“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”

| La folle teoria di un giovane regista indiano, autore di un post su Facebook in cui giustifica le violenze invitando le donne ad accettarle e ad attrezzarsi di conseguenza. Ha rimediato una valanga di insulti e minacce da tutto il mondo

+ Miei preferiti
Si chiama Daniel Shravan, è un giovane film-maker indiano di belle speranze che finora ha realizzato qualche cortometraggio. Ma a dargli una notorietà di cui avrebbe probabilmente fatto a meno non è stato il cinema, ma un post su Facebook che è diventato virale facendo il giro del mondo, in cui Shravan commentava il recente caso di una donna stuprata da quattro uomini che dopo averla devastata hanno dato alle fiamme il suo corpo. È solo l’ultimo di una serie di orribili crimini contro donne e ragazze avvenuti in India che da anni fanno il giro il mondo. L’India non è uno dei posti migliori per essere una donna, ormai lo sottolineano anche diversi tour operator, che avvertono i turisti dei possibili rischi: “Le autorità indiane riferiscono che lo stupro è uno dei crimini in più rapida crescita e i crimini violenti, compresa l’aggressione sessuale, sono largamente diffusi in numerosi luoghi turistici”.

Nel post incriminato, rimosso poco dopo, Daniel Shravan aveva espresso la sua personalissima teoria, termine che forse non a caso fa rima con follia: “Le ragazze sopra i 18 anni dovrebbero essere istruite sullo stupro, addestrate a non negare mai i desideri sessuali degli uomini magari portandosi appresso preservativi. Gli stupratori mettono soltanto in atto un modo per soddisfare i loro desideri: le donne migliori dovrebbero accettare lo stupro e non combatterlo”. Il post prosegue dicendo che è sciocco da parte del governo presumere che le leggi contro lo stupro possano realmente debellare i crimini sessuali in India. “È una follia dei governi pensare che uccidere Osama Bin Laden sia sufficiente per eliminare la piaga del terrorismo. Allo stesso modo, le leggi contro lo stupro non fanno nulla per impedirli”.

Apriti cielo: nel giro di pochi minuti, dopo aver fatto il giro del mondo, il profilo di Daniel Shravan è stato letteralmente travolto da migliaia di insulti e minacce di morte. Qualcuno, ritenendo impossibile che un essere umano possa nutrire simili pensieri, è arrivato perfino a credere che si sia trattato di un’uscita sarcastica, per quanto infelice: “Spero che nessuno possa scrivere certe cose seriamente”. Secondo altri, si è trattato di una trovata pubblicitaria a buon mercato da parte di un regista senza nome, per arrivare alla notorietà. Ma smentendo da solo entrambe le ipotesi, Shravan ha evitato altri commenti chiudendosi nel silenzio di chi teme pesanti conseguenze.

Mondo
La Cina in lockdown
La Cina in lockdown
Per la prima volta nella storia, una metropoli di 11 milioni di abitanti è stata isolata per contenere l’avanzare del coronavirus che spaventa il mondo. Misure drastiche in tutta la Cina e allerta massima anche negli altri Paesi
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il Guardian rivela: il telefono di Bezos hackerato da MbS
Il principe ereditario saudita avrebbe violato il cellulare privato del proprietario di “Amazon”. Resta il dubbio sull’uso che è stato fatto delle informazioni carpite
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Dopo gli incendi e le piogge, in Australia arrivano i ragni
Le condizioni climatiche sono perfette per il proliferare del “funnelweb spider”, uno dei ragni più velenosi e letali al mondo. Intere colonie si stanno muovendo, ed è scattato l’allarme
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
Il mondo in ansia per il virus di Wuhan
L’allarme è scattato ovunque con controlli serrati negli aeroporti. Si teme una diffusione incontrollata con l’esodo per il capodanno cinese: riunioni di emergenza convocate dall’OMS e dalla UE
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Cina, il nuovo virus potrebbe aver raggiunto 1700 casi
Secondo uno studio realizzato dall’Imperial College di Londra, il numero di casi del coronavirus potrebbero essere sottovalutati: i 50 confermati in Cina sarebbero molti di più. Nuove procedure di controllo in diversi aeroporti americani
Cina, al via la più grande
migrazione umana di sempre
Cina, al via la più grande<br>migrazione umana di sempre
Tre miliardi di viaggi in occasione del Capodanno cinese: è la stima degli spostamenti che i cinesi faranno per la più importante e sentita delle festività. Un esodo che non spaventa il Paese, pronto ad affrontare la marea umana
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
Iran, il Boeing abbattuto da due missili
È l’ipotesi a cui sono giunti diversi Paesi, anche attraverso notizie delle intelligence. L’Iran nega con forza: nessun missile partito per sbaglio
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Due milioni di abitanti di Hong Kong accusano disturbi mentali
Il calcolo per valutare l’impatto delle violente proteste degli ultimi mesi, ma la stima è per difetto, visto che non include i minori di 18 anni, che in realtà rappresentano la parte più cospicua
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Saranno impiccati gli stupratori di Jyoti
Quattro dei sei uomini che nel 2012 hanno violentato e ucciso una studentessa indiana stanno per salire sul patibolo. La giovane è diventata il simbolo dell’oppressione delle donne in tutta l’India
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Eruzione del Whakaari, 13 feriti ancora ricoverati
Un mese dopo la terribile eruzione del vulcano che ha ucciso 17 persone, negli ospedali neozelandesi sono ancora ricoverati 13 feriti gravi. A fine gennaio l’inizio dei trasferimenti verso le proprie abitazioni