore, controllate i vostri figli. È l’appello, piuttosto insolito, lanciato da Nikita Bellucci, classe 1989, pornostar francese. La figliola, di cui è onestamente difficile trovare qualche immagine “casta”, ha svelato di aver ricevuto numerosi messaggi da adolescenti - tredici anni o poco meno - che le chiedevano le modalità per organizzare sedute di sesso sfrenato con lei. Ragazzini, confessa Nikita in un “Tweet”, abituati a un linguaggio così diretto e forbito da far pensare ad un’inquietante preparazione in materia.

Da qui, l’appello: cari genitori, io sono una professionista di un certo tipo di cinema, e non è nei miei compiti l’educazione sessuale e il controllo dei ragazzini. Confessa di aver rispedito al mittente più volte diverse proposte, ma di essere stanca di doversi sostituire ai compiti che sarebbero di mamma e papà. A dimostrarlo il contenuto di uno screenshoot, in cui un “bel tredicenne” le proponeva una sessione di sesso estremo. Pronta la risposta di Nikita: “Amico, hai 13 anni, rifletti sulle tue azioni. Fai i compiti e non contattarmi più”.

La vicenda, riportata dall’Indipendent e il Daily Mail, ha acceso le polemiche, con il risultato del post immediatamente rimosso dalla stessa attrice, che ha confessato di aver ricevuto anche insulti a mai finire alternati a messaggi di profonda approvazione e di ringraziamento da parte di numerosi genitori. Una mamma, in particolare, le ha scritto: “Grazie per quanto ha fatto: purtroppo l’accesso incontrollato a tipo di materiale su internet rappresenta un pericolo enorme per i nostri ragazzi”.

La Bellucci, nessuna parentela con l’attrice italiana, si è da poco ritirata dalle scene, ma malgrado questo le sue opere restano fra le più seguite del web. La sua lamentela pubblica, si è comunque aggiunta ad una campagna lanciata di recente dal presidente Macron in cui parlando di violenza sulle donne, ha promesso anche iniziative di controlli sui contenuti hard disponibili sul web.

Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino