L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»

| Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale

+ Miei preferiti
Fino al 2012 era solo un viziato, sbruffone, capriccioso, esagerato giovane thailandese di 35 anni ma mai cresciuto abbastanza, che studiava come dilapidare i denari messi insieme dall’impero di famiglia, la “Red Bull”. Vorayuth Yoovidhya, per tutti “Boss”, passava la vita fra crociere esclusive e party, voli privati e capricci di ogni genere, spesso al fianco di celebrità come Gordon Ramsey, di cui era cliente affezionato. Nipote di Chaleo Yoovidhya, fondatore del colosso Red Bull, suo padre e altri 11 fratelli si sono divisi le quote dell’impero garantendosi un’esistenza che in Thailandia non significa solo l’élite della ricchezza, ma anche strette connivenze con il potere. Ma la sera del 3 settembre 2012, “Boss” travolge con la sua Ferrari grigio canna di fucile Whichian Klanpraset, 47 anni, un agente che dopo il servizio rientrava a casa in sella ad un motorino. Sotto l’effetto di alcol, droga - e di una velocità accertata in 177 km/h - Vorayuth Yoovidhya non si accorge neanche di trascinare per un centinaio di metri il povero disgraziato. Poi fugge senza prestare soccorso, sperando che nessuno l’abbia visto.

Non è così: lo pinzano poco dopo e lui cerca di cavarsela addossando la colpa al suo autista, che quella sera aveva deciso di farsi un giro sulla Ferrari del capo. L’uomo, a malincuore, ammette tutto, ma almeno questa volta la polizia non crede ad una versione che puzza come la spazzatura, accusando “Boss” di falsa testimonianza. Ma è solo l’inizio, perché entra in scena la potenza di fuoco della sua famiglia, che si trasforma in uno sfacciato salvacondotto che gli vale l’assoluzione in tribunale, comprata “cash” dietro verso 100mila dollari versati a titolo di risarcimento alla vedova in cambio della rinuncia ad ogni accusa penale. Una soluzione che ai thailandesi, sempre più irritati nei confronti della monarchia e delle macroscopiche differenze fra chi può e chi non sa come mettere insieme il pranzo e la cena, non è mai andata giù. Manifestazioni di piazza contro il governo e le famiglie per cui la legge fa eccezione, come gli Yoovidhya, hanno costretto le autorità a riaprire le indagini, accusando “Boss” di “guida spericolata” e “uso di sostanze stupefacenti”. Accuse a cui Vorayuth Yoovidhya ha replicato lasciando la Thailandia due giorni prima che l’Interpol spiccasse un mandato di cattura internazionale.

Negli anni, il rampollo non ha rivisto neanche per un attimo il suo stile di vita, fatto di luoghi esotici, party, auto e donne che ha sempre generosamente condiviso sui suoi profili social.

Galleria fotografica
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull» - immagine 1
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull» - immagine 2
Mondo
L’Iraq accoglie Francesco,
il Papa che vuole cambiare la storia
L’Iraq accoglie Francesco,<br>il Papa che vuole cambiare la storia
Poche ore all’inizio del primo viaggio di un Pontefice in una terra martoriata da guerre e terrorismo, dove essere cristiani significa rischiare la vita ogni giorno. Imponenti le misure di sicurezza
Nuovi guai per la Boeing
Nuovi guai per la Boeing
Dopo l’esplosione dell’aereo decollato da Denver, l’autorità americana dell’aviazione civile vuole fare chiarezza: possibile un difetto alle ventola del reattore, che potrebbe costringere a terra diversi aerei
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Gran Bretagna: porte aperte agli esuli di Hong Kong
Secondo gli esperti, 300mila persone potrebbero lasciare la città scegliendo di vivere, studiare e lavorare nel Regno Unito. La via d’uscita offerta da un nuovo visto creato appositamente per gli abitanti dell’ex colonia britannica
Iran: impiccata anche se era già morta
Iran: impiccata anche se era già morta
Zahra Esmaili, condannata a morte per l’omicidio del marito violento, non ha retto allo spettacolo terribile di 16 impiccagioni prima della sua, morendo di infarto. Ma i boia hanno voluto appenderla ugualmente al cappio
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Latifa, la principessa rinchiusa nel castello
Era svanita nel 2018, bloccata poco prima di riuscire a raggiungere l’Oman, da cui voleva fuggire negli Stati Uniti. Ora, grazie ad un cellulare, ha raccontato in alcuni video la sua prigionia chiedendo l’aiuto internazionale
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Australia: la strana vicenda della ragazza chiusa nel bagagliaio
Nisha Phillips, 24 anni, riesce a far passare la mano chiedendo aiuto attraverso un fanale dell’auto dove altre due ragazze l’avevano rinchiusa
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Il presidente delle Olimpiadi di Tokyo verso le dimissioni
Le frasi sessiste rivelate dai media non sono andate giù al comitato organizzatore, deciso a chiedere la testa dell’ex premier 83enne Yoshiro Mori
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
Kobe Bryant: lo schianto fu un errore del pilota
È durata un anno, l’inchiesta federale che ha analizzato tutti i dati disponibili, arrivando alla conclusione che per le condizioni meteo il volo doveva essere annullato
Myanmar, le proteste dilagano
Myanmar, le proteste dilagano
Malgrado il blocco totale di internet per impedire alle proteste di organizzarsi, migliaia di persone continuano scendere in piazza chiedendo la liberazione di Aung San Suu Kyi
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
Muore all’improvviso il medico che aveva salvato Navalny
L’ha comunicato in via ufficiale la struttura dove lavorava il medico 55enne, senza aggiungere nulla sulle cause della morte. Gelo fra Mosca e Bruxelles