“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”

| La folle teoria di un giovane regista indiano, autore di un post su Facebook in cui giustifica le violenze invitando le donne ad accettarle e ad attrezzarsi di conseguenza. Ha rimediato una valanga di insulti e minacce da tutto il mondo

+ Miei preferiti
Si chiama Daniel Shravan, è un giovane film-maker indiano di belle speranze che finora ha realizzato qualche cortometraggio. Ma a dargli una notorietà di cui avrebbe probabilmente fatto a meno non è stato il cinema, ma un post su Facebook che è diventato virale facendo il giro del mondo, in cui Shravan commentava il recente caso di una donna stuprata da quattro uomini che dopo averla devastata hanno dato alle fiamme il suo corpo. È solo l’ultimo di una serie di orribili crimini contro donne e ragazze avvenuti in India che da anni fanno il giro il mondo. L’India non è uno dei posti migliori per essere una donna, ormai lo sottolineano anche diversi tour operator, che avvertono i turisti dei possibili rischi: “Le autorità indiane riferiscono che lo stupro è uno dei crimini in più rapida crescita e i crimini violenti, compresa l’aggressione sessuale, sono largamente diffusi in numerosi luoghi turistici”.

Nel post incriminato, rimosso poco dopo, Daniel Shravan aveva espresso la sua personalissima teoria, termine che forse non a caso fa rima con follia: “Le ragazze sopra i 18 anni dovrebbero essere istruite sullo stupro, addestrate a non negare mai i desideri sessuali degli uomini magari portandosi appresso preservativi. Gli stupratori mettono soltanto in atto un modo per soddisfare i loro desideri: le donne migliori dovrebbero accettare lo stupro e non combatterlo”. Il post prosegue dicendo che è sciocco da parte del governo presumere che le leggi contro lo stupro possano realmente debellare i crimini sessuali in India. “È una follia dei governi pensare che uccidere Osama Bin Laden sia sufficiente per eliminare la piaga del terrorismo. Allo stesso modo, le leggi contro lo stupro non fanno nulla per impedirli”.

Apriti cielo: nel giro di pochi minuti, dopo aver fatto il giro del mondo, il profilo di Daniel Shravan è stato letteralmente travolto da migliaia di insulti e minacce di morte. Qualcuno, ritenendo impossibile che un essere umano possa nutrire simili pensieri, è arrivato perfino a credere che si sia trattato di un’uscita sarcastica, per quanto infelice: “Spero che nessuno possa scrivere certe cose seriamente”. Secondo altri, si è trattato di una trovata pubblicitaria a buon mercato da parte di un regista senza nome, per arrivare alla notorietà. Ma smentendo da solo entrambe le ipotesi, Shravan ha evitato altri commenti chiudendosi nel silenzio di chi teme pesanti conseguenze.

Mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
L’ammissione della premier neozelandese accolta da un applauso nel Paese dove i cittadini stanno per scegliere con un referendum se legalizzare o meno l'uso di cannabis
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo