L’ultimo ricordo di Jillian

| Un esperto della polizia scientifica di Londra è riuscito a isolare e donare alla famiglia le impronte lasciate dalla loro bimba, morta lo scorso marzo a quattro anni per una violenta crisi epilettica

+ Miei preferiti
Lo scorso marzo, Jillian Caslick è morta nel sonno nella sua casa di famiglia in Ontario, Canada. Aveva solo 4 anni, ma soffriva dalla nascita di crisi febbrili che all’improvviso le alzavano pericolosamente la temperatura corporea. Quella mattina la scuola aveva avvisato i genitori di riportare a casa Jillian perché aveva la febbre alta: “La tenevamo sempre sotto controllo, perché la febbre alta le provocava convulsioni. Tornati a casa l’avevamo messa a letto, e sembrava che la crisi fosse passata: si era addormentata e sono uscita per andare al lavoro. Non potevo immaginare che sarebbe stata l’ultima volta in cui avrei visto la mia piccola ancora viva”, racconta Rebekha, la mamma, al “London Free Press”.

Gli esami hanno stabilito che Jillian è morta a causa di un violento attacco epilettico, e da allora per Rebekha e suo marito Steve non c’è pace. La settimana scorsa, mentre fuori imperversava un violento temporale, hanno notato strani segni sul vetro della porta d’ingresso, riportati alla luce dalla condensa formata dalla differenza di temperatura fra interno ed esterno. Hanno capito subito: qualche giorno prima di andarsene, Jillian aveva avvicinato il suo faccino al vetro per mandare un bacio alla mamma dentro casa.

Per nessun motivo al mondo, Rebekha e Steve avevano intenzione di perdere quell’ultimo piccolo gesto affettuoso della loro piccola, ma non sapevano come fare: anche togliendo il vetro, non c’era modo di conservare e rendere visibile il segno delle labbra e del nasino di Jillian. Nel disperato tentativo di preservare il piccolo ricordo della loro bimba, la coppia si è rivolta ai social media per avere un consiglio.

Fra i tanti che hanno risposta anche Kimberly, un’amica di famiglia ha contattato una persona che conosceva al dipartimento di polizia di Londra. Gli agenti si sono detti ben felici di aiutare i genitori di Jillian attraverso alcuni procedimenti utilizzati dalla scientifica durante le indagini, avvisando però i genitori che c’era la possibilità che non tutte le impronte del volto potessero essere trasferite su un’altra superficie.



Rebekah ricorda: “Avevo il cuore in gola, era un rischio enorme. L’agente della scientifica si è preso tutto il tempo necessario per assicurarsi che l’immagine si conservasse: è stato fatto tutto in modo professionale e con molta gentilezza. Il risultato finale è eccezionale, eravamo sbalorditi”.

Gli agenti sono riusciti a “sollevare” l’impronta del viso di Jillian coprendo la finestra con le polveri utilizzate per rimuovere le impronte digitali e poi l’hanno trasferita su una scheda. “Grazie al detective che è venuto a casa e al dipartimento per essere andato ben oltre il proprio dovere – ha commentato Kimberly - tutti quelli che conoscono la famiglia Caslick o che hanno sentito della morte di Jillian hanno desiderato poter fare qualcosa che potesse alleviare il loro dolore anche solo in minima parte, il vostro regalo per loro è un regalo per tutti noi”. La portavoce della polizia di Londra, Sandasha Bough, ha risposto: "Il nostro ufficiale è stato in grado di lasciare un piccolo tesoro alla famiglia della bimba. Questo è un lato della polizia che spesso passa inosservato: facciamo tutti parte di questa comunità. Non solo lavoriamo qui, ma viviamo e cresciamo anche le nostre famiglie”.

Galleria fotografica
L’ultimo ricordo di Jillian - immagine 1
Mondo
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
La Cina ammette: i nostri vaccini sono poco efficaci
In un insolito bagno di umiltà pubblica, il capo del centro per il controllo e la prevenzione delle malattie ha ammesso la scarsa efficacia della profilassi cinese rispetto agli altri vaccini
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’ONU in pressing sulle principesse scomparse
L’alto Commissario per i Diritti Umani ha chiesto un incontro con il nuovo ambasciatore di Dubai all’ONU. Chiederanno la prova in vita e di poter parlare con Latifa e Shamsa, di cui si è persa ogni traccia
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
Sri Lanka, fra le miss volano gli stracci
La vincitrice dell’edizione 2019 ha strappato la corona dalla testa della neo eletta accusandola di essere divorziata. Il tutto in diretta televisiva
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Rischiano grosso le modelle nude su un balcone di Dubai
Almeno 40 gli arresti, mentre monta l’indignazione degli Emirati Arabi Uniti, dove le leggi sull’oscenità sono assai rigorose. Il servizio fotografico era destinato ad un sito per adulti (foto: Daily Mail)
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Hong Kong, condannati gli attivisti pro-democrazia
Un tribunale li ha ritenuti colpevoli di aver organizzato la grande protesta di piazza del 2019: rischiano fino a cinque anni di reclusione
Myanmar, l’ecatombe
che non interessa a nessuno
Myanmar, l’ecatombe<br>che non interessa a nessuno
L’Occidente si limita a condannare, mentre dall’ex Birmania giungono notizie di massacri quotidiani e di una situazione sanitaria pronta ad esplodere. Iniziano a mancare cibo, acqua e generi di prima necessità
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le disperate manovre per liberare la Even Given
Le autorità del Canale di Suez autorizzano la rimozione di 20.000 metri cubi di sabbia dal fondale per liberare l’enorme portacontainer. Un blocco che può avere conseguenze pesanti
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Pioggia e topi, le piaghe dell’Australia
Giorni di intense precipitazioni hanno causato un’alluvione che ha costretto le autorità a sfollare 18mila persone. La situazione è complicata da un’invasione di topi, attirati dall’eccezionale raccolto di grano
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Cina, due canadesi a processo per spionaggio
Dopo 18 mesi di reclusione in una località segreta, iniziano i due processi a carico di Michael Kovrig e Michael Spavor, due canadesi arrestati come ripercussione per l’arresto della top manager Huawei
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
La più celebre serial killer australiana potrebbe essere innocente
Kathleen Folbigg è stata condannata per l’omicidio dei suoi quattro figli: ma secondo le più recenti scoperte scientifiche, la causa più probabile sarebbe un’anomalia genetica trasmessa ai bimbi, che ha causato la “morte in culla”