“L’epidemia crescerà ancora”

| Le previsioni degli esperti parlano di numeri sconcertanti dovuti alla facilità con cui il coronavirus di Wuhan si trasmette. La Cina ha messo in campo tutte le proprie forze, mentre gli Stati Uniti rimpatriano i propri cittadini

+ Miei preferiti
Il virus “Wuhan” cambia, si adatta, passa di persona in persona diventando più forte e imprendibile. “La situazione è grave”, ammette il presidente Xi-Jiping chiamando a raccolta l’apparato dello Stato mentre il mondo guarda la Cina isolarsi ogni ora di più. Nel giro di due settimane, se la propagazione rimarrà quella attuale, il numero di contagi potrebbe toccare 351mila persone: al momento, i dati ufficiali diffusi da Pechino parlano di 41 morti e 1.363 contagi.

L’allerta nel paese è massima: 56 milioni di cinesi sono praticamente isolati dal resto del mondo, e squadre di migliaia di medici militari e civili specializzati in malattie infettive sono state inviate nelle città, a cominciare da Wuhan, la “ground zero” del coronavirus. Fra due settimane avranno a disposizione “Leishenshan”, un nuovo ospedale con 1.300 posti letto per fronteggiare l’emergenza che sarà pronto entro il 3 febbraio, e un altro poco dopo.

La paura che serpeggia è l’estrema mutevolezza del virus, che finora ha permesso di identificare con certezza solo il 5,1% dei contagiati: “Se non cambia nulla nel controllo o nella trasmissione, ci aspettiamo nuove epidemie nelle città cinesi e che l’infezione continui a comparire a ritmo crescente in tutto il mondo - si legge in un report dell’Università di Lancaster diffuso in queste ore - tra 14 giorni, il 4 febbraio, il nostro modello predittivo indica che il numero di persone contagiate a Wuhan potrebbe essere superiore a 250 mila”.

Fra i paesi più a rischio sono citati Thailandia, Giappone e Sud Corea: l’emergenza è scattata a Hong Kong, mentre 4 sono i casi accertati in Australia e tre in Giappone, con un sospetto a Toronto e un altro a Vienna. E se crescono i timori per le Olimpiadi del prossimo luglio a Tokyo, gli Stati Uniti hanno deciso un ponte aereo per evacuare il personale diplomatico e gli americani che risiedono a Wuhan.

Sul fronte della ricerca, dopo l’ipotesi che i rettili fossero la causa della nascita del virus, un gruppo di scienziati cinesi ha indicato nel visone l’ospite intermedio da cui è partita l’infezione di Wuhan. La Cina, sulla spinta delle pressioni internazionali, ha vietato fino a nuovo ordine il commercio e il trasporto di animali selvatici.

Nelle scorse ore, intanto, è circolata un’indiscrezione secondo cui il coronavirus non sia nato nella promiscuità animale del mercato di Wuhan, ma sia “fuggito” non si sa come da un laboratorio cinese dove erano in corso sperimentazioni di modifica della Sars in caso di guerra batteriologica.

Mondo
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Problemi mentali fra i sommergibilisti cinesi
Uno studio ha evidenziato quanto gli uomini imbarcati sulla flotta sottomarina cinese, costretti per lunghi mesi ad ambienti ristretti e rumorosi, sviluppano pericolose ossessioni