Legge la sentenza e tenta il suicidio in aula

| È successo in Thailandia, al tribunale di Yala: il giudice Khanakorn Pianchana si è sparato al petto per denunciare le pressioni subite da numerosi colleghi perché mandasse sul patibolo degli innocenti

+ Miei preferiti
La Thailandia è sotto shock: Khanakorn Pianchana, un giovane giudice in servizio al tribunale di Yala, nel sud del paese, si è sparato al petto al termine di un’udienza in cui per mancanza di prove ha assolto cinque uomini dalle accuse di omicidio e possesso di armi da fuoco. Secondo quanto riportato dai media, il giudice aveva denunciato pesanti interferenze nel caso: trasportato d’urgenza in ospedale, dov’è ricoverato in terapia intensiva, Khanakorn ha riportato ferite profonde, ma non sarebbe in pericolo di vita.

Poco prima dell’episodio, Khanakorn avrebbe ammesso che diversi colleghi giudici avevano insistito con lui per cambiare l’esito delle sentenze, in una condanna, ma questo avrebbe significato mandare tre uomini sul patibolo e due al carcere a vita. “In questo momento, tanti altri giudici dei tribunali di primo grado di tutto il paese sono trattati allo stesso modo. Ma se io non posso mantenere fede al giuramento che ho fatto, preferisco morire piuttosto che vivere senza onore”.

La dichiarazione di Khanakorn ha suscitato forti polemiche e la preoccupazione per chi dovrebbe applicare leggi thailandese e invece abusa del proprio potere emettendo sentenze di colpevolezza che hanno obiettivi politici. Secondo un portavoce dell’ufficio giudiziario tailandese, Khanakorn avrebbe tentato il suicidio perché aveva problemi personali ed era sotto stress. Non è d’accordo Piyabutr Saengkanokkanokkul, segretario generale del “Future Forward Party”, secondo cui, con il suo gesto il giudice ha tentato di accendere i riflettori sul marcio che si è insinuato all’interno del sistema giudiziario thailandese.

Mondo
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Il rapporto finale sulla strage del traghetto Butiraoi
Ben 95 morti per un insieme di leggerezze, incompetenze e noncuranza: l’inchiesta sul naufragio dello scorso anno in Micronesia si è conclusa con pesanti accuse per il comandante e l’equipaggio
Famiglia indiana muore per un selfie
Famiglia indiana muore per un selfie
Quattro persone, tutte giovanissime, cadono una dopo l’altra nelle acque della diga del fiume Pambar. L’India è il Paese al mondo con più vittime per selfie
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
Stuprata da 500 uomini quand’era solo una ragazzina
La disgustosa vicenda di Jennifer, una donna inglese che in un’intervista ha raccontato la terribile esperienza vissuta quando aveva solo 11 anni
Decapitata e gettata dal balcone
Decapitata e gettata dal balcone
Orrore a Chita, in Russia: una 19enne è stata fatta a pezzi da un uomo che ha gettato i resti dall’appartamento in cui viveva insieme alla ragazza
NBP, il formicaio umano
NBP, il formicaio umano
La media di morti fra i detenuti della New Bilibid Prison delle Filippine è di 5.000 persone ogni anno. Una realtà in cui sopravvive soltanto chi ha i soldi per pagarsi la libertà anticipata o una detenzione a cinque stelle
La seconda isola harem di Epstein
La seconda isola harem di Epstein
Tra i suoi numerosi possedimenti, il miliardario pedofilo morto suicida aveva voluto aggiungere ad ogni costo Great St. James Cay. Una trattativa complicata risolta con l’inganno
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Risarcimento record alla vittima di un prete pedofilo
Un milione di dollari ad un uomo che a 9 anni era stato violentato nel confessionale da padre Gerald Ridsdale, un sacerdote reo confesso di violenza sessuale su decine di bambini
Joshua for president
Joshua for president
Il giovane leader del Movimento degli Ombrelli che da settimane mette a ferro e fuoco Hong Kong lancia la propria candidatura alle elezioni locali del prossimo novembre
La morte di una modella mina le notti thailandesi
La morte di una modella mina le notti thailandesi
Mentre prove ed esami sembrano incastrare il principale sospettato, il paese si interroga su un universo parallelo senza regole, fatto di alcol, droga e violenza
Chiuse le indagini dei killer del Canada
Chiuse le indagini dei killer del Canada
La polizia ha divulgato i risultati dell’inchiesta sui tre omicidi commessi da Kam McLeod e Bryer Schmegelsky, due adolescenti che avevano scelto di uccidere senza motivo. Trovati diversi video "agghiaccianti"