Lo storico napoleonico diventato assassino

| Oleg Sokolov, 63 anni, celebre in tutto il mondo per i suoi studi napoleonici, ripescato nelle acque del fiume di San Pietroburgo mentre tentava di disfarsi del corpo smembrato della fidanzata 22enne

+ Miei preferiti
Alla polizia di San Pietroburgo, accorsa sulle rive del fiume Moïka, quel tizio tirato fuori dall’acqua, dove rischiava di annegare, era sembrato un po’ strano. Vestito in un sontuoso e ingombrante costume di epoca napoleonica, era completamente ubriaco e farneticava. È bastato ancora meno per capire che si trattava di Oleg Sokolov, 63 anni, uno dei più grandi e affermati studiosi russi di storia napoleonica: insignito dalla Legion d’Onore francese nel 2003, docente e membro del consiglio scientifico dell’istituto di scienze sociali, economiche e politiche di Lione, professore di storia e civiltà francese all’università di San Pietroburgo e presidente dell’associazione russa di Storia Militare, era solito partecipare a rievocazioni in costume sia come consulente scientifico che per impersonare l’imperatore francese.

Il peggio però doveva ancora arrivare, perché quando gli agenti hanno aperto lo zaino che il professore aveva con sé, hanno scoperto i resti di Anastassia Echtchenko, una ragazza di 22 anni, sua ex studentessa. A ricostruire l’accaduto è stato lo stesso Sokolov, che ha prima ammesso di aver ucciso e smembrato la ragazza, quindi confessato che stava tentando di liberarsi del corpo gettandolo nelle acque gelide del Moïka, dove aveva intenzione di farla finita lui stesso, ma l’essere ubriaco non è stato di aiuto: Sokolov è caduto in acqua, senza riuscire a liberarsi dello zaino.

Qualche ora prima, per disfarsi più agevolmente del cadavere di Anastassia Echtchenko, lo storico le avrebbe tagliato la testa e gli arti. Parti ritrovate poche ore dopo nel suo appartamento durante una perquisizione della polizia. L’avvocato del celebre studioso, Alexandre Potchouev, ha confermato che Sokolov ha ammesso le proprie colpe e ora si trova in ospedale vittima di una grave ipotermia. Nelle prossime ore, lo storico comparirà davanti al magistrato, ma si è già dichiarato disposto alla piena collaborazione, oltre che pentito del gesto, anche se al momento la sua versione è che la morte sia stata in realtà un tragico incidente, e la decisione di far sparire il corpo nata invece dalla paura di uno scandalo che gli avrebbe rovinato la prestigiosa carriera.

Malgrado l’enorme differenza di età, rivelano i media locali, i due avevano una relazione e da qualche tempo convivevano. Ma a compromettere la posizione di Sokolov sono arrivate le testimonianze di alcuni suoi ex allievi e amici di Anastassia, secondo i quali il professore era conosciuto e temuto per atteggiamenti molto aggressivi che già nel 2008 l’avevano messo nei guai: aveva picchiato e minacciato una sua fidanzata, anch’essa ex studentessa. La stessa sorte era toccata lo scorso anno ad uno studente che aveva chiesto pubblicamente a Sokolov di giustificarsi da un’accusa di plagio: qualche giorno dopo, il giovane era stato vittima di un agguato da parte di altri giovani, che arrestati avevano fatto il nome di Sokolov come mandante.

Galleria fotografica
Lo storico napoleonico diventato assassino - immagine 1
Lo storico napoleonico diventato assassino - immagine 2
Lo storico napoleonico diventato assassino - immagine 3
Mondo
L’ONU in pressing
sulle principesse scomparse
L’ONU in pressing<br>sulle principesse scomparse
L’alto Commissario per i Diritti Umani ha chiesto un incontro con il nuovo ambasciatore di Dubai all’ONU. Chiederanno la prova in vita e di poter parlare con Latifa e Shamsa, di cui si è persa ogni traccia
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
La vincitrice dell’edizione 2019 ha strappato la corona dalla testa della neo eletta accusandola di essere divorziata. Il tutto in diretta televisiva
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Almeno 40 gli arresti, mentre monta l’indignazione degli Emirati Arabi Uniti, dove le leggi sull’oscenità sono assai rigorose. Il servizio fotografico era destinato ad un sito per adulti (foto: Daily Mail)
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Un tribunale li ha ritenuti colpevoli di aver organizzato la grande protesta di piazza del 2019: rischiano fino a cinque anni di reclusione
Myanmar, l’ecatombe
che non interessa a nessuno
Myanmar, l’ecatombe<br>che non interessa a nessuno
L’Occidente si limita a condannare, mentre dall’ex Birmania giungono notizie di massacri quotidiani e di una situazione sanitaria pronta ad esplodere. Iniziano a mancare cibo, acqua e generi di prima necessità
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le autorità del Canale di Suez autorizzano la rimozione di 20.000 metri cubi di sabbia dal fondale per liberare l’enorme portacontainer. Un blocco che può avere conseguenze pesanti
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Giorni di intense precipitazioni hanno causato un’alluvione che ha costretto le autorità a sfollare 18mila persone. La situazione è complicata da un’invasione di topi, attirati dall’eccezionale raccolto di grano
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Dopo 18 mesi di reclusione in una località segreta, iniziano i due processi a carico di Michael Kovrig e Michael Spavor, due canadesi arrestati come ripercussione per l’arresto della top manager Huawei
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
Kathleen Folbigg è stata condannata per l’omicidio dei suoi quattro figli: ma secondo le più recenti scoperte scientifiche, la causa più probabile sarebbe un’anomalia genetica trasmessa ai bimbi, che ha causato la “morte in culla”
Nell’inferno di Alexey Navalny
Nell’inferno di Alexey Navalny
Un ex detenuto ha raccontato come si vive all’interno della Colonia Penale No. 2 in cui è stato rinchiuso il dissidente scampato all’avvelenamento, ma condannato per violazione della libertà condizionata