Le Hawaii contro gli smartphone

| Il primo paese al mondo a vietare l'uso dei device mentre si attraversa la strada: troppi incidenti e troppe vittime

+ Miei preferiti
Di Davide Cucinotta
Secondo stime assolutamente al rialzo, su 10 cellulari in circolazione ben 7 sono smartphone, ovvero apparecchi che consentono di chattare, socializzare, giocare e connettersi in qualsiasi istante della giornata. Detto in altre parole, un mare di gente distratta, che incurante di quel che ha intorno cerca soltanto di passare al livello successivo di un giochino o di leggere la ricetta della parmigiana di melanzane prima di arrivare a casa.

E se la stretta verso chi guida con lo smartphone in mano è ormai realtà ovunque, perfino punita in modo decisamente salato, finora la distrazione da pedone era tollerata, anche se un po' a denti stretti, perché chi attraversa senza guardare non è molto diverso da chi guida scrivendo un sms: i rischi per sé e per gli altri sono del tutto simili.

Proprio da qui parte la prima bordata verso l'uso selvaggio dello smartphone: a lanciarla è Honolulu, popolosa capitale delle Hawaii, il 50esimo stato americano, patria di Barack Obama e di spiagge da sogno che, in base ad una legge recentissima, è la prima città al mondo a mettere un freno allo smartphone anche per i pedoni.

Dal prossimo 25 ottobre, chi sarà pizzicato ad attraversare la strada con gli occhi su laptop o smartphone rischia una sonora contravvenzione. Una risposta decisa e netta ai troppi incidenti stradali causati da gente che vaga per strada come zombie. Gli abitanti, dopo lo sgomento inziale per quella che qualcuno ha già definito una limitazione della libertà personale, sembra siano tutti d'accordo.

Mondo
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
Uccide l’amante che voleva svelare la loro storia
In un villaggio russo si è consumata una tragedia che ha come vittima una giovane di 24 anni, madre di bimbi piccoli, e un uomo sposato che voleva impedirle di raccontare ogni cosa a sua moglie
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
Vayu, il ciclone che sta per colpire l’India
300mila persone evacuate per il secondo ciclone tropicale dell’anno: attesi venti fino a 175 km/h, con forti piogge e allagamenti
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Tatuato sul volto, non trova lavoro
Faceva parte dei “Mongrel Mob”, una delle più feroci gang di bikers del mondo, e si è fatto tatuare il volto con la parola “Notorius”. Ed ora trova difficile essere accettato
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
Il rischio di guerra nucleare è altissimo
La direttrice dell’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del disarmo ha svelato che i rischi di un conflitto hanno raggiunto il massimo dai tempo della seconda guerra mondiale
Rissa al parlamento di Hong Kong
Rissa al parlamento di Hong Kong
Quattro deputati portati via in barella al temine di una scazzottata scatenata dagli emendamenti di una legge che facilita l’estradizione verso il resto della Cina
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
Il re della Thailandia sposa la sua hostess
A 66 anni, Rama X è salito sull’altare per la quarta volta: la fortunata è una ex assistente di volo della Thay Airway. Il paese è in festa
Indonesia: strage di scrutatori
Indonesia: strage di scrutatori
Quasi 300 morti e 2.000 ricoveri fra coloro che devono controllare le schede di 193 milioni di votanti. Le famiglie saranno risarcite
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta
Colpo di Stato in Sudan
Colpo di Stato in Sudan
I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa
L'Ecuador sfratta Assange
L
Via dall'ambasciata di Londra che lo ospita dal 2012 per evitare l'estradizione negli Usa. Il fondatore di WikiLeaks avrebbe pubblicato "false notizie" contro il presidente Moreno che "ora ha perso la pazienza"