Le Hawaii contro gli smartphone

| Il primo paese al mondo a vietare l'uso dei device mentre si attraversa la strada: troppi incidenti e troppe vittime

+ Miei preferiti
Secondo stime assolutamente al rialzo, su 10 cellulari in circolazione ben 7 sono smartphone, ovvero apparecchi che consentono di chattare, socializzare, giocare e connettersi in qualsiasi istante della giornata. Detto in altre parole, un mare di gente distratta, che incurante di quel che ha intorno cerca soltanto di passare al livello successivo di un giochino o di leggere la ricetta della parmigiana di melanzane prima di arrivare a casa.

E se la stretta verso chi guida con lo smartphone in mano è ormai realtà ovunque, perfino punita in modo decisamente salato, finora la distrazione da pedone era tollerata, anche se un po' a denti stretti, perché chi attraversa senza guardare non è molto diverso da chi guida scrivendo un sms: i rischi per sé e per gli altri sono del tutto simili.

Proprio da qui parte la prima bordata verso l'uso selvaggio dello smartphone: a lanciarla è Honolulu, popolosa capitale delle Hawaii, il 50esimo stato americano, patria di Barack Obama e di spiagge da sogno che, in base ad una legge recentissima, è la prima città al mondo a mettere un freno allo smartphone anche per i pedoni.

Dal prossimo 25 ottobre, chi sarà pizzicato ad attraversare la strada con gli occhi su laptop o smartphone rischia una sonora contravvenzione. Una risposta decisa e netta ai troppi incidenti stradali causati da gente che vaga per strada come zombie. Gli abitanti, dopo lo sgomento inziale per quella che qualcuno ha già definito una limitazione della libertà personale, sembra siano tutti d'accordo.

Mondo
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Ben 95 morti per un insieme di leggerezze, incompetenze e noncuranza: l’inchiesta sul naufragio dello scorso anno in Micronesia si è conclusa con pesanti accuse per il comandante e l’equipaggio
Famiglia indiana muore per un selfie
Famiglia indiana muore per un selfie
Quattro persone, tutte giovanissime, cadono una dopo l’altra nelle acque della diga del fiume Pambar. L’India è il Paese al mondo con più vittime per selfie
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
La disgustosa vicenda di Jennifer, una donna inglese che in un’intervista ha raccontato la terribile esperienza vissuta quando aveva solo 11 anni
Decapitata e gettata dal balcone
Decapitata e gettata dal balcone
Orrore a Chita, in Russia: una 19enne è stata fatta a pezzi da un uomo che ha gettato i resti dall’appartamento in cui viveva insieme alla ragazza
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula
È successo in Thailandia, al tribunale di Yala: il giudice Khanakorn Pianchana si è sparato al petto per denunciare le pressioni subite da numerosi colleghi perché mandasse sul patibolo degli innocenti
NBP, il formicaio umano
NBP, il formicaio umano
La media di morti fra i detenuti della New Bilibid Prison delle Filippine è di 5.000 persone ogni anno. Una realtà in cui sopravvive soltanto chi ha i soldi per pagarsi la libertà anticipata o una detenzione a cinque stelle
La seconda isola harem di Epstein
La seconda isola harem di Epstein
Tra i suoi numerosi possedimenti, il miliardario pedofilo morto suicida aveva voluto aggiungere ad ogni costo Great St. James Cay. Una trattativa complicata risolta con l’inganno
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Un milione di dollari ad un uomo che a 9 anni era stato violentato nel confessionale da padre Gerald Ridsdale, un sacerdote reo confesso di violenza sessuale su decine di bambini
Joshua for president
Joshua for president
Il giovane leader del Movimento degli Ombrelli che da settimane mette a ferro e fuoco Hong Kong lancia la propria candidatura alle elezioni locali del prossimo novembre
La morte di una modella mina le notti thailandesi
La morte di una modella mina le notti thailandesi
Mentre prove ed esami sembrano incastrare il principale sospettato, il paese si interroga su un universo parallelo senza regole, fatto di alcol, droga e violenza