L’eroe di Christchurch

| Si è lanciato contro l’attentatore, impedendogli di ripetere la strage che aveva appena compiuto nella prima moschea. Rifugiato afghano, racconta di aver agito d’impulso, sperando di salvare più persone possibili

+ Miei preferiti
In tanti, poche ore dopo il massacro di Christchurch, in Nuova Zelanda, avevano parlato di un uomo che era riuscito ad opporsi al folle piano di Brenton Tarrant. Ma nessuno riusciva a capire con esattezza chi fosse.

L’ha rintracciato la Associated Press: si chiama Adbul Aziz, ha 48 anni, si trovava all’interno della moschea di Linwood, la seconda presa di mira da Tarrant dopo la strage alla “Al Noor”. Grazie al suo sangue freddo, il killer è riuscito “soltanto” uccidere 7 persone, un bilancio che avrebbe potuto essere ben più pesante.

Originario di Kabul, Afghanistan, da 25 anni vive con la moglie e figli in Nuova Zelanda, e come tutti i venerdì era nella moschea per il giorno di preghiera. L’Imam, Latef Alabi, si interrompe di colpo: dall’esterno giunge il suono sinistro e inconfondibile dei colpi d’arma da fuoco. Qualcuno guarda fuori dalla finestra e accanto ad un uomo vestito di scuro c’erano i corpi esanimi di due persone. L’Imam capisce. grida ai fedeli, un’ottantina di persone, di abbassarsi e cercare un riparo, ma un proiettile sfonda il vetro e colpisce uno dei presenti.

È il panico, a cui Adbul Aziz reagisce d’istinto: invece di cercare un rifugio sicuro esce dall’edificio e gli si avventa contro, sperando almeno di distrarlo il tempo necessario perché quelli rimasti dentro potessero fuggire. Oltre al coraggio ogni tanto ci vuole fortuna: come aveva già fatto nella prima moschea, Tarrant torna verso l’auto per cambiare pistola, e Aziz gli tira la prima cosa che si trova per le mani, un lettore di carte di credito poggiato su un tavolino della moschea. Il killer non molla: cerca Aziz per finirlo, ma lui riesce a nascondersi fra le auto parcheggiate. Vede una pistola per terra lasciata da Tannant, ma è scarica. L’attentatore torna verso l’auto per ricaricare le sue armi, e Aziz gli lancia la pistola contro il finestrino, che esplode in mille pezzi. L’uomo si spaventa, pensa ad un colpo d’arma da fuoco: fugge e abbandona il suo obiettivo.

“Se fosse riuscito ad entrare saremmo morti tutti - ripetono i testimoni – Aziz è un eroe, ci ha salvato la vita”. Ma lui non si sente per niente un eroe: racconta di aver agito d’istinto, senza neanche pensare alla conseguenze e senza ascoltare le grida dei suoi quattro figli che gli urlavano di rientrare nella moschea. “Volevo attirarlo nel parcheggio per salvare più persone possibili, ma probabilmente non mi ha visto. Sono andato nel retro e mentre correvo ho notato un cadavere con accanto una pistola, l’ho afferrata e ho iniziato a urlare ‘Sono fuori, ti sto aspettando’. Quando è uscito ho provato a sparare, ma la pistola era scarica. Quando è tornato verso la sua macchina per ricaricare gli ho lanciato la pistola contro il finestrino e si è spaventato”.

Mondo
Coppia aggredita da un cervo
Coppia aggredita da un cervo
È successo in Australia: lui è morto per le lesioni, lei è in gravi condizioni in ospedale. L’animale viveva libero nella loro tenuta
Colpo di Stato in Sudan
Colpo di Stato in Sudan
I militari hanno circondato il palazzo presidenziale: il presidente Omar al-Bashir si sarebbe dimesso: teme di finire sotto processo per genocidio. A guidare la protesta una donna misteriosa
L'Ecuador sfratta Assange
L
Via dall'ambasciata di Londra che lo ospita dal 2012 per evitare l'estradizione negli Usa. Il fondatore di WikiLeaks avrebbe pubblicato "false notizie" contro il presidente Moreno che "ora ha perso la pazienza"
Un speranza anche per Manuel
Un speranza anche per Manuel
Un clinico svizzero ha elaborato una tecnica per tentare si superare le lesioni midollari con la tecnica "Stimo". Alcuni pazienti hanno ripreso a camminare. Il caso del nuotatore azzurro sarà esaminato
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
I parenti di Brenton Tarrant sotto shock
La nonna e lo zio, che vivono a Grafton, in Australia, non si danno pace: “Era cambiato dopo un lungo viaggio in Europa”. L’ultima volta l’avevano visto un anno per un compleanno, “era normale, come sempre”
Strage moschee, sale il numero dei morti
Strage moschee, sale il numero dei morti
Uno dei 36 feriti tutt’ora ricoverati non ce l’ha fatta. Il punto sulle indagini della polizia e del premier Jacinta Arden
Kalashnikov è diventato un drone
Kalashnikov è diventato un drone
L’azienda che porta il nome dell’inventore dell’AK-47 ha appena presentato un drone militare: può portare 3 kg di esplosivo a 130 km/h. Per gli esperti sono le prime avvisaglie della guerra tecnologica 3.0
Rom, apolidi e incontrollabili
Rom, apolidi e incontrollabili
Secondo il Cir, il nuovo decreto sicurezza allunga i tempi per ottenere la cittadinanza italiana sino a 4 anni. I Rom bloccati in un limbo
Manager Huawei fa causa al Canada
Manager Huawei fa causa al Canada
Gli Usa pronti a chiederne l'estradizione. La rabbia dei cinesi: "Grave incidente diplomatico". Meng Whanzou accusata di avere violato le sanzioni all'Iran
Vola per vent’anni senza brevetto
Vola per vent’anni senza brevetto
Non riuscendo a completare gli studi per diventare pilota di linea, si è inventato la documentazione fino ad essere assunto come copilota. È stato beccato per aver fatto strane manovre in volo