L’ONU: c’è un mondo che rischia di morire di fame

| È uno dei peggiori effetti collaterali della pandemia: le carestie che potrebbero colpire 55 paesi e causare fino ad un milione di vittime. Molte più di quelle del coronavirus

+ Miei preferiti
È questione di poche settimane, poi il mondo si troverà ad affrontare carestie di “proporzioni bibliche”. È il pesantissimo monito dall’ONU, che fra gli effetti secondari della pandemia aggiunge una stima un miliardo di persone vittime della fame. Nel peggiore dei casi, la carestia è alquanto probabile “in circa tre dozzine di paesi”, di cui almeno 10 in cui un milione di persone soffre già di denutrizione, ha aggiunto David Beasley, direttore esecutivo del Programma Alimentare Mondiale (PAM) in un discorso al Palazzo di Vetro di New York. Conflitti e guerre civili, recessioni economiche, calo verticale degli aiuti internazionale e crollo dei prezzi del petrolio sono alcuni dei fattori che potrebbero portare a una enorme carenza di cibo.

“Mentre ci occupiamo della pandemia, stiamo arrivando sull’orlo di una carestia devastante: c’è il pericolo reale che possano morire di fame più persone di quante vittime abbia potuto fare Covid-19. Bisogna agire rapidamente per evitare un disastro planetario”. Il PAM aveva già stimato il timore di un 2020 potenzialmente devastante per numerosi Paesi dilaniati da guerra e povertà, con 135 milioni di persone costrette ad affrontare la fame, ma le proiezioni aggiornate hanno quasi raddoppiato le cifre. E se queste si aggiungono agli 821 milioni di persone già ridotte alla fame, il nuovo scenario potrebbe portare più di un miliardo di persone verso la morte certa.

Nel rapporto annuale sulle crisi alimentari, pubblicato questa settimana, l’agenzia ha identificato i 55 paesi più a rischio di carestia, per cui c’è la certezza che che i loro fragili sistemi sanitari non saranno in grado di far fronte all’impatto del virus. “Potrebbero trovarsi di fronte al peggiore degli scenari: salvare le popolazioni dalla pandemia per poi vederle morire di fame”. Dieci i paesi considerati particolarmente a rischio, dove attualmente sono in corso le peggiori crisi alimentari: Yemen, Repubblica Democratica del Congo, Afghanistan, Venezuela, Etiopia, Sud Sudan, Sudan, Siria, Nigeria e Haiti.

Già prima dello scoppio della pandemia, le scorte di cibo in alcune delle regioni più vulnerabili del mondo erano state dimezzate dall’eccezionale siccità, seguita da piogge estremamente abbondanti che hanno ridotto notevolmente la resa dei raccolti stagionali nel Corno d’Africa. Fenomeni climatici e meteorologici che hanno anche contribuito alla peggiore invasione di locuste degli ultimi 25 anni. Nel frattempo, secondo l’agenzia, la combinazione di conflitti, shock climatici e parassiti dei raccolti ha portato lo Yemen sull’orlo della peggiore crisi alimentare del mondo.

“Si prevede che le misure di blocco e la recessione economica porteranno a una grave perdita di reddito tra le fasce più povere: il turismo, fondamentale in Paesi come Haiti, Nepal e Somalia, e il crollo dei prezzi del petrolio, avranno un impatto amplificato dalla grave situazione in corso”.

L’appello è stato lanciato agli Stati membri dell’ONU affinché agiscano immediatamente: “Non ci sono ancora in atto carestie, ma se non ci prepariamo e non agiamo subito, potremmo trovarci di fronte a eventi di dimensioni bibliche nel giro di pochi mesi. Non abbiamo tempo dalla nostra parte, quindi agiamo con saggezza e in fretta. Con la nostra esperienza e la nostra collaborazione, possiamo evitare che la pandemia si trasformi in una catastrofe umanitaria e in una crisi alimentare senza precedenti”.

Mondo
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
In un insolito bagno di umiltà pubblica, il capo del centro per il controllo e la prevenzione delle malattie ha ammesso la scarsa efficacia della profilassi cinese rispetto agli altri vaccini
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’alto Commissario per i Diritti Umani ha chiesto un incontro con il nuovo ambasciatore di Dubai all’ONU. Chiederanno la prova in vita e di poter parlare con Latifa e Shamsa, di cui si è persa ogni traccia
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
La vincitrice dell’edizione 2019 ha strappato la corona dalla testa della neo eletta accusandola di essere divorziata. Il tutto in diretta televisiva
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Almeno 40 gli arresti, mentre monta l’indignazione degli Emirati Arabi Uniti, dove le leggi sull’oscenità sono assai rigorose. Il servizio fotografico era destinato ad un sito per adulti (foto: Daily Mail)
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Un tribunale li ha ritenuti colpevoli di aver organizzato la grande protesta di piazza del 2019: rischiano fino a cinque anni di reclusione
Myanmar, l’ecatombe
che non interessa a nessuno
Myanmar, l’ecatombe<br>che non interessa a nessuno
L’Occidente si limita a condannare, mentre dall’ex Birmania giungono notizie di massacri quotidiani e di una situazione sanitaria pronta ad esplodere. Iniziano a mancare cibo, acqua e generi di prima necessità
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le autorità del Canale di Suez autorizzano la rimozione di 20.000 metri cubi di sabbia dal fondale per liberare l’enorme portacontainer. Un blocco che può avere conseguenze pesanti
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Giorni di intense precipitazioni hanno causato un’alluvione che ha costretto le autorità a sfollare 18mila persone. La situazione è complicata da un’invasione di topi, attirati dall’eccezionale raccolto di grano
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Dopo 18 mesi di reclusione in una località segreta, iniziano i due processi a carico di Michael Kovrig e Michael Spavor, due canadesi arrestati come ripercussione per l’arresto della top manager Huawei
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
Kathleen Folbigg è stata condannata per l’omicidio dei suoi quattro figli: ma secondo le più recenti scoperte scientifiche, la causa più probabile sarebbe un’anomalia genetica trasmessa ai bimbi, che ha causato la “morte in culla”