“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”

| La folle teoria di un giovane regista indiano, autore di un post su Facebook in cui giustifica le violenze invitando le donne ad accettarle e ad attrezzarsi di conseguenza. Ha rimediato una valanga di insulti e minacce da tutto il mondo

+ Miei preferiti
Si chiama Daniel Shravan, è un giovane film-maker indiano di belle speranze che finora ha realizzato qualche cortometraggio. Ma a dargli una notorietà di cui avrebbe probabilmente fatto a meno non è stato il cinema, ma un post su Facebook che è diventato virale facendo il giro del mondo, in cui Shravan commentava il recente caso di una donna stuprata da quattro uomini che dopo averla devastata hanno dato alle fiamme il suo corpo. È solo l’ultimo di una serie di orribili crimini contro donne e ragazze avvenuti in India che da anni fanno il giro il mondo. L’India non è uno dei posti migliori per essere una donna, ormai lo sottolineano anche diversi tour operator, che avvertono i turisti dei possibili rischi: “Le autorità indiane riferiscono che lo stupro è uno dei crimini in più rapida crescita e i crimini violenti, compresa l’aggressione sessuale, sono largamente diffusi in numerosi luoghi turistici”.

Nel post incriminato, rimosso poco dopo, Daniel Shravan aveva espresso la sua personalissima teoria, termine che forse non a caso fa rima con follia: “Le ragazze sopra i 18 anni dovrebbero essere istruite sullo stupro, addestrate a non negare mai i desideri sessuali degli uomini magari portandosi appresso preservativi. Gli stupratori mettono soltanto in atto un modo per soddisfare i loro desideri: le donne migliori dovrebbero accettare lo stupro e non combatterlo”. Il post prosegue dicendo che è sciocco da parte del governo presumere che le leggi contro lo stupro possano realmente debellare i crimini sessuali in India. “È una follia dei governi pensare che uccidere Osama Bin Laden sia sufficiente per eliminare la piaga del terrorismo. Allo stesso modo, le leggi contro lo stupro non fanno nulla per impedirli”.

Apriti cielo: nel giro di pochi minuti, dopo aver fatto il giro del mondo, il profilo di Daniel Shravan è stato letteralmente travolto da migliaia di insulti e minacce di morte. Qualcuno, ritenendo impossibile che un essere umano possa nutrire simili pensieri, è arrivato perfino a credere che si sia trattato di un’uscita sarcastica, per quanto infelice: “Spero che nessuno possa scrivere certe cose seriamente”. Secondo altri, si è trattato di una trovata pubblicitaria a buon mercato da parte di un regista senza nome, per arrivare alla notorietà. Ma smentendo da solo entrambe le ipotesi, Shravan ha evitato altri commenti chiudendosi nel silenzio di chi teme pesanti conseguenze.

Mondo
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
La vincitrice dell’edizione 2019 ha strappato la corona dalla testa della neo eletta accusandola di essere divorziata. Il tutto in diretta televisiva
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Almeno 40 gli arresti, mentre monta l’indignazione degli Emirati Arabi Uniti, dove le leggi sull’oscenità sono assai rigorose. Il servizio fotografico era destinato ad un sito per adulti (foto: Daily Mail)
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Un tribunale li ha ritenuti colpevoli di aver organizzato la grande protesta di piazza del 2019: rischiano fino a cinque anni di reclusione
Myanmar, l’ecatombe
che non interessa a nessuno
Myanmar, l’ecatombe<br>che non interessa a nessuno
L’Occidente si limita a condannare, mentre dall’ex Birmania giungono notizie di massacri quotidiani e di una situazione sanitaria pronta ad esplodere. Iniziano a mancare cibo, acqua e generi di prima necessità
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le autorità del Canale di Suez autorizzano la rimozione di 20.000 metri cubi di sabbia dal fondale per liberare l’enorme portacontainer. Un blocco che può avere conseguenze pesanti
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Giorni di intense precipitazioni hanno causato un’alluvione che ha costretto le autorità a sfollare 18mila persone. La situazione è complicata da un’invasione di topi, attirati dall’eccezionale raccolto di grano
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Dopo 18 mesi di reclusione in una località segreta, iniziano i due processi a carico di Michael Kovrig e Michael Spavor, due canadesi arrestati come ripercussione per l’arresto della top manager Huawei
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
Kathleen Folbigg è stata condannata per l’omicidio dei suoi quattro figli: ma secondo le più recenti scoperte scientifiche, la causa più probabile sarebbe un’anomalia genetica trasmessa ai bimbi, che ha causato la “morte in culla”
Nell’inferno di Alexey Navalny
Nell’inferno di Alexey Navalny
Un ex detenuto ha raccontato come si vive all’interno della Colonia Penale No. 2 in cui è stato rinchiuso il dissidente scampato all’avvelenamento, ma condannato per violazione della libertà condizionata
«L’Iran voleva diventassi una spia»
«L’Iran voleva diventassi una spia»
La dottoressa Kylie Moore-Gilbert, detenuta per due anni con l’accusa di spionaggio, rimprovera al suo Paese l’atteggiamento morbido nei confronti di Teheran e denuncia i tentativi di trasformarla in una spia