L’eroe di Christchurch

| Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili

+ Miei preferiti
In tanti, poche ore dopo il massacro di Christchurch, in Nuova Zelanda, avevano parlato di un uomo che era riuscito ad opporsi al folle piano di Brenton Tarrant. Ma nessuno riusciva a capire con esattezza chi fosse.

L’ha rintracciato la Associated Press: si chiama Adbul Aziz, ha 48 anni, si trovava all’interno della moschea di Linwood, la seconda presa di mira da Tarrant dopo la strage alla “Al Noor”. Grazie al suo sangue freddo, il killer è riuscito “soltanto” uccidere 7 persone, un bilancio che avrebbe potuto essere ben più pesante.

Originario di Kabul, Afghanistan, da 25 anni vive con la moglie e figli in Nuova Zelanda, e come tutti i venerdì era nella moschea per il giorno di preghiera. L’Imam, Latef Alabi, si interrompe di colpo: dall’esterno giunge il suono sinistro e inconfondibile dei colpi d’arma da fuoco. Qualcuno guarda fuori dalla finestra e accanto ad un uomo vestito di scuro c’erano i corpi esanimi di due persone. L’Imam capisce. grida ai fedeli, un’ottantina di persone, di abbassarsi e cercare un riparo, ma un proiettile sfonda il vetro e colpisce uno dei presenti.

È il panico, a cui Adbul Aziz reagisce d’istinto: invece di cercare un rifugio sicuro esce dall’edificio e gli si avventa contro, sperando almeno di distrarlo il tempo necessario perché quelli rimasti dentro potessero fuggire. Oltre al coraggio ogni tanto ci vuole fortuna: come aveva già fatto nella prima moschea, Tarrant torna verso l’auto per cambiare pistola, e Aziz gli tira la prima cosa che si trova per le mani, un lettore di carte di credito poggiato su un tavolino della moschea. Il killer non molla: cerca Aziz per finirlo, ma lui riesce a nascondersi fra le auto parcheggiate. Vede una pistola per terra lasciata da Tannant, ma è scarica. L’attentatore torna verso l’auto per ricaricare le sue armi, e Aziz gli lancia la pistola contro il finestrino, che esplode in mille pezzi. L’uomo si spaventa, pensa ad un colpo d’arma da fuoco: fugge e abbandona il suo obiettivo.

“Se fosse riuscito ad entrare saremmo morti tutti - ripetono i testimoni – Aziz è un eroe, ci ha salvato la vita”. Ma lui non si sente per niente un eroe: racconta di aver agito d’istinto, senza neanche pensare alla conseguenze e senza ascoltare le grida dei suoi quattro figli che gli urlavano di rientrare nella moschea. “Volevo attirarlo nel parcheggio per salvare più persone possibili, ma probabilmente non mi ha visto. Sono andato nel retro e mentre correvo ho notato un cadavere con accanto una pistola, l’ho afferrata e ho iniziato a urlare ‘Sono fuori, ti sto aspettando’. Quando è uscito ho provato a sparare, ma la pistola era scarica. Quando è tornato verso la sua macchina per ricaricare gli ho lanciato la pistola contro il finestrino e si è spaventato”.

Mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
L’ammissione della premier neozelandese accolta da un applauso nel Paese dove i cittadini stanno per scegliere con un referendum se legalizzare o meno l'uso di cannabis
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo