L’eroe di Christchurch

| Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili

+ Miei preferiti
In tanti, poche ore dopo il massacro di Christchurch, in Nuova Zelanda, avevano parlato di un uomo che era riuscito ad opporsi al folle piano di Brenton Tarrant. Ma nessuno riusciva a capire con esattezza chi fosse.

L’ha rintracciato la Associated Press: si chiama Adbul Aziz, ha 48 anni, si trovava all’interno della moschea di Linwood, la seconda presa di mira da Tarrant dopo la strage alla “Al Noor”. Grazie al suo sangue freddo, il killer è riuscito “soltanto” uccidere 7 persone, un bilancio che avrebbe potuto essere ben più pesante.

Originario di Kabul, Afghanistan, da 25 anni vive con la moglie e figli in Nuova Zelanda, e come tutti i venerdì era nella moschea per il giorno di preghiera. L’Imam, Latef Alabi, si interrompe di colpo: dall’esterno giunge il suono sinistro e inconfondibile dei colpi d’arma da fuoco. Qualcuno guarda fuori dalla finestra e accanto ad un uomo vestito di scuro c’erano i corpi esanimi di due persone. L’Imam capisce. grida ai fedeli, un’ottantina di persone, di abbassarsi e cercare un riparo, ma un proiettile sfonda il vetro e colpisce uno dei presenti.

È il panico, a cui Adbul Aziz reagisce d’istinto: invece di cercare un rifugio sicuro esce dall’edificio e gli si avventa contro, sperando almeno di distrarlo il tempo necessario perché quelli rimasti dentro potessero fuggire. Oltre al coraggio ogni tanto ci vuole fortuna: come aveva già fatto nella prima moschea, Tarrant torna verso l’auto per cambiare pistola, e Aziz gli tira la prima cosa che si trova per le mani, un lettore di carte di credito poggiato su un tavolino della moschea. Il killer non molla: cerca Aziz per finirlo, ma lui riesce a nascondersi fra le auto parcheggiate. Vede una pistola per terra lasciata da Tannant, ma è scarica. L’attentatore torna verso l’auto per ricaricare le sue armi, e Aziz gli lancia la pistola contro il finestrino, che esplode in mille pezzi. L’uomo si spaventa, pensa ad un colpo d’arma da fuoco: fugge e abbandona il suo obiettivo.

“Se fosse riuscito ad entrare saremmo morti tutti - ripetono i testimoni – Aziz è un eroe, ci ha salvato la vita”. Ma lui non si sente per niente un eroe: racconta di aver agito d’istinto, senza neanche pensare alla conseguenze e senza ascoltare le grida dei suoi quattro figli che gli urlavano di rientrare nella moschea. “Volevo attirarlo nel parcheggio per salvare più persone possibili, ma probabilmente non mi ha visto. Sono andato nel retro e mentre correvo ho notato un cadavere con accanto una pistola, l’ho afferrata e ho iniziato a urlare ‘Sono fuori, ti sto aspettando’. Quando è uscito ho provato a sparare, ma la pistola era scarica. Quando è tornato verso la sua macchina per ricaricare gli ho lanciato la pistola contro il finestrino e si è spaventato”.

Mondo
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La pandemia e il nuovo ordine mondiale
La strategia sempre più caotica e rabbiosa di Trump sta accelerando il divario con gli alleati. E con un’America sempre più isolata, la Cina ha tutto da guadagnare
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
Nuova Zelanda: settimana lavorativa di 4 giorni
La proposta della premier Jacinda Ardern per permettere ai cittadini di riprendersi dal duro lockdown e ridare fiato al turismo, un settore fondamentale per l’economia
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
In India e Bangladesh arriva la tempesta del secolo
Ampham, con venti ad oltre 40 km/h, è atteso per mercoledì in zone già duramente colpite dalla pandemia. È il secondo per intensità dopo quello di più di 10 anni fa, che fece oltre 10mila vittime
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Taiwan, dal virus passa la strada per l’indipendenza
Il successo dell’isola nella lotta contro il coronavirus ha rafforzato la posizione globale e l’immagine internazionale di Taipei. E questo sta facendo infuriare Pechino
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
Il lato oscuro del lockdown: centinaia di bambini di madri surrogate bloccati
In Ucraina, uno dei pochi Paesi in cui la pratica dell’utero in affitto a scopo economico è permesso, decine di bambini restano in attesa delle famiglie adottive, che non possono viaggiare per andare a prenderli
La Francia entra nella Fase 2
La Francia entra nella Fase 2
Con molta cautela e con il Paese diviso in due: zone rosse e verdi. Qualche concessione in più ai cittadini dopo 8 settimane di lockdown
Il virus oltre cortina
Il virus oltre cortina
Ufficialmente la COVID-19 non è entrata in Corea del Nord, anche se non si ha certezza di quanto affermato dal governo con voci di numerosi casi e centinaia di morti. La strategia di lockdown anticipato ed estremo sembra abbia funzionato
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Wuhan, il volto triste di una rinascita che non c’è
Al di là della retorica trionfalistica di Pechino, la città epicentro del Covid-19 stenta a riprendersi: negozi chiusi, poca gente per strada e la sensazione che tutto si ripeterà presto con una seconda ondata
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Mistero fitto sulla sorte di Kim Jong-un
Voci e notizie danno il leader nordcoreano ancora ricoverato e nelle mani di un team medico cinese, mentre il suo treno privato è stato avvistato in una località di villeggiatura
Un litigio familiare alla base della strage in Canada
Un litigio familiare alla base della strage in Canada
Sarebbe una delle prime ricostruzioni della strage di Portapique fatta dalla polizia, finita al centro di una polemica per non aver lanciato l’allarme tempestivamente. Una leggerezza costata la vita a 22 persone