Serial killer, meglio in carcere o in psichiatria?

| Dibattito in Francia su come imprigionare i responsabili di atroci delitti. Nordahl Lelandais da quando ha confessato l'omicidio di Maelys è in un istituto di Lione. Il killer di Angelique dopo un mese in cura torna in cella

+ Miei preferiti
Nordhal Lelandais, 35enne, assassino reo-confesso, per ora, di Maelys De Arauyo, 8 anni, e del caporale Arthur Noyer, 22, e David Ramault, 45, assassino e stupratore di Angelique Six, 13 anni, con precedenti analoghi come vengono trattati i prigionieri negli "ospedali penitenziari". Ramault, dopo un mese di ricovero in un istituto-psichiatrico per detenuti rientra in cella, mentre Lelandais è sempre nella stanza singola di una clinica. In pochi anni, le unità ospedaliere appositamente attrezzate (UHSA) per i detenuti si stanno lentamente riempiendo, con molte contraddizioni e qualche critica.
Si tratta di veri e propri "ospedali carcerari", la cui esistenza è stata recentemente evidenziata dal ricovero di diversi detenuti dei media. Ramault, l'assassino della piccola Angélique, ha lasciato l'UHSA di Seclin (Nord) giovedì, dove era stato ammesso l'8 maggio. N trordahl Lelandais, incriminato per l'omicidio del caporale Arthur Noyer e di Maëlys, si trova ancora nel Vinatier, a Lione (Rodano). Si tratta di unità ospedaliere appositamente attrezzate, create dalla legge Perben nel 2002. Con un'osservazione originale: il trattamento dei detenuti con problemi psicologici era stato in passato poco utilizzato. Fino ad allora, questa funzione era stata affidata in particolare all'SMPR, ai 23 servizi medico-psicologici regionali e alle unità di assistenza psichiatrica situate all'interno delle istituzioni penitenziarie. Jonathann Daval, l'assassino di Alexia, viene infatti ricoverato nella prigione di Digione (Costa Azzurra).
Con l'UHSA, la scelta è di avere posti in ospedali psichiatrici "dedicati", all'esterno delle carceri, con regimi diversi e più personalizzati caso per caso. Il ministero della Sanità è responsabile della sezione sanitaria, mentre l'amministrazione penitenziaria garantisce la sicurezza "perimetrale". "Le UHSA si presentano esternamente come carceri", ma "le guardie non hanno più accesso ai locali interni", così nel luglio 2017 una relazione informativa della Commissione Affari Sociali del Senato."I funzionari possono tuttavia entrare a far parte del personale infermieristico su richiesta di quest'ultimo". Ma è ancora molto raro", dice Marie, un'operatrice che ha lavorato a Le Vinatier per diversi anni. Entrano solo in caso di sospetti in merito al comportamento dei reclusi, o per casi specifici".
In realtà, questa convivenza tra tutela della salute e carceri "funziona piuttosto bene", osserva Virginie Martin, responsabile della sezione "salute e diritti sociali" dell'amministrazione penitenziaria. Sebbene la relazione del Senato indichi alcune "difficoltà nel conciliare le due culture", anche se episodi di violenza rimangano rari e le incomprensioni più numerose.
C'è il rischio, scrive Le Parisienne,  la tentazione, per l'amministrazione ma soprattutto per i giudici, "di psichiatricizzare tutti i comportamenti difficili", nota il rapporto del Senato. I Team di Vinatier hanno detto che, dopo aver cercato di denunciare i colpevoli di reati sessuali all'UHSA, si pensava di farli prendere in carico dal servizio. Tuttavia, la decisione di ammettere e refertare un paziente a un'UHSA puà essere solamente decisa dal medico, "in stretta riservatezza medica", dice Virginie Martin.
Oltre ai detenuti affetti da patologie mentali, questi stessi UHSA li ricoverano a scopo di protezione. O sono vittime di violenza a causa del loro disadattamento alla prigione, o soffrono di patologie depressive e rappresentano un pericolo per se stessi, come nel caso di un quarto delle persone ammesse. Alcuni hanno disturbi mentali prima della loro incarcerazione che non si manifestavano necessariamente, ma possono rivelarsi con la reclusione", ha descritto questa infermiera dal carcere di Châteauroux (Indre). E' il caso di Nordhal Lelandais, minacciato di morte dai detenuti per l'atrocità del suo delitto e per il timore che possa suicidarsi, sottranedosi così non solo al giudizio ma anche alla ricerca della verità su molti altri casi di persone sparite, in teoria riconducidili a lui. Secondo l'amministrazione, riporta il media, la durata media del soggiorno in UHSA è di 20,8 giorni, con un tasso di occupazione del 80%. Ma soprattutto nell'Ile-de-France il numero di posti letto è insufficiente e le liste d'attesa sono talvolta lunghe. Questo problema di spazio è generale, nota Marie, di Vinatier. Alcuni SMPR hanno solo 25 detenuti per 800, e gli UHSA sono quasi al massimo. Per non parlare della cronica carenza di personale". "Più in generale, è il ruolo della psichiatria in Francia che solleva interrogativi", spiega Laurence Cohen, senatore (PC) di Val-de-Marne e co-autore del rapporto. La società viene sostituita dalla prigione, una discarica sociale. E alcuni atti di violenza oggetto di sanzioni giudiziarie potrebbero essere evitati con una migliore prevenzione.
 
 
Mondo
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
Nuova Zelanda, polemiche per una lettera di Tarrant
L’attentatore di Christchurch lasciato libero di pubblicare un nuovo documento suprematista su un sito web: sotto accusa i dirigenti del carcere
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
Svolta nelle indagini per la morte di Nora
La quindicenne londinese ritrovata senza vita nella giungla della Malaysia sarebbe morta di stenti. Al momento non c’è alcuna traccia di violenza
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Bullizzata perché gay si toglie la vita
Una giovane australiana non ha retto alla depressione in cui era piombata dopo anni di soprusi e prese in giro
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Germanwings scrive alle famiglie delle vittime del volo 9525
Secondo la compagnia low-cost della Lufthansa, le 150 persone vittime nello schianto voluto dal copilota Andreas Lubitz non avrebbero avuto la sensazione di morire. Ma le scatole nere raccontano il contrario
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Un carico di droga emerge in Nuova Zelanda
Si tratta di oltre 20 panetti, e secondo la polizia facevano parte di un carico disperso dai trafficanti un anno fa. In crescita nella zona del Pacifico il consumo di cocaina
La foto segnaletica che fa ridere
La foto segnaletica che fa ridere
Visti i tanti commenti cattivi, la polizia del Galles ha avvertito che accanirsi contro qualcuno attraverso i social può avere pesanti ripercussioni
Beve 18 whisky e allatta la bimba: morta
Beve 18 whisky e allatta la bimba: morta
I medici legali sono rimasti senza parole: nel corpicino di Sapphire era presente una percentuale di alcol letale
Canada: tagliato il cavo di una funivia
Canada: tagliato il cavo di una funivia
Uno dei cavi che assicura le 30 cabine del “Sea to Sky Gondola”, è stato manomesso: la scoperta mentre l’impianto era fermo
Ai puma non piacciono i Metallica
Ai puma non piacciono i Metallica
Una giovane canadese ha raccontato di aver messo in fuga un grosso felino selvatico che la seguiva nei boschi alzando il volume al massimo durante un brano scatenato della band heavy metal
India, 526 denti estratti ad un bambino
India, 526 denti estratti ad un bambino
Il più alto numero mai registrato su un essere umano: il piccolo, di 7 anni, è stato operato e adesso sta bene