Lo scandalo del latte in polvere Lactalis

| La decisione di ritirare milioni di confezioni in quasi cento paesi non bastano a placare la rabbia: le associazioni dei consumatori preparano una class action, mentre i colossi della grande distribuzione promettono una causa

+ Miei preferiti
Di Germano Longo

Dodici milioni di confezioni di prodotti destinati alla prima infanzia ritirati dai mercati di 83 paesi: è quanto ha annunciato Emannuel Besnier, ad di “Lactalis”, colosso agroalimentare francese, nel 2015 - secondo “Forbes” - al 191esimo posto nella classifica degli uomini più ricchi del mondo, con un patrimonio personale stimato in 9,6 miliardi di dollari.

È la prima, immediata reazione per arginare gli effetti di uno scandalo dalle proporzioni mondiali iniziato alla fine dello scorso dicembre con alcuni casi di salmonellosi scoperti in 35 neonati francesi, più altri due segnalati fra Spagna e Grecia. A questo, si aggiunge la pronta rassicurazione di Besnier: “Risarciremo tutte le famiglie che hanno subito un danno, la nostra priorità assoluta è la sicurezza totale”.

A dare il via alla reazione e la piena collaborazione del colosso mondiale, proprietario anche dei marchi “Parmalat” e “Galbani”, con 198 siti industriali in 55 paesi, ci sarebbe un incontro fra Besnier e il ministro francese dell’economia, Bruno Le Maire, per rispondere alle centinaia di denunce sporte da genitori francesi che hanno già fatto scattare un’indagine preliminare per “lesioni volontarie”.

A dicembre, Lactalis aveva già deciso di ritirare alcune tonnellate di latte in polvere prodotto negli stabilimenti di Craon, nel nord ovest della Francia, anche se Besnier si era sempre rifiutato di commentare pubblicamente la vicenda. In realtà, a far infuriare i francesi e di conseguenza il governo Macron, è stata la certezza che in tantissimi supermercati, le confezioni di latte potenzialmente contaminato fossero rimaste impunemente in vendita ancora per diverse settimane.

Sul piede di guerra ci sarebbero anche alcune associazioni di consumatori, che stanno preparando una colossale “class-action” con annessa richiesta milionaria di risarcimento, a cui si potrebbe aggiungere una causa di colossi della grande distribuzione come “Carrefour”, “Lecler”, “Intermarché” e “Auchan”, che pur ammettendo errori interni della messa al bando dei prodotti, accusano Lactalis di aver creato ad arte una profonda confusione nelle confezioni da ritirare dagli scaffali.

Ad aggravare la posizione del colosso dell’agroalimentare, ci sarebbero anche i primi risultati delle analisi sul batterio riscontrato nel bimbi francesi: secondo l’Institut Pasteur, sarebbe lo stesso già individuato in alcune confezioni più di dieci anni fa. Un altro segnale che getta ombre sull’efficacia dei controlli interni di Lactalis.

 
Mondo
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
Filippine: «Aprire il fuoco contro chi viola la quarantena»
L'esagerato presidente Duterte si è esibito in un nuovo show televisivo in cui ha invocato la tolleranza zero contro chi continua a uscire di casa. La polizia ha risposto picche: “Non lo faremo”
Weinstein positivo al coronavirus
Weinstein positivo al coronavirus
L’ex produttore condannato per reati sessuali sarebbe in isolamento nel piccolo carcere di Alden
India, impiccati i killer di Nirbhaya
India, impiccati i killer di Nirbhaya
Quattro balordi che nel dicembre del 2012 hanno violentato, torturato e ucciso una studentessa, sono saliti sul patibolo. La vicenda di Nirbhaya ha contribuito a inasprire le pene contro la piaga dello stupro
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Corea del Nord, dove il coronavirus non arriva
Una probabilità ritenuta non credibile, ma che Pyongyang continua ad affermare con ostinatezza. A dimostrare il contrario la scelta di costruire un nuovo ospedale in tempi brevissimi
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Giappone, il killer dei disabili condannato a morte
Il 26 luglio 2016, l’ex infermiere Satoshi Uematsu ha ucciso nel sonno 19 disabili ospiti di un centro di assistenza. Quattro anni dopo, il tribunale di Yokohama l’ha condannato all’impiccagione
La sfida della Birmania
La sfida della Birmania
L’Union Solidarity and Development Party contro la National League for Democracy, come dire i militari contro Aung San Suu Kyi: il futuro di uno dei più poveri stati al mondo è in gioco tra schermaglie e minacce dei due schieramenti
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Danneggia un Moai dell’Isola di Pasqua con un pick-up
Un cileno, arrestato dalla polizia, si è schiantato su uno dei preziosi e antichissimi busti di Rapa Nui. Da tempo, le autorità chiedevano norme e regole stradali più strette
Domati tutti gli incendi in Australia
Domati tutti gli incendi in Australia
Dopo oltre 240 giorni, il New South Wales australiano è finalmente libero dai devastanti roghi che hanno messo il Paese in ginocchio
Il prezzo del coronavirus in Cina
Il prezzo del coronavirus in Cina
Le ambizioni e i programmi economici si stanno sgretolando davanti alla censura che fin dall’inizio ha dominato la vicenda del virus. L’opinione pubblica cinese è sempre più scontenta, amareggiata e arrabbiata
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Il giallo della lettera delle infermiere di Wuhan
Pubblicata sul sito di una rivista scientifica, è scomparsa ad un giorno di distanza dalla comparsa. Racconta le difficoltà in cui vivono medici e infermieri in servizio a Wuhan, e smascherano l’ottimismo di Pechino