Le Hawaii contro gli smartphone

| Il primo paese al mondo a vietare l'uso dei device mentre si attraversa la strada: troppi incidenti e troppe vittime

+ Miei preferiti
Secondo stime assolutamente al rialzo, su 10 cellulari in circolazione ben 7 sono smartphone, ovvero apparecchi che consentono di chattare, socializzare, giocare e connettersi in qualsiasi istante della giornata. Detto in altre parole, un mare di gente distratta, che incurante di quel che ha intorno cerca soltanto di passare al livello successivo di un giochino o di leggere la ricetta della parmigiana di melanzane prima di arrivare a casa.

E se la stretta verso chi guida con lo smartphone in mano è ormai realtà ovunque, perfino punita in modo decisamente salato, finora la distrazione da pedone era tollerata, anche se un po' a denti stretti, perché chi attraversa senza guardare non è molto diverso da chi guida scrivendo un sms: i rischi per sé e per gli altri sono del tutto simili.

Proprio da qui parte la prima bordata verso l'uso selvaggio dello smartphone: a lanciarla è Honolulu, popolosa capitale delle Hawaii, il 50esimo stato americano, patria di Barack Obama e di spiagge da sogno che, in base ad una legge recentissima, è la prima città al mondo a mettere un freno allo smartphone anche per i pedoni.

Dal prossimo 25 ottobre, chi sarà pizzicato ad attraversare la strada con gli occhi su laptop o smartphone rischia una sonora contravvenzione. Una risposta decisa e netta ai troppi incidenti stradali causati da gente che vaga per strada come zombie. Gli abitanti, dopo lo sgomento inziale per quella che qualcuno ha già definito una limitazione della libertà personale, sembra siano tutti d'accordo.

Mondo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Secondo la compagnia low-cost della Lufthansa, le 150 persone vittime nello schianto voluto dal copilota Andreas Lubitz non avrebbero avuto la sensazione di morire. Ma le scatole nere raccontano il contrario
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Si tratta di oltre 20 panetti, e secondo la polizia facevano parte di un carico disperso dai trafficanti un anno fa. In crescita nella zona del Pacifico il consumo di cocaina
La foto segnaletica che fa ridere
La foto segnaletica che fa ridere
Visti i tanti commenti cattivi, la polizia del Galles ha avvertito che accanirsi contro qualcuno attraverso i social può avere pesanti ripercussioni
Beve 18 whisky e allatta la bimba: morta
Beve 18 whisky e allatta la bimba: morta
I medici legali sono rimasti senza parole: nel corpicino di Sapphire era presente una percentuale di alcol letale
Canada: tagliato il cavo di una funivia
Canada: tagliato il cavo di una funivia
Uno dei cavi che assicura le 30 cabine del “Sea to Sky Gondola”, è stato manomesso: la scoperta mentre l’impianto era fermo
Ai puma non piacciono i Metallica
Ai puma non piacciono i Metallica
Una giovane canadese ha raccontato di aver messo in fuga un grosso felino selvatico che la seguiva nei boschi alzando il volume al massimo durante un brano scatenato della band heavy metal
India, 526 denti estratti ad un bambino
India, 526 denti estratti ad un bambino
Il più alto numero mai registrato su un essere umano: il piccolo, di 7 anni, è stato operato e adesso sta bene