L’ONU: c’è un mondo che rischia di morire di fame

| È uno dei peggiori effetti collaterali della pandemia: le carestie che potrebbero colpire 55 paesi e causare fino ad un milione di vittime. Molte più di quelle del coronavirus

+ Miei preferiti
È questione di poche settimane, poi il mondo si troverà ad affrontare carestie di “proporzioni bibliche”. È il pesantissimo monito dall’ONU, che fra gli effetti secondari della pandemia aggiunge una stima un miliardo di persone vittime della fame. Nel peggiore dei casi, la carestia è alquanto probabile “in circa tre dozzine di paesi”, di cui almeno 10 in cui un milione di persone soffre già di denutrizione, ha aggiunto David Beasley, direttore esecutivo del Programma Alimentare Mondiale (PAM) in un discorso al Palazzo di Vetro di New York. Conflitti e guerre civili, recessioni economiche, calo verticale degli aiuti internazionale e crollo dei prezzi del petrolio sono alcuni dei fattori che potrebbero portare a una enorme carenza di cibo.

“Mentre ci occupiamo della pandemia, stiamo arrivando sull’orlo di una carestia devastante: c’è il pericolo reale che possano morire di fame più persone di quante vittime abbia potuto fare Covid-19. Bisogna agire rapidamente per evitare un disastro planetario”. Il PAM aveva già stimato il timore di un 2020 potenzialmente devastante per numerosi Paesi dilaniati da guerra e povertà, con 135 milioni di persone costrette ad affrontare la fame, ma le proiezioni aggiornate hanno quasi raddoppiato le cifre. E se queste si aggiungono agli 821 milioni di persone già ridotte alla fame, il nuovo scenario potrebbe portare più di un miliardo di persone verso la morte certa.

Nel rapporto annuale sulle crisi alimentari, pubblicato questa settimana, l’agenzia ha identificato i 55 paesi più a rischio di carestia, per cui c’è la certezza che che i loro fragili sistemi sanitari non saranno in grado di far fronte all’impatto del virus. “Potrebbero trovarsi di fronte al peggiore degli scenari: salvare le popolazioni dalla pandemia per poi vederle morire di fame”. Dieci i paesi considerati particolarmente a rischio, dove attualmente sono in corso le peggiori crisi alimentari: Yemen, Repubblica Democratica del Congo, Afghanistan, Venezuela, Etiopia, Sud Sudan, Sudan, Siria, Nigeria e Haiti.

Già prima dello scoppio della pandemia, le scorte di cibo in alcune delle regioni più vulnerabili del mondo erano state dimezzate dall’eccezionale siccità, seguita da piogge estremamente abbondanti che hanno ridotto notevolmente la resa dei raccolti stagionali nel Corno d’Africa. Fenomeni climatici e meteorologici che hanno anche contribuito alla peggiore invasione di locuste degli ultimi 25 anni. Nel frattempo, secondo l’agenzia, la combinazione di conflitti, shock climatici e parassiti dei raccolti ha portato lo Yemen sull’orlo della peggiore crisi alimentare del mondo.

“Si prevede che le misure di blocco e la recessione economica porteranno a una grave perdita di reddito tra le fasce più povere: il turismo, fondamentale in Paesi come Haiti, Nepal e Somalia, e il crollo dei prezzi del petrolio, avranno un impatto amplificato dalla grave situazione in corso”.

L’appello è stato lanciato agli Stati membri dell’ONU affinché agiscano immediatamente: “Non ci sono ancora in atto carestie, ma se non ci prepariamo e non agiamo subito, potremmo trovarci di fronte a eventi di dimensioni bibliche nel giro di pochi mesi. Non abbiamo tempo dalla nostra parte, quindi agiamo con saggezza e in fretta. Con la nostra esperienza e la nostra collaborazione, possiamo evitare che la pandemia si trasformi in una catastrofe umanitaria e in una crisi alimentare senza precedenti”.

Mondo
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Dramma in Brunei: muore a 38 anni uno dei figli del sultano
Rampollo di una delle famiglie più ricche del pianeta, inseguito dalla fama di playboy e assiduo frequentatore della mondanità più esclusiva, si è spento a 38 anni per una grave malattia
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Il mistero di Ri Sol-ju, la «venerabile first lady» nordcoreana
Della moglie di Kim Jong-un, su cui aleggia da sempre il più fitto mistero, non si sa più nulla dal gennaio scorso. Sul suo destino circolano diverse teorie, una peggiore dell'altra
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
Thailandia, tre giorni di tempo al premier per dimettersi
È un botta e risposta tra il governo e il fronte della protesta: i militari si dicono pronti a revocare lo stato di emergenza, i manifestanti rispondo con un ultimatum, o sarà il caos
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Australia, lo scandalo delle case di cura per anziani
Secondo una commissione governativa incaricata di indagare, ogni settimana si verificherebbero oltre 50 fra aggressioni a scopo sessuale e violenze ai danni dei residenti
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Pistorius, l’unico desiderio il perdono
Bill Schroder, un amico del paratleta in galera per l’omicidio della fidanzata Reeva, svela che Oscar non spera di uscire di prigione, ma di essere perdonato dalla famiglia della ragazza
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Beirut, una delle esplosioni più forti della storia
Calcoli alla mano, è una delle più potenti di sempre, seconda soltanto a quelle delle atomiche sganciate sul Giappone. In pochi istanti, le quasi 3.000 tonnellate di nitrato di ammonio hanno liberato una forza pari a 500 tonnellate di TNT
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
L’Interpol sulle tracce dell’erede «Red Bull»
Nel 2012 travolge e uccide un uomo, ma la ricchissima famiglia versa fiumi di denaro per salvarlo dalla galera. Ma i thailandesi non ci stanno e la polizia formula nuove accuse accompagnate da un mandato di cattura internazionale
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
Jacinta Ardern: «Quando mi facevo le canne»
L’ammissione della premier neozelandese accolta da un applauso nel Paese dove i cittadini stanno per scegliere con un referendum se legalizzare o meno l'uso di cannabis
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
Australia, pedofili condannati a due anni di carcere
In tanti stanno sfruttando una legge che concede il 40% di sconto sulla pena a chi ammette la propria colpevolezza. E la polemica infuria
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Arrestato «Vissarion», l’ex agente che si crede Gesù
Accusato di furto, truffa e frode, avrebbe estorto denaro e beni ai suoi adepti. Ex agente della polizia stradale russa, racconta da sempre di aver ricevuto la chiamata dallo Spirito Santo