“Le donne dovrebbero accettare lo stupro”

| La folle teoria di un giovane regista indiano, autore di un post su Facebook in cui giustifica le violenze invitando le donne ad accettarle e ad attrezzarsi di conseguenza. Ha rimediato una valanga di insulti e minacce da tutto il mondo

+ Miei preferiti
Si chiama Daniel Shravan, è un giovane film-maker indiano di belle speranze che finora ha realizzato qualche cortometraggio. Ma a dargli una notorietà di cui avrebbe probabilmente fatto a meno non è stato il cinema, ma un post su Facebook che è diventato virale facendo il giro del mondo, in cui Shravan commentava il recente caso di una donna stuprata da quattro uomini che dopo averla devastata hanno dato alle fiamme il suo corpo. È solo l’ultimo di una serie di orribili crimini contro donne e ragazze avvenuti in India che da anni fanno il giro il mondo. L’India non è uno dei posti migliori per essere una donna, ormai lo sottolineano anche diversi tour operator, che avvertono i turisti dei possibili rischi: “Le autorità indiane riferiscono che lo stupro è uno dei crimini in più rapida crescita e i crimini violenti, compresa l’aggressione sessuale, sono largamente diffusi in numerosi luoghi turistici”.

Nel post incriminato, rimosso poco dopo, Daniel Shravan aveva espresso la sua personalissima teoria, termine che forse non a caso fa rima con follia: “Le ragazze sopra i 18 anni dovrebbero essere istruite sullo stupro, addestrate a non negare mai i desideri sessuali degli uomini magari portandosi appresso preservativi. Gli stupratori mettono soltanto in atto un modo per soddisfare i loro desideri: le donne migliori dovrebbero accettare lo stupro e non combatterlo”. Il post prosegue dicendo che è sciocco da parte del governo presumere che le leggi contro lo stupro possano realmente debellare i crimini sessuali in India. “È una follia dei governi pensare che uccidere Osama Bin Laden sia sufficiente per eliminare la piaga del terrorismo. Allo stesso modo, le leggi contro lo stupro non fanno nulla per impedirli”.

Apriti cielo: nel giro di pochi minuti, dopo aver fatto il giro del mondo, il profilo di Daniel Shravan è stato letteralmente travolto da migliaia di insulti e minacce di morte. Qualcuno, ritenendo impossibile che un essere umano possa nutrire simili pensieri, è arrivato perfino a credere che si sia trattato di un’uscita sarcastica, per quanto infelice: “Spero che nessuno possa scrivere certe cose seriamente”. Secondo altri, si è trattato di una trovata pubblicitaria a buon mercato da parte di un regista senza nome, per arrivare alla notorietà. Ma smentendo da solo entrambe le ipotesi, Shravan ha evitato altri commenti chiudendosi nel silenzio di chi teme pesanti conseguenze.

Mondo
Hong Kong torna in piazza
Hong Kong torna in piazza
La città di nuovo invasa dalle proteste, ma ad attendere i manifestanti massicci spiegamenti di polizia ed esercito: segno che Pechino non ha intenzione di tollerare ancora per molto
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La strategia sempre più caotica e rabbiosa di Trump sta accelerando il divario con gli alleati. E con un’America sempre più isolata, la Cina ha tutto da guadagnare
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
La proposta della premier Jacinda Ardern per permettere ai cittadini di riprendersi dal duro lockdown e ridare fiato al turismo, un settore fondamentale per l’economia
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
Ampham, con venti ad oltre 40 km/h, è atteso per mercoledì in zone già duramente colpite dalla pandemia. È il secondo per intensità dopo quello di più di 10 anni fa, che fece oltre 10mila vittime
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Il successo dell’isola nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la posizione globale e l’immagine internazionale di Taipei. E questo sta facendo infuriare Pechino
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
In Ucraina, uno dei pochi Paesi in cui la pratica dell’utero in affitto a scopo economico è permesso, decine di bambini restano in attesa delle famiglie adottive, che non possono viaggiare per andare a prenderli
La Francia entra nella Fase 2
La Francia entra nella Fase 2
Con molta cautela e con il Paese diviso in due: zone rosse e verdi. Qualche concessione in più ai cittadini dopo 8 settimane di lockdown
Il virus oltre cortina
Il virus oltre cortina
Ufficialmente la COVID-19 non è entrata in Corea del Nord, anche se non si ha certezza di quanto affermato dal governo con voci di numerosi casi e centinaia di morti. La strategia di lockdown anticipato ed estremo sembra abbia funzionato
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Al di là della retorica trionfalistica di Pechino, la città epicentro del Covid-19 stenta a riprendersi: negozi chiusi, poca gente per strada e la sensazione che tutto si ripeterà presto con una seconda ondata
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Voci e notizie danno il leader nordcoreano ancora ricoverato e nelle mani di un team medico cinese, mentre il suo treno privato è stato avvistato in una località di villeggiatura