"Lasceremo andare Charlie con gli angeli"

| Il bimbo già rasferito nel reparto dei malati terminali. Connie e Chris Ward rinunciano alla battaglia legale per tenere in vita il piccolo, ora verranno staccate le macchine

+ Miei preferiti
E' finita la battaglia giudiziaria per tenere in vita il piccolo Charlie Gard, il bimbo di 11 mesi affetto una rara malattia genetica, la sindrome da deplezione del Dna mitocondriale, che i medici considerano incurabile. Nelle prossime sarà trasferito nel reparto dei malati terminali, dove verranno completate le procedure per una morte il più dolce possibile. "C'era una finestra di due mesi. Tristemente per Charlie ora è troppo tardi. Il trattamento non offre più chance di successo", hanno detto i medici dell'ospedale Great Ormond Street dove è ricoverato dal settembre scorso. Chris Gard e Connie Yates hanno rinunciato alla richiesta rivolta all'Alta Corte di Londra di poterlo trasportare negli Usa per una nuova terapia sperimentale che in teoria gli avrebbe assicurato almeno altri due mesi di vita, secondo quanto affermato da un neurochirurgo americano che lo aveva visitato nei giorni scorsi. I genitori, all'uscita dal Tribunale, dove erano entrambi in lacrime hanno letto un breve comunicato:"...Lasceremo andare nostro figlio con gli angeli...Passeremo questi ultimi giorni vicino a Charlie che purtroppo non potrà compiere il suo prima anno di vita, cosa che sarebbe accaduta tra due settimane. Siamo profondamente dispiaciuti per non essere riusciti a salvarti, ma ti amiamo moltissimo e continueremo a farlo in futuro...Volevamo solo dargli una chance di vivere...", ha detto la mamma all'Alta Corte. L'avvocato Grant, che tutela la coppia, ha detto che i rapporti medici precisano che "il danno ai muscoli e ai tessuti del piccolo di 11 mesi, è irreversibile e la cura non può più avere successo...Le peggiori paure dei genitori sono state confermate - adesso è troppo tardi per curare Charlie". Connie Yates e Chris Gard dovranno affrontare l'aspetto più dolorose e sconvolgente, cioè il modo in cui il piccolo verrà lasciato morire. L'Alta Corte deve deciderevse confermare la decisione il distacco dei macchinari che hanno tenuto sinora in vita Charlie.
Mondo
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale
Rissa al parlamento di Hong Kong
Rissa al parlamento di Hong Kong
Quattro deputati portati via in barella al temine di una scazzottata scatenata dagli emendamenti di una legge che facilita l’estradizione verso il resto della Cina
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
A 66 anni, Rama X è salito sull’altare per la quarta volta: la fortunata è una ex assistente di volo della Thay Airway. Il paese è in festa
Indonesia: strage di scrutatori
Indonesia: strage di scrutatori
Quasi 300 morti e 2.000 ricoveri fra coloro che devono controllare le schede di 193 milioni di votanti. Le famiglie saranno risarcite
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta
Colpo di Stato in Sudan
Colpo di Stato in Sudan
I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa
L'Ecuador sfratta Assange
L
Via dall'ambasciata di Londra che lo ospita dal 2012 per evitare l'estradizione negli Usa. Il fondatore di WikiLeaks avrebbe pubblicato "false notizie" contro il presidente Moreno che "ora ha perso la pazienza"